Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Gli azzurri BxC in Campidoglio con l'Assessore Daniele Frongia (ML Oldman)
Baseball Giocato da Ciechi

L’Italia BxC premiata in Campidoglio

Come promesso in occasione della visita durante la Mole’s Cup, l’Assessore allo sport di Roma Capitale, Daniele Frongia, ha ricevuto e premiato in Campidoglio una nutrita delegazione della Nazionale Italiana di Baseball Giocato da Ciechi che quella coppa internazionale l’ha vinta, in settembre sul campo dell’Acquacetosa, battendo Cuba 1-0 al termine di una bellissima finale.

Nella Sala ‘Laudato Sì’ della Piccola Protomoteca, l’Italia espressione della LIBCI e della FIBS era rappresentata dagli atleti Gaetano Casale, Giorgio Napoli, Ivan Nesossi, Danny Oliveri, Andrea Lazzarini, Ambra Trefolello, Alfonso Somma, Giuseppe Checchi, Yeraldin Rivera, dagli allenatori e assistenti Claudio Molon, Lauro Lanzarini, Marta Mastrantonio, Marco Corazza, Fabio Azzaro, Susanna Campati, Morena Malaman e Alessandro Meli, insieme al personale della Federazione che ha contribuito all’organizzazione del torneo.

Assenti i vertici della AIBxC e della LIBCI, con il Presidente Alberto Mazzanti impegnato al Congresso WBSC di Osaka e il Commissioner della Lega Stefano Malaguti trattenuto a Bologna da un malanno di stagione, il movimento è stato egregiamente rappresentato da Giorgio Napoli, che, oltre a giocare, ricopre anche il ruolo di Vice-presidente della LIBCI, e dal Segretario Generale della FIBS Giampiero Curti.

“Abbiamo deciso che quest’anno avremmo ricevuto ufficialmente qui una sola Squadra Nazionale” ha affermato Frongia “e sono molto orgoglioso che questa sia la vostra. Ho assistito personalmente a diverse partite del All-Blinds e ogni volta è stupefacente quello che fate in campo.”

L’Assessore ha voluto leggere le brevi ed efficacissime righe (riportate nell’articolo al link in calce) con le quali il ‘papà’ del Baseball per Ciechi, Alfredo Meli, ha descritto la sua creatura sportiva, parole ritrovate casualmente nel sistemare la sede della Lega dopo il vandalico saccheggio di qualche giorno fa.

Frongia ha ricordato poi che “Roma è una delle tante città d’Italia, ma è ovvio che ha un suo peso tutto particolare e Roma è a disposizione per fornire ogni appoggio istituzionale che possa contribuire a richiamare l’attenzione e il supporto per i vostri progetti.”

“Il progetto principale” ha segnalato Curti “forte della crescita individuale impressionante che la pratica dello sport comporta, passa attraverso la non semplice diffusione della disciplina fra i ciechi, le loro famiglie, le associazioni e tutti coloro che devono essere coinvolti per la crescita del BxC che può portare al compimento del percorso che conduce all’inserimento nel programma dei Giochi Paralimpici.”

“Ho iniziato nel 2016” ha confermato Napoli “e non posso che confermare l’enorme opportunità che questa esperienza costituisce, sia per la gratificazione sportiva, sia per la consapevolezza e l’indipendenza che comporta nella vita di tutti i giorni.”

Marco Landi

A volte da atti banali emergono tesori inattesi