Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Alzabandiera per Tony Marcucci e Carlo Tagliaboschi in una foto storica del Museo del Baseball (Il Bar del Baseball)
Ufficio Stampa e Marketing

Taglio del nastro per il Museo virtuale del Bar del Baseball

Martedì 9 giugno alle 17, presso la Sala Consiliare del Comune di Nettuno, ‘Il Bar del Baseball’ inaugura ufficialmente il proprio ‘Museo virtuale’, un sito internet che l’Associazione Culturale nettunese, titolare dell’omonimo gruppo Facebook che raccoglie diverse migliaia di appassionati, ha realizzato proprio con il contributo di una ventina dei suoi assidui frequentatori.

Il progetto, come annunciato nel comunicato dell’Associazione, è nato con l’occasione della quarantena da covid-19 e dal tempo che questa ha forzatamente concesso a chi ha accettato di far parte di questa avventura, nata negli ultimi due mesi e che si propone come un laboratorio aperto a chi vorrà contribuire al suo sviluppo.

Il Museo del Baseball presenta già in partenza un migliaio di “schede, liberamente consultabili, che raccontano i personaggi e le storie del baseball e del softball italiani” dagli albori ai giorni nostri.

Le Federazione Italiana Baseball Softball e la Associazione Italiana Baseball Giocato da Ciechi hanno concesso il patrocinio al Museo, così come il Comune e la Pro Loco di Nettuno, con il Sindaco Coppola che sarà il padrone di casa di un’inaugurazione alla quale è annunciata la partecipazione di tutte le autorità cittadine e di un padrino d’eccezione come Bruno Conti il quale, come è noto, prima di diventare il beniamino azzurro e giallorosso per tanti, aveva iniziato una carriera più che promettente in diamante.

 Marco Landi