Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Altri

Japan Series: Fukuoka SoftBank Hawks sul tetto del Giappone per la decima volta nella storia

La stagione 2019 della Nippon Professional Baseball si chiude nell'esatto modo degli ultimi anni: con il punteggio di 4-3 in gara 4 i Fukuoka SoftBank Hawks sono i campioni del Sol Levante per la decima volta nella storia, questa volta calando lo sweep contro gli Yomiuri Giants. Per gli Hawks questo è il sesto titolo nel decennio in cui hanno completato l'impresa di battere tutte le squadre di Central League in questo periodo.

A differenza delle prime tre partite gara 4 è stata combattuta fino all'ultimo lancio, quando i Giants hanno avuto l'occasione in extremis di riprendere la partita. A deciderla, dopo un buon pitching duel tra Tsuyoshi Wada e Tomoyuki Sugano (rientrato dopo cinque settimane di assenza ed impegnato per 6.1 inning e 108 lanci), è stato il cubano Yurisbel Gracial con un fuoricampo da tre punti nel quarto inning, svoltando di fatto la partita e mantenendo da lì in poi sempre in vantaggio Fukuoka. Gracial, capace di battere .375 nelle quattro partite di Japan Series con 3 HR e 6 RBI, è stato nominato MVP della serie divendando così il quarto gaijin 20191023 Gracial (Hawks) MVP della Japan Series 2019 (yahoo.co.jp)(non-giapponese) ad ottenere il riconoscimento negli ultimi cinque anni.
I Giants tentano di rientrare in partite con le mazze migliori del proprio lineup, sino ad ora però molto fredde: l'MVP della Climax Series Okamoto accorcia il distacco con il fuoricampo da due punti contro il primo rilievo scelto da Kudo per mantenere il vantaggio nella partita, Suarez. Poco più tardi anche Yoshihiro Maru alla sua prima valida della serie colpisce un doppio che porta a casa un punto, successivo però ad un orrore difensivo dei Giants: Okamoto in terza base e Yamamoto in seconda commettono due errori, in particolare quello di Yamamoto che nel tentativo di girare un doppio gioco sbaglia l'assistenza sul sacchetto in seconda base e consente a Fukuda di segnare indisturbato il punto di quello che al momento era il momentaneo 4-3.
L'attacco degli Hawks incide poco contro De la Rosa (sino a quel momento mai utilizzato da Hara in questa Japan Series), ma anche la coppia setup-closer di Fukuoka Moinelo-Mori si comporta molto bene: i Giants hanno l'ultima occasione dopo una base su ball conquistata con due out da Yoshiyuki Kamei (vincitore del Fighting Spirit Award, ovvero l'MVP della squadra perdente), ma Sakamoto viene messo strikeout da Mori e a Tokyo Dome può cominciare la festa degli Hawks.

Per la prima volta dal 2005 la Japan Series termina con uno sweep, risultato analogo a quello con cui – 60 anni fa – gli Hawks avevano vinto la loro unica finale prima di oggi contro i Giants.

di Nicolò Gatti