Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Nazionali Baseball

La Germania si conferma campione d'Europa

Il sogno azzurro si infrange proprio sul più bello. Allo "Steno Borghese" si riconferma la Germania vincendo con il risultato di 10-3 una finale che, dal quinto inning in poi, è stata a senso unico. La squadra di Georg Bull si è dimostrata più solida e mentalmente più forte sfruttando tutte le porte lasciate aperte da una Italia tornata pasticciona e che ha pagato a caro prezzo le molte disattenzioni difensive, mentre l'attacco, dopo aver lottato alla grande per le prime quattro riprese, ha pagato il dominio di un Noha Lindt intoccabile per 3.2 riprese nelle quali non ha concesso valide ed ha messo a segno sei strikeout contro due basi su ball.

Ha vinto la squadra che ha sbagliato meno. Il primo inning di Italia-Germania è stato un altro incubo per gli azzurrini che hanno pagato a caro prezzo le troppe disattenzioni difensive che hanno messo in una difficile posizione il partente Elia Sartini, il quale ha cominciato incassando due valide dai primi due battitori Tristan Russel e Yannic Wanther, quest'ultimo con un bloop single che non supera l'outfield grass. Poi le disattenzioni arrivano su due bunt: il primo, di Van Bergen, permette alla Germania di passare avanti su una palla sbucciata dal terza base Nicholas Bertoldi; il secondo, di Tim Fischer, ha mandato in bambola Filippo Venditti che non è riuscito ad effettuare il tiro in prima nonostante la distanza ravvicinata, un errore mentale che obbliga il manager Roberto De Franceschi ad effettuare una visita sul monte per scuotereNoah Lindt esulta dopo l'ultimo out (Carlo Marcoaldi) la squadra. La mossa non dà però i suoi frutti perché Venditti è ancora protagonista di una decisione discutibile sull'azione che ha portato al 2-0 della Germania che continua con aggressività sulle basi e con contatto sulla palla, come quello del 3-0 firmato Oscar Hundt. L'Italia però non è pronta a mollare ed al cambio campo sfrutta le difficoltà del partente Bjarne Reinhardt per far aumentare i decibel dello "Steno Borghese". Il partente tedesco concede due basi su ball ed un singolo (di Bertoldi) ma la sfortuna ci vede sempre bene e su una rimbalzante interna di Nicola Spagnolo, dove arriva la corsa a casa di Alessandro Beccari, l'Italia subisce la perdita del suo capitano Tommaso Adorni, colpito involontariamente al volto, mentre correva verso la seconda base, da un tiro dell'interbase Russel. Adorni è stato costretto ad uscire dal campo ed a recarsi al pronto soccorso per ricevere le adeguate cure, per poi tornare allo stadio con una vistosa fasciatura e sostenere i suoi compagni di squadra. Oltre al danno, la beffa: su Adorni è stata chiamata interferenza, e l'Italia ha subito un doppio gioco che di certo non ha aiutato le speranze di rimonta degli azzurrini che comunque segnano il secondo punto approfittando di un errore di tiro dell'interbase Oscar Hundt. Sartini nel frattempo prende le misure ai battitori avversari che non toccano palla fino alla parte alta del quinto, dove il tabellone vede il punteggio di 3-3 arrivato nella parte bassa del quarto inning con un altro errore del terza base Hundt su una battuta di Nicola Spagnolo con le basi piene. Nel quinto inning il leadoff Wanther comincia con un doppio a sinistra che chiama in causa il pitching coach Luca Martignoni, e continua con una base su ball, che invece porta De Franceschi a scegliere Lorenzo Belardi, già impiegato con successo nell'incontro di mercoledì. Anche questa mossa non è fortunata perché, nonostante la buona presenza sul monte del giocatore dei Lion's Nettuno, un lancio pazzo sposta i corridori in posizione punto ed una volata che cade poco dopo l'outfield grass - ad altezza della seconda base - porta a casa il 4-3. L'Italia subisce il dominio del nuovo entrato, il mancino Noah Lindt, poi premiato come MVP, che non lascia toccare palla ai battitori schierati da De Franceschi, eliminando nove dei dieci battitori affrontati dal quinto al settimo inning. Mentre Lindt domina, la Germania allunga: nel sesto inning De Franceschi utilizza quattro lanciatori in un inning che vede la Germania segnare cinque punti su sei valide, lancio pazzo ed un errore difensivo, chiudendo la ripresa con la ciliegina sulla torta rappresentata da una battuta di Horger finita oltre la recinzione dell'esterno sinistro per il 9-3. Nella parte alta del settimo, Bertoldi, messo a lanciare al posto di Diego Luciani proprio dopo il fuoricampo di Horger, colpisce il leadoff hitter Oscar Hundt il quale arriva a casa per il definitivo 10-3 dopo un singolo di Wanther ed una battuta di Van Bergen, che trova anche un errore del seconda base Niccolò Funzione. 

L'Italia cede, soprattutto psicologicamente, e si inchina ad un avversario che ha dimostrato più compattezza e convinzione nei propri mezzi. 

TABELLINO

CALENDARIO, RISULTATI E LINK AL PLAY-BY-PLAY

PHOTOGALLERY

 IL COMMENTO DI ROBERTO DE FRANCESCHI

da Nettuno (RM), Luca Giangrande

Europeo U15: l'Olanda conclude al terzo posto, Russia e Francia distruggono le avversarie

L'Italia ritrova sé stessa e sconfigge l'Olanda in semifinale

Europeo U15: è la Germania la prima finalista

All'Olanda il primo posto del girone B, la Germania strapazza la Francia

Una questione di cuore: l'Italia si arrende alla Russia, ma conquista la semifinale con una 'rimonta' in extremis

Europeo U15: Paesi Bassi e Repubblica Ceca festeggiano due 'manifeste', la Francia trova il primo successo

All'Italia non basta un finale incandescente: a vincere è la Germania

L'Italia U15 trionfa al debutto contro la Francia

Vittorie per manifesta superiorità per Paesi Bassi e Repubblica Ceca, shutout per la Germania

Baseball, Presentato a Nettuno l'Europeo Under15

I giochi sono fatti: scelti gli azzurrini per l'Europeo U15 di Nettuno