Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Il Napoli Baseball Softball nel Campus 3S al Lungomare di Napoli

Continua il tour “Fuoricampo” del Napoli Baseball Softball, che sembra avere l’intenzione di riempire di baseball  le strade della città partenopea. Dal 4 al 6 ottobre è stata la volta di via Francesco Caracciolo, suggestivo tratto del lungomare di Napoli che dal 1880 è la promenade preferita da cittadini e turisti, che per l’occasione ha ospitato il Campus 3S. Si tratta di un connubio di Sport, Salute e Solidarietà, tre parole che il Napoli ha gridato forte, rendendo divertente la tre giorni dedicata alla prevenzione organizzata da Tommaso Mandato, che ha permesso