Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Milano, 70 anni meravigliosi: prima puntata

Giovedì 12 luglio, all’Auditorium degli Olmi (via delle Betulle 39, Quartiere Olmi) alle ore 21 la prima ufficiale del film “Milano, 70 anni meravigliosi – la storia di un sogno”, di Elia Pagnoni e Gianluca Aiazzi. Si tratta del primo dvd della serie che racconta la storia della società di baseball più antica d’Italia. Il primo capitolo va dai pionieri, ovvero dalla fondazione del Milano il 20 settembre del ’46, alla conquista del primo scudetto nel 1958, attraverso testimonianze e ricostruzioni storiche delle vicende e dei personaggi (da Max Ott a Strong e Van Zandt) che portarono alla nascita del baseball a Milano e in Italia. Ma illustra anche la crescita del nostro club, vista dai protagonisti degli anni Cinquanta e da chi in quelle stagioni mosse i primi passi. Un appuntamento da non perdere per chi vuole rivivere, conoscere o scoprire come è nato e cresciuto il baseball a Milano
“Tutto è nato – racconta Elia Pagnoni, autore dei testi del docufilm - da una proposta di Gianluca Aiazzi, dirigente del Milano, padre di un ragazzo del nostro vivaio attualmente in prestito all’Ares, che, avendo letto il mio libro sulla storia rossoblù e in occasione dei 70 anni del club, mi ha detto: “Perché non ne facciamo un film?”. Lì per lì sono rimasto un po’ sbalordito: “Ma come possiamo fare un film su una storia di cui non abbiamo praticamente materiale filmato?”. “Non preoccuparti – mi ha risposto Gianluca, che è un grande appassionato di tecniche video -: tu dammi quello che riesci a trovare, poi ci arrangiamo con le fotografie. E con un po’ di interviste… Per il testo, ovviamente, pensaci tu”.
“Mi sono fidato, e il risultato è questo film. Non solo abbiamo trovato un po’ di materiale, tra vecchi super8, telecronache registrate, filmati d’archivio postati su Youtube, qualche vecchio servizio televisivo videoregistrato da qualche amico… insomma un po’ di immagini che sono servite a Gianluca per organizzare il docu-film. Ma soprattutto tante belle interviste fatte semplicemente con un cellulare ai tanti amici, ex giocatori, tecnici, dirigenti, colleghi giornalisti che hanno avuto la pazienza di rispondere alle mie domande.
“Nella nostra idea di partenza doveva essere un documentario di un paio d’ore che concentrasse 70 anni di storia del Milano. Però, quando Gianluca ed io abbiamo cominciato a mettere insieme il materiale raccolto, ci siamo accorti che non saremmo mai riusciti a riassumere tutto in un paio d’ore. Anzi, sarebbe stato un peccato lasciare fuori un sacco di cose. Così ci siamo detti: visto che siamo in ballo e abbiamo raccolto tutta questa roba, perché non mettere insieme tutto e regalare al Milano (e ai suoi amici) la documentazione più ampia possibile di questi settant’anni di attività? In fondo, potrebbe essere una testimonianza che custodisca i ricordi di tutti i protagonisti della nostra lunga storia e soprattutto il mezzo per distribuire a tutti il materiale in possesso di pochi. In questa raccolta – che non sappiamo ancora di quanti capitoli sarà composta: solo il lavoro ce lo dirà… - c’è in pratica la storia di tutti i protagonisti della lunga epopea rossoblù, dei trionfi come degli anni più difficili. E, consapevoli che non può essere un prodotto proponibile a un pubblico più vasto, pensiamo invece che possa essere un’antologia di ricordi da conservare con piacere da parte di chi questa storia l’ha scritta o l’ha vissuta. Per i più giovani, invece, può essere lo strumento per capire che cosa ci sia alle spalle dello sport che praticano tutti i giorni, o come questa squadra sia nata e si sia sviluppata negli anni a Milano e nel baseball italiano.
“Il primo dvd – come detto - parte dalla fondazione del club, il 20 settembre del 1946, e arriva al primo scudetto del 1958 attraverso testimonianze e ricostruzioni storiche, anche con documenti inediti, delle vicende e dei personaggi che portarono alla nascita del baseball a Milano e in Italia. Ma anche la crescita del nostro club e delle altre realtà cittadine vista dai protagonisti degli anni Cinquanta e da chi li ha conosciuti da vicino. Io, oltre ad aver redatto i testi, mi sono dovuto prestare a fare la voce narrante della storia, ma, dopo una prima parte inevitabilmente didascalica, ho preferito lasciare spazio a chi questa storia l’ha scritta o l’ha vista in prima persona. Intervenendo poi solo per tenere il filo conduttore.
“Devo dire che per me e Gianluca è un lavoro veramente interessante, ma anche e soprattutto divertente. Vedere l’entusiasmo con cui molti degli intervistati frugavano nella loro memoria e ci raccontavano storie e aneddoti è stato gratificante. E alla fine nei sottotitoli del film, oltre a “la storia di una passione” e a “la storia di un sogno”, abbiamo voluto mettere “la storia di un’amicizia”, perchè ci siamo resi conto che la citazione che ricorreva più spesso era proprio questa, quella di atleti, compagni di squadra, ma soprattutto grandi amici. In ogni generazione”.