Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Altri

Premier12: Sorpresa aussie, contro il Giappone arriva la prima sconfitta del Messico

Nel mercoledì del Super Round di Premier12 arriva la più grossa sorpresa del torneo: un'Australia spesso positiva cala il carico pesante contro gli Stati Uniti, uscendo vincitrice per 2-1 nella prima sfida e complicando non poco la possibilità degli statunitensi di ottenere il pass olimpico, che però non è ancora in mano al Messico: la Tricolor subisce infatti la prima sconfitta del torneo (3-1) per mano dei padroni di casa del Giappone rendendo ancora più corta la classifica.

Un'Australia coraggiosa e indomita sconfigge gli Stati Uniti per 2-1 e porta a casa il primo, sorprendente, successo al Super Round del Premier 12 2019.  Gli Aussie, che sono stati in partita praticamente contro tutte le squadre che hanno affrontato nel torneo, hanno guadagnato un vantaggio di due punti nella prima ripresa e lo hanno protetto strenuamente fino alla fine. La valida decisiva, dopo aver riempito le basi su due basi su ball e un doppio contro il partente Tanner Houck, è di Aaron Whitefield, il quale batte una rimbalzante che supera il diamante e produce due punti. A proteggersi dal rientro degli avversari ci pensa una difesa capace di giocate importanti e un monte di lancio esperto e solido, capeggiato da Tim Atherton e con il supporto dei rilievi Peter Moylan, l'ex Fortitudo Ryan Searle e Jon Kennedy. L'unico punto subito dall'Australia è giunto all'ottavo inning con il fuoricampo di Mark Payton, che è arrivato un'eliminazione dopo una presa in scivolata di Whitefield. Con gli ultimi due out ottenuto dal mancino Kennedy, l'Australia cambia le carte in tavola nel Super Round, raggiungendo in classifica proprio gli Stati Uniti con una vittoria e tre sconfitte e l'obbligo nell'ultima sfida di vincere per sperare di agguantare la finale per la medaglia di bronzo.

Sei inning di Shota Imanaga e tre perfetti affidati al bullpen (Kaino, Yamamoto, Yamasaki) infliggono la prima sconfitta del torneo al Messico. 3-1 il punteggio finale in favore del Giappone, ma fin troppo stretto se comparato alle nove valide colpite dai nipponici contro la sola della Tricolor, un fuoricampo di Jonathan Jones che è servito solamente a rompere la no-hitter. L'attacco giapponese, sotto pressione dopo le varie critiche piovutegli addosso, è invece incisivo sin da subito contro il partente messicano Horacio Ramirez: Suzuki e Kondo, le due principali bocche da fuoco in questo torneo, portano a casa due punti già nel primo inning, mentre una ripresa più tardi è Hayato Sakamoto a battere il singolo per il terzo punto, a sugellare una prestazione da tre valide per l'interbase sino ad ora spesso in difficoltà.

Dopo un giovedì di pausa le luci sul Premier12 si riaccenderanno nella giornata di venerdì, che prevede altre due sfide. Alle ore 4 italiane si affrontano Stati Uniti e Cina Taipei, mentre nella serata giapponese (alle 11 italiane) toccherà a Messico e Corea del Sud.