Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Campania e Basilicata

Luce riflessa:il diamante brilla grazie alla segnaletica

Torna a brillare il diamante di San Clemente e con esso l’intera città di Caserta. “Borgo del baseball e softball”, così lo definisce la nuova segnaletica stradale posta all’entrata della frazione casertana. Un gesto tanto dovuto, quanto significato, fortemente voluto da Giuseppe Mele, delegato del Comitato Regionale della Fibs per la Campania. Gesto concretizzato poi dall’amministrazione comunale che sottolinea il primato della provincia campana, una delle poche del Sud a poter vantare tradizione nel baseball ed una delle poche a possedere un campo. Un ringraziamento va fatto anche a Maurizio Morelli, architetto che ha contribuito a ridisegnare le tabelle into the ballpark. Ma quanti ragazzini possono raccontare di aver assistito ad una finale scudetto di softball? Era il duemiladodici quando la Des Caserta si contendeva il titolo con la Sanotint Bollate e sugli spalti si respirava aria d’impresa, poco prima di vincere il quarto scudetto consecutivo. E le scale del campo da baseball? Percorse in pantaloni di tuta, poco pratici per allenarsi, quella volta che il coach dei tuoi amici ti aveva visto troppo rilassato sugli spalti. Caserta è una città di sport, e per quanto ciò possa sembrare un luogo comune, basta addentrarsi nel ventre della città per scoprire la verità. Con uno stadio non ancora agibile ed una squadra che scalpita per rientrare nel campionato di Serie C, bisogna ringraziare anche l’assessore Pontillo per l’interesse dimostrato nei confronti di questa vicenda. In attesa di poter rivivere le emozioni degli anni passati, è stato mosso un piccolo passo per gli amministratori, ma un grande passo per la città.


Marco Cutillo