Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Nazionali Baseball

Dal Titano al mondo dei professionisti: Alessandro Ercolani firma per i Pittsburgh Pirates

San Marino e il baseball hanno un legame speciale, di amore e passione per il baseball. Alessandro Ercolani ha respirato quest’entusiasmo sin da piccolo, accompagnato dalla sua famiglia e da un ambiente che lo ha sempre stimolato. Nel corso degli anni il suo lavoro e i suoi sacrifici lo hanno portato a realizzare un grande sogno: la firma per una franchigia di Major League Baseball. A pochi giorni dal suo 17esimo compleanno, Ercolani ha ufficialmente firmato per i Pittsburgh Pirates.

Il ragazzo dal doppio passaporto sammarinese e italiano è stato protagonista della conferenza stampa, tenutasi presso il quartier generale del CONS (Comitato Olimpico Sammarinese) nella giornata odierna. Per annunciare la notizia, assieme allo scout dei Pirates Tom Gillespie e un emozionato Presidente della Federazione Baseball Softball di San Marino Enea Ercolani, padre di Alessandro, sono intervenuti i vertici dello sport di San Marino, Gian Primo Giardi (presidente del CONS), il Segretario allo Sport Teodoro Lonfernini il vice presidente FIBS Gigi Mignola, Angelo Vicini (tesoriere della WBSC) e Alberto Antolini.

L’interesse delle franchigie MLB per Ercolani non era un segreto. Da un paio di anni era finito nei radar di varie squadre dopo un 2019 che ha rappresentato la svolta. Con sacrificio ha guadagnato l’opportunità di giocare fra i professionisti, ha condiviso un 2020 assieme a giocatori di grande esperienza, tra cui uno degli italiani dalla carriera più prestigiosa nel mondo, Alessandro Maestri. Negli ultimi giorni è arrivata l’ufficialità dell’accordo con i Pirates e dall’inizio del mese di maggio inizierà la sua avventura a Bradenton (Florida), a Pirate City, con i primi allenamenti assieme al gruppo di prospetti della franchigia di Pittsburgh, poi con tutta probabilità affronterà il campionato di Rookie League. Si tratta del secondo italiano a firmare per i Pirates dopo Claudio Scotti nel 2016.

“È un sogno che si realizza, questa firma mi rende fiero del lavoro che ho fatto” ha dichiarato Ercolani, primo giocatore cresciuto sul monte Titano a firmare per ua franchigia di MLB. “Dall’America mi aspetto un livello alto e l’obiettivo sarà riuscire a migliorarmi e fare il salto di qualità per affrontare livelli sempre più alti”. Timido davanti ai microfoni, ma nasconde un’energia competitiva e quel pizzico di incoscienza che hanno catturato gli occhi degli osservatori delle franchigie MLB, come conferma Tom Gillespie, scout della sezione Europa/Africa dei Pirates: “Ci è piaciuta la sua motivazione, la sua testardaggine, il suo modo di affrontare e superare le sfide. Il prossimo step è quello di crescere mentalmente e di migliorare il suo repertorio di lanci”.  

Nessuno conosce meglio Alessandro e il suo percorso di Luca Martignoni, pitching coach di una vita, che tra una “tribolazione” e l’altra lo ha accompagnato nella crescita, iniziata con i primi passi nel settore giovanile dei titani, in prima elementare, dopo una parentesi col minibasket. Dopo le avventure giovanili tra Little League e Junior League Baseball World Series, il 2019 è stato l’anno delle grandi soddisfazioni.

In luglio ha trascinato l’Italia U15 alla finale dell’Europeo a Nettuno con una dominante performance in semifinale con l’Olanda (8.1 riprese, 5 punti subiti, 8 basi su ball e 13 strikeout in 2 partenze nell’Europeo), poi vola oltreoceano e ad agosto è uno dei protagonisti della cavalcata fino ad un passo dalla semifinale nella Senior League World Series con la selezione dell’Emilia Romagna, che comprendeva vari altri prospetti nostrani, tra cui Ettore Giulianelli, amico e compagno d'avventure che ha vissuto, come Alessandro, l’emozione della firma con una franchigia MLB (i St. Louis Cardinals). Proprio dal 2019 è iniziato anche il percorso verso la firma.

Nel 2020 Ercolani ha fatto il suo debutto in Serie A1 in pianta stabile con San Marino Baseball. Lancia 6.2 riprese (4 punti subiti, 7 basi su ball, 11 strikeout in 6 apparizioni) nella stagione regolare, poi ha completato la sua annata con un inning perfetto lanciato nella Italian Baseball Series contro la UnipolSai Bologna.

Nel periodo del coronavirus in cui progetti e sogni spesso sono in stand-by e si è costretti a navigare a vista, il baseball e lo sport in generale cercano di trovare comunque un modo per andare avanti, per dare prospettiva futura ai giovani talenti. Ora è arrivato il turno di Alessandro Ercolani, pronto a spiccare il volo, a lottare per il proprio sogno americano sui diamanti più prestigiosi al mondo.

di Kevin Senatore