Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

L'Italia Junior cede con l'onore delle armi ai collegiali del Future Orlando

LAKE BUENA VISTA (Florida) – L’Italia Junior mette paura alla Future All Stars di Orlando nella quarta uscita allo spring training in Florida. I ragazzi di Marco Mazzieri e Bill Holmberg si sono arresi (3-2 il finale) ad una selezione di college, Under 21, a causa della mancanza di esperienza in certe situazioni, come quella contro un lanciatore dalla palla velocissima, che sfiora le 90 miglia.
“I nostri atleti – sorride Marco Mazzieri – hanno confermato le buone prestazioni dei giorni scorsi, considerando che questo era l’ostacolo più grosso che si sono trovati sulla strada fino ad adesso. Potrei rimproverarli per aver preso troppi strike out, ma capisco che a pitcher così veloci bisogna farci l’occhio. Vedrete che nella quinta partita, che giocheremo ancora con questo gruppo di latino-americani andrà molto meglio”.
“Mi rammarico del fatto – continua Mazzieri – che la battuta di Sambucci non si è trasformata in un doppio solo per poco. Sarebbero entrati due punti…”
“Ottima partita – commenta Bill Holmberg – Ci siamo trovati di fronte ragazzi di ventuno anni, come il lanciatore partente, mentre noi ci siamo presentati con sedicenni come Pizzicori e Cherubini. Sono soddisfattissimo. Avanti così”.
Gli azzurri, come hanno sottolineato i due tecnici, hanno trovato sulla loro strada un ottimo avversario, che si è presentato con un pitcher da 88 miglia, Mario Rodriguez, che in quattro inning ha ottenuto sette eliminazioni al piatto ed ha fatto battere valido solo Sambucci e Rubboli, arrivato in terza base al 4°, come è successo a Medoro (in base su errore) al 2°. La selezione Usa pienava invece le basi al 1° su Mattia Pizziconi che comunque evitava altri guai e poi chiudeva benissimo le altre due riprese lanciate.
La gara si sbloccava al 4°: Vilfredo Rodriguez iniziava la ripresa con una valida a sinistra sul rilievo Cherubini. Il corridore arrivava poi in terza sulla hit del ricevitore Blasini ed a casa su quella di Martinez.
Immediata la riscossa azzurra al 5: Medoro piazzava un doppio a sinistra al rilievo Josè Navarro, mentre De Blasi (sostituito in corsia da Caradonna) veniva colpito. Medoro veniva colto rubando, ma Vaglio si prendeva quattro ball. La valida al centro di Malengo valeva il pareggio.
Al cambio di campo nuovo vantaggio Usa con le valide di Jaquez e Clark ed un errrore. Il singolo di Vasquez a destra portava poi il team di casa sul 3-1.
Al sesto l'Italia occupava tutti i cuscini con le basi a Rubboli e Ambrosino ed il colpito di De Donno. La base a Sabbatani faceva segnare il 2-3 a Rubboli. Ma i Future All Stars con uno strike out ed un doppio gioco a chiudere senza altri danni.
L’oscurità ed il freddo hanno negato agli azzurrini la chance del settimo inning.
Sabato alle 14,30 locali (le 22,30 italiane) i ragazzi di Mazzieri avranno comunque la possibilità di riscattare questa prima sconfitta nello spring training proprio contro i Future All Stars in un incontro da nove riprese.

FUTURE ALL STARS-ITALIA 3-2
ITALIA:
Gelli 6, Malengo 5, Sambucci 3, Rubboli dh, Ambrosino 8, De Donno 9, Medoro 2 (Sabbatani), De Blasi 7 (Savasta) (Caradonna sc), Vaglio 4.
FUTURE ALL STARS: Clark 7, Torres 6, Vasquez 5, Vilfredo Rodriguez 3, Rosario 8, Blasini 2, Martinez, Tortolero dh, Jacquez 9, Pena dh2.
PUNTI: Italia 000.011: 2 (4bv-2e); Future 000.120: 3 (7bv-1e).
LANCIATORI : Mario Rodriguez 4rl-2bv-1bb-7so, Navarro 1rl-2bv-2bb-1so, Moronta 1rl-0bv-2bb-1so; Mattia Pizziconi 3rl-1bv-3bb-3so, Cherubini 1rl-5bv-0bb-0so; Andrea Pizziconi 2rl-1bv-1bb-1so.
NOTE: doppio Medoro. Migliori nel box: Vilfredo Rodriguez 667 (2/3), Rubboli 500 (1/2).