Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Aldo Koutsoyanopulos ruba la seconda (K73-NADOC)
Campionati baseball

UnipolSai Bologna e San Marino completano lo sweep mentre il Parma Clima fa sua la serie

UnipolSai Bologna e San Marino Baseball continuano la loro marcia incontrastata, perfetta nel caso della squadra di Lele Frignani, e chiudono la quarta settimana di campionato con vittorie nette alla sera, mentre qualche fatica in più fanno i Campioni d'Italia al pomeriggio per avere ragione del Collecchio Baseball. Il Parma Clima, dopo il ko di mercoledì, non si fa sorprendere nuovamente e sul proprio diamante firma 2 vittorie ai danni dell'Hotsand Macerata che gli permettono di confermarsi la terza forza e provare a stare in scia alle prime due. 

Al “Cavalli”, il Parma Clima ritrova Charlie Mirabal, schierato nella sua posizione di interbase e quinto nel lineup dietro Alex Sambucci, e torna al successo, piegando l’Hotsand Macerata Angels per 6-5 in una gara due combattuta fino alla fine. La squadra di Gianguido Poma, che ha schierato Mattia Aldegheri sul monte di lancio, è stata la prima a rompere l’equilibrio segnando un punto nella parte bassa del primo inning grazie a due potenti singoli di Koutsoyanopulos e Paolini e ad una battuta interna di Leo Zileri, che ha provocato l’eliminazione in seconda ma permesso la corsa a casa base. Il Macerata Angels di Francesco Aluffi però non resta a guardare e risponde nell’attacco seguente con le valide di Jesus Carrera (singolo da primo battitore), Gionni Luciani (doppio del pareggio) e Leonardo Splendiani (singolo del 1-2), ma al cambio campo è nuovamente il Parma Clima a muovere il tabellone facendo del male al partente avversario Gianny Franchiolla che riempie i cuscini con un doppio di Sebastiano Poma e le basi su ball conquistate da Tommaso Giarola e Stefano Desimoni, vede entrare il punto del pareggio su una valida di Koutsoyanopulos sul seconda base, ed altri due punti su un doppio errore dell’interbase Moredo che, nel tentativo di difendere una battuta di Zileri, scivola e permette al Parma di portarsi sul 4-2. Nel frattempo Mattia Aldegheri riesce ad imporsi sui battitori ospiti e le mazze biancoblu ne approfittano, segnando ulteriori due punti sfruttando altre imprecisioni della difesa marchigiana ed un doppio di Stefano Desimoni, che spinge a casa Poma e Mirabal. È l’ultimo assalto dell’attacco parmigiano perché Gianny Franchiolla è bravo a prendere le misure ai battitori di Gianguido Poma, permettendo un solo arrivo in base (singolo di Desimoni) nelle successive tre riprese. Si riorganizza e fa del male al monte padrone di casa invece il Macerata, che nel quinto inning crea problemi a Mattia Aldegheri (sostituito dopo aver incassato un singolo da due punti da Lorenzo Morresi con basi piene) e accorcia lo svantaggio con la seconda valida della partita di Jesus Carrera, arrivata contro il nuovo entrato Anthony Gonzales. A chiudere l’incontro ci pensa Yomel Rivera con uno strikeout su Luciani.

IL TABELLINO

Con un attacco devastante capace di produrre 16 valide, tra cui 2 doppi a testa per Poma, Desimoni e Francesco Pomponi, il Parma Clima firma la doppietta di giornata contro l'Hotsand Macerata (10-2) e si aggiudica la serie. La squadra di Gianguido Poma è quasi perfetta, ha un inizio lanciato dove mette subito in difficoltà il partente marchigiano Gonzalez, sigla punti in tutte le prime 5 riprese e solo nell'ultimo attacco ospite concede qualcosa. Ad aprire le porte del vantaggio è un singolo di Sambucci che spinge a punto Paolini, seguito poi dalla valida di Mirabal per la corsa a casa di Zileri (2-0). Le mazze parmigiane fanno ancora meglio nell'attacco successivo dove completano un giro di line-up che produce 5 singoli e 4 punti (7-0). Macerata invece tocca la sua prima valida al terzo dopo 7 eliminazioni consecutive del partente emiliano Lugo (11 strikeout in 5 riprese). Il Parma Clima non abbassa la guardia nemmeno nelle riprese successive dove sigla un punto per attacco presentandosi al settimo inning avanti 10-0. Nell'ultima ripresa, sul rilievo di Michele Pomponi, Macerata cancella lo zero dal suo score con un singolo di Serrani a basi piene che regala 2 punti ma che non basta ad evitare la sconfitta.

