Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Foto copertina del torneo Accademie (Giulia Vargellini)
Accademia

Grande soddisfazione dopo il primo Torneo delle Accademie

Tre giorni di confronto estremamente positivo al 'Simone Scarpelli' di Grosseto e al 'Simone Piani' di Castiglione della Pescaia per il primo Torneo delle Accademie. Dal 23 al 25 febbraio 83 ragazzi provenienti dalle Accademie regionali delle Marche, del Piemonte, del Veneto, della Toscana e della Sicilia, assieme agli atleti dell’Accademia Nazionale, hanno svolto il loro primo torneo del 2020, per tornare ad assaggiare il diamante, per mettere alla prova quanto fatto nel corso della stagione invernale e per confrontarsi con altri ragazzi del panorama giovanile italiano.

I quattro raggruppamenti misti, formati da ragazzi di diverse Accademie e di diverse annate, si sono affrontati nel corso delle tre giornate con partite particolari, caratterizzate da line-up con 10 battitori (di cui due DH) e il limite di lanci per i pitcher a discrezione dei coach, senza un vincitore, senza statistiche e con l'unico obiettivo di testare i miglioramenti tecnici e fisici. 

Soddisfazione condivisa per i direttori tecnici delle Accademie regionali - Francesco Aluffi (Marche), Stefano Burato (Veneto), Mauro Mazzotti (Piemonte), Nino Micali (Sicilia) e Marco Mazzieri (Toscana) - e per i coach coinvolti a quest'inedita esperienza, coordinata da Michela Passarella, nominata Coordinatrice del Programma Accademie dal Consiglio Federale del 27 febbraio. “Ho visto un bel livello di preparazione” ha dichiarato John Cortese, Coach in residence dell’Accademia Nazionale, nell'intervista rilasciata all'Ufficio Stampa del Comitato Regionale Toscana. Tanti sembrano fisicamente dei buoni atleti, pur essendo molto giovani. Tecnicamente, in ogni gruppo abbiamo visto diversi ragazzi interessanti, anche per un futuro in Accademia Nazionale e per un buon baseball, più avanti, in Italia. Ragazzi giovani, ma che giocano bene.” Positive le impressioni di Cortese anche riguardo lo stato di forma dei ragazzi dell'Accademia Nazionale: “Ho visto abbastanza bene i nostri lanciatori, soprattutto il secondo giorno - nel primo forse hanno accusato un po’ di emozione. È importante che possano finalmente mettere in pratica, in partita, il lavoro che si è fatto durante l’inverno, un po’ come per tutti gli atleti delle varie accademie. C’era una grande concentrazione di tanti tecnici d'alto livello. Abbiamo scambiato tante idee e sarebbe bello poter lavorare su tante cose in futuro. È stato bellissimo vedere così tanti giovani di età diverse e di tante regioni divertirsi insieme. Marco (Mazzieri, ndr) ha fatto inserire tutti molto bene equilibrando anche le differenze tecniche legate all’età dei diversi atleti."

Con il mese di marzo ormai alle porte si avvicina l'inizio della stagione di baseball per tutti i ragazzi e questo momento di confronto svolto in Toscana ha rappresentato una prima esperienza molto importante per i ragazzi, in vista di una ricca stagione 2020, e anche per le Accademie stesse che da questo primo torneo hanno tratto ottime indicazioni per il futuro.