Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
 USA vincitori (EFE/Francisco Guasco)
Altri

Premier 12: gli Stati Uniti passano il turno; esordio vincente per Giappone e Cina Taipei

Con una sofferta vittoria per 10-8, gli Stati Uniti scongiurano il rischio eliminazione e avanzano al Super Round del Premier 12, torneo che assegnerà due posti per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Gli statunitensi hanno sconfitto la Repubblica Dominicana al termine di una partita condotta sin dall'inizio, in cui però gli ispanici hanno più volte tentato la rimonta.

La formazione del manager Scott Brosius parte subito con la quinta marcia ingranata. Mark Payton avvia le operazioni con un fuoricampo nel primo inning, a cui si aggiungono tre punti nel secondo attacco (fuoricampo di Cronenworth e valide di Kratz e Adell). I dominicani dimezzano lo svantaggio con una valida da due punti di Espinal, ma il fuoricampo da tre punti di Alec Bohm nel terzo inning porta gli USA sul 7-2. Fino al quinto inning le due squadre continuano a segnare. Dal 9-3 di metà partita, la Repubblica Dominicana rientra nel match realizzando quattro punti su rimbalzante da un punto di Peguero e un fuoricampo da tre punti di Charlie Valero. Nella seconda porzione di partita, le mazze si calmano e i lanciatori prendono il controllo della sfida. Jo Adell mette a segno il decimo punto nell'ottava ripresa, a cui risponde Alfredo Marte con un singolo da un punto nel nono inning, ma sarà l'ultimo acuto della serata.

Scampato pericolo nel girone B per il Giappone, che con una rimonta all'ottavo inning ha la meglio su un Venezuela coriaceo con il punteggio finale di 8-4. Straordinario l'avvio di Felix Doubront capace di tenere a secco di valide l'attacco nipponico per 3.2 inning, durante i quali il suo attacco sblocca le marcature contro Yamaguchi con il contatto di Machado. Il Giappone prende fiducia e nella quinta frazione passa avanti con gli RBI di Kikuchi e Suzuki, ma gli squilli dei due giocatori degli Hiroshima Carp non sono il preludio all'affondo decisivo, bensì quelli che risvegliano la compagine vinotinta che si riporta in vantaggio con quattro valide e tre punti segnati solamente una ripresa più tardi ai danni di Yamaoka. Questo vantaggio viene trattenuto con i denti fino a che non escono i limiti dei rilievi venezuelani, che nell'ottavo inning concedono ben sette basi su ball (una intenzionale) al lineup nipponico ed il team del Sol Levante ne approfitta andando a segno sei volte in una frazione funesta per i venezuelani, costretti a subire anche l'infortunio di Ali Castillo. Con un vantaggio rassicurante di quattro punti il closer dei Baystars Yamasaki non ha problemi a mettere la parola fine sull'incontro e regalare al Giappone il primo successo del torneo.

Minor patemi per i padroni di casa di Cina Taipei ad imporsi con un tranquillo 6-1 su Porto Rico, frutto di una partita con poche valide (7 in totale) ma segnata dai vari errori – ben quattro – della difesa caraibica. L'incontro si apre con Li Lin che manda in estasi il pubblico di Taichung con un fuoricampo da due punti, mentre Shao-Chiang Chiang rimane sul monte per sei inning subendo l'unico punto portoricano su singolo di Valentin. Il decisivo allungo taiwanese arriva poco dopo aver subito il 2-1 e nasce quasi per caso con un bunt di Lin che si trasforma in due punti portati a casa dopo un errore sul tiro; a completare l'opera tra la stessa quinta ripresa e quella immediatamente successiva ci pensano Chih-Chieh Su (volata di sacrificio) e Wei-Chen Wang (errore su una sua battuta), affidandosi poi ad un bullpen perfetto, ad eccezione di una base su ball nel nono, per chiudere la sfida.

Saranno ben cinque gli incontri in orario italiano di mercoledì 6,quello che chiuderà il raggruppamento A ed aprirà quello C in scena a Seoul. Si parte con Messico-Olanda (ore 2) ininfluente per la classifica, mentre Cuba-Canada (ore 4) apriranno il palcoscenico nel girone sudcoreano, che vedrà i padroni di casa della Corea del Sud affrontare l'Australia poco dopo (ore 11). Giappone-Porto Rico (ore 11) e Venezuela-Cina Taipei (ore 11:30) gli appuntamenti invece per il girone B.

IL CANALE YOUTUBE WBSC