IL TABELLINO

Il Collecchio Baseball mette in difficoltà la UnipolSai Fortitudo Bologna che, avanti di tre punti a metà secondo inning, si fa riprendere nella parte centrale della partita per poi siglare i punti del definitivo 5-3 nella parte alta del sesto inning. L’incontro comincia subito per il verso giusto per la squadra felsinea, con Diego Fabiani, partente del Collecchio, che accusa problemi nei primi due inning che portano ad un triplo vantaggio bolognese su out produttivo di Vaglio nel primo inning e singolo da due punti di Ray-Patrick Didder nel secondo attacco. Matthias Zotti, partente designato da manager Frignani, apre bene, ma nel secondo inning, complice un suo errore di tiro su una battuta di Davide Trolli, permette al Collecchio di rientrare in partita sul 3-1. Diego Fabiani trova fiducia nei suoi lanci e la squadra di Meo Saccardi accorcia le distanze sfruttando i singoli di Tommaso Battioni e Andrea Pasotto. Nella parte bassa del quinto inning il Collecchio arriva in base con una valida del leadoff Leonardo Alfieri che, spostato in seconda da una battuta interna di Battioni ed in terza da un lancio non trattenuto da Clementina, arriva a punto su volata di sacrificio di Davide Benetti. Il nuovo equilibrio dura però poco, perché Fabiani viene rilevato dopo un singolo del primo battitore di Riccardo Bertossi e perché Lorenzo Dallaturca, suo sostituto, entra male in partita con una base ball concessa a Nicolò Loardi e due lanci pazzi che permettono gli arrivi a casa di Bertossi e dello stesso Loardi. Ottenuto il nuovo vantaggio, Daniele Frignani ricorre subito ad Alex Bassani e Collecchio questa volta non riesce più a rispondere, consegnando la serie nelle mani bolognesi.

IL TABELLINO

Nella serale l'UnipolSai Bologna passa nuovamente sul diamante del Collecchio Baseball (8-1) grazie ad una buona partenza, 3 punti nelle prime 3 riprese, ed un'ottima prestazione di Brolo Gouvea, partente con 10 strikeout, ben chiusa poi da Scotti e Crepaldi. Il tutto corredato da un'ultima ripresa che mette a riparo la vittoria da qualsiasi tentativo di rientro della squadra parmigiana. La gara si apre con 2 valide, doppio di Didder e singolo di Bertossi, che costruiscono le fondamenta del vantaggio felsineo che arriva sull'eliminazione in diamante di Clementina. Nella terza ripresa l'UnipolSai allunga prima con Ferri spinto a casa dalla valida di Didder e poi con lo stesso interbase che completa il giro della basi sul singolo di Clementina. La reazione di Collecchio è tutta nel quinto inning approfittando di 2 basi ball consecutive concesse da Gouvea e rifinite dal singolo di Battioni (1-3). Nell'attacco successivo la squadra di Saccardi mette paura ai Campioni d'Italia con 2 corridori in base ma Scotti ne esce alla grande con 2 strikeout ed apre la via al settimo inning offensivo del Bologna che chiude i giochi. Il nove di Frignani apre con 3 valide a fila (1-4), poi approfitta di qualche problema di controllo di Bertolini, 2 basi ball e 2 colpiti, che insieme ad una palla mancata e una volata di sacrificio sanciscono l'8-1 finale di Bologna.

IL TABELLINO

Il San Marino completa la tripletta ai danni del Godo Baseball con una shutout (9-0) messa immediatamente sui binari giusti da un fuoricampo di Mattia Reginato alla prima ripresa. E pensare che in apertura la squadra di Marco Bortolotti aveva fatto sudare freddo gli avversari raggiungendo la terza con Tanesini. La formazione del Monte Titano però non lascia scampo al Godo e quasi mette in archivio il successo già nel secondo inning. Tre basi ball consecutive in apertura di attacco ed un errore della difesa portano il terzo punto del San Marino e la sostituzione sul monte di Piumatti con Alex Sabbadini. Il rilievo goto non riesce però a mettere un freno alle mazze titane e, grazie anche ad un doppio di Giovanni Garbella ed un singolo di Caseres, arriva il 6-0. La partita si mette quindi in discesa per Celli e compagni che imprimono l'ultima accellerazione al quarto dove arrivano altri 3 punti sulla valida di Caceres, i 4 ball ad Albanese e la volata di sacrificio di Monello.

IL TABELLINO

CALENDARIO, RISULTATI E CLASSIFICA

San Marino fa sua la serie contro il Godo Baseball

UnipolSai Fortitudo Bologna e San Marino in fuga, il Parma Clima cade a Macerata