Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

BURGAZZI: "LA VITTORIA NELLA LITTLE LEAGUE EUROPEA DELLE NOSTRE RAGAZZE E' UN VERO SUCCESSO DI SQUADRA"

C'è enorme soddisfazione nella voce del presidente del Comitato regionale Lombardia, Mario Burgazzi, per l'impresa portata a termine dalla selezione ragazze in quel di Kutno: "Impresa è certamente il termine giusto. Storica, aggiungerei, visto che con questo percorso netto le nostre ragazze sono le prime a staccare il biglietto che porta alle finali Little League."


Senz'altro il culmine di un grande lavoro portato avanti in questi anni. "Un grande lavoro di squadra" sottolinea Burgazzi "alle atlete e ai tecnici che, in campo e fuori, hanno conseguito questo successo, voglio assolutamente ricordare altri tre elementi fondamentali di questa squadra, ai quali vanno i ringraziamenti di tutti, nostri innanzitutto, ma anche di tutto il movimento.


Il primo è il presidente federale Riccardo Fraccari, che ha portato avanti con convinzione un investimento nell'attività giovanile che non ha eguali nella nostra storia, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo, con il progetto Verde Azzurro e Verde Rosa e con il programma delle selezioni.


La selezione Ragazze Lombardia vincitrice del Torneo delle Regioni 2008 (Ferrini/FIBS)Poi va sottolineato il fondamentale contributo di Guido Soldi, che abbiamo coinvolto in corsa, dopo l'inattesa sconfitta delle cadette al Torneo delle Regioni: con grande entusiasmo ha reso disponibile la sua esperienza, di chi conosce e segue giorno per giorno le ragazze, e la sua discreta supervisione si è dimostrata da subito utilissima nel nostro lavoro.


Da ultimo, ma non per importanza, voglio ringraziare ancora Giovanni Tofaletti, che, oltre a mandare avanti quotidianamente gli uffici del comitato, si è preso sulle spalle tutta l'organizzazione della parte softball, con l'aiuto logistico di alcuni genitori, e, devo dire, non so proprio come avremmo potuto fare senza di lui."


E il lavoro di tutti non è certo finito: Portland attende fra pochi giorni questa squadra che rappresenterà i colori azzurri nell'evento giovanile più importante del pianeta.