Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Terza sconfitta con l'Australia

Nonostante una buona reazione nel finale, la nazionale juniores ha subito la terza sconfitta in tre gare nella Capital Cup, in corso di svolgimento a Ottawa, nell'Ontario. Gli azzurrini hanno perso contro l'Australia 5-3, al temine di una gara dominata dai nostri avversari nelle prime riprese, ma resa interessante da un tentativo di rimonta italiana nel settimo inning.

L'Australia, meno sicura in difesa delle squadre affrontate finora dagli azzurri, è apparsa una formazione molto potente; più volte, i nostri avversari hanno spedito la palla vicino alle recinzioni, posizionate in tutte le zone del campo a più di 300 piedi dal piatto, a Jet Form Park. L'Italia, guidata sul monte dal partente Letteri, è sembrata un po'meno sicura in difesa e meno concentrata rispetto alle gare precedenti, e ha subito la maggior potenza del lineup australiano.
La difesa azzurra ha tenuto ad un solo punto gli avversari nella prima ripresa, pur avendo questi già cominciato a 'legnare' in maniera pesantissima già dal primo lancio; ad attraversare il piatto è stato Hughes, portato a casa dalla volata di Bylett; un errore di Fuzzi, ed un'altra serie di battute efficaci da parte degli australiani ha permesso loro di segnare ancora due volte nel secondo e una volta nel terzo, grazie al lunghissimo fuoricampo di Bylett.
Gli azzurri hanno aperto il loro primo turno offensivo con due valide consecutive su bunt, ma il doppio gioco sulla battuta di Pistocchi presa al volo da D'Antonio ha spento le speranze iniziali dei nostri; grazie anche ad un errore dell'interbase Hughes, la nostra squadra ha però accorciato le distanze al quarto inning con Zileri, che è stato portato a casa dal gran doppio di Sgnaolin. Nella seconda parte della stessa ripresa una bella presa di Santolupo all'esterno sinistro ha poi evitato che i nostri avversari aumentassero il loro vantaggio.
Dopo 4 riprese Letteri è stato sostituito dal rilievo De Prato, che ha lanciato meglio rispetto alla brutta prova di ieri, ed ha concesso solo un punto in due inning; nella quinta ripresa, poi, Bosco non ha saputo approfittare della pallina che il seconda base Hambly ha lasciato cadere, e si è fatto cogliere in seconda.
Al settimo gli azzurri hanno tentato la rimonta: Sgnaolin ha battuto un singolo, poi Amato ha spedito una pallina sul seconda base Hambly, che ha tentato invano di toccare Sgnaolin; gli arbitri hanno chiamato l'out nonostante le proteste della panchina azzurra e quando in seguito Bosco è arrivato su errore e Fuzzi ha battuto valido, solo 2 punti sono entrati, per il 5-3 finale.

Domani gli azzurrini giocheranno altre due volte: alle 19 italiane contro gli Ottawa White Sox e alle 21 contro i Canadian Thunderbirds, mentre tra poche ore è in programma l'home-run contest.

ITALIA 0 0 0 1 0 0 2 = 3 ( 7 bv, 2 e)
AUSTRALIA 1 2 1 0 1 0 x = 5 ( 6bv, 2 e)

ITALIA Cortini 9 1-4, Benvenuti 5 1-3, Pistocchi 4 0-2, Zileri 3 1-3, Sgnaolin DH 2-3, Santolupo 7 0-3, Bosco 2 0-3, Fuzzi 6 1-3, Amato 9 1-3
AUSTRALIA Hughes 6, Bylett 9 (HR da un pt nel terzo), Berg 8 Sadler DH, Sutherland 3, D'Antonio 7, Hambly 4, Klem 5, Carlsen 2

Lanciatori:

ITALIA

Letteri(p) 4 rl 4 r 2 er 4 h 1 bb 0 k
Del Prato 2 rl 1 r 1 er 2 h 1 bb 0 k

AUSTRALIA

Milmlow(v)