Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
News

Codogno riparte all'insegna del baseball

Tre mesi fa, il 21 febbraio 2020, la scoperta che ha sconvolto e condizionato le vite di una nazione intera: Mattia, 38enne di Codogno, è risultato positivo al Covid-19. La scoperta è arrivata dopo varie diagnosi errate e grazie alla intuizione da parte di Annalisa Malara, medico anestesista dell’ospedale di Codogno, sua coetanea. Di lì a poco il comune situato nel territorio del lodigiano diventa uno degli epicentri dell’epidemia da Coronavirus in Italia, ma soprattutto si trova a piangere perdite umane ed a confrontarsi con repentini stravolgimenti nella vita di tutti i giorni.

Da quel momento per Mattia ha avuto inizio un calvario lungo un mese. Mentre l’Italia viveva il pieno della fase di isolamento e la riapertura era ancora da immaginare, il “paziente uno” passava quasi tre settimane in coma all’ospedale San Matteo di Pavia. Esattamente trenta giorni dopo, il 21 marzo, ed a pochi giorni dal suo risveglio dal coma, Mattia soffre la perdita del padre.

Sono stati giorni terribili e densi di incertezza e preoccupazione per tutti, ma oggi l’Italia vede finalmente la luce in fondo al tunnel. Il Paese ha riaperto le porte alle attività produttive e si sta timidamente riaprendo alle attività sociali e sportive e preparando la mobilità interregionale.

Non fa differenza Codogno, pronta come non mai a godersi la sua rinascita: a 90 giorni di distanza da quel 21 febbraio 2020, il peggio è ormai alle spalle e, finalmente, la città può tornare a vivere.

Oggi, 21 maggio, i biancoazzurri del Codogno Baseball ‘67 sono tornati a calcare l’erbetta del diamante di Viale della Resistenza in vista della ripresa delle attività che vedrà i Jaguars impegnati contro il Piacenza nella prima giornata del campionato di Serie B.

Con i ragazzi di Ettore Finetti ha ripreso ad allenarsi anche la squadra under-18 ed a seguire riprenderanno le attività anche le compagini giovanili. Lasciato il dramma alle spalle, Codogno ora si affida al baseball, sport radicato nella tradizione cittadina e che oggi assume anche un duplice significato: rinascita e normalità.

Luca Giangrande