Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Veneto

Via al progetto “Clutch BXC. Il suono del baseball” col primo incontro alla palestra della Tassina

Prende quota il progetto del Baseball Softball Club Rovigo dedicato ai non vedenti. Sabato mattina un primo gruppo di cinque “pionieri” rodigini della disciplina si è ritrovato alla palestra della Tassina per muovere i primi passi con il batti e corri. Sono gli step iniziali di “Clutch BXC. Il suono del baseball”, progetto ideato dalla società rodigina con la collaborazione con AIBXC (Associazione italiana baseball per ciechi) e sostenuto grazie al bando proposto dalla Fondazione Vodafone, “OSO – Ogni sport oltre”. Il progetto è inoltre cofinanziato da uno dei principali partner del Baseball Softball Club Rovigo, ITAS Assicurazioni, che non ha esitato a diventare sostenitore di una iniziativa di grande spessore sportivo ma anche sociale e culturale.

BXC 1

Durante la mattinata di attività alla palestra della Tassina, organizzata in collaborazione con l’Unione italiana ciechi di Rovigo, i nuovi provetti giocatori di baseball per ciechi hanno preso dimestichezza con gli strumenti del mestiere: mazze, guantoni, mascherine e soprattutto la pallina “a sonagli” che rende possibile praticare questo sport anche ai non vedenti. Tutto il materiale è stato acquistato grazie ai fondi messi a disposizione con il bando della Fondazione Vodafone.

Il via alle attività in palestra fa seguito alla riuscita partita dimostrativa andata in scena lo scorso ottobre in occasione dell’inaugurazione ufficiale del diamante della Tassina. Al progetto “Clutch BXC. Il suono del baseball” aderiscono anche le società ASD Staranzano BXC e ASD Bologna White Sox. Presto nuovi incontri e nuovi protagonisti.

Rovigo, 5 febbraio 2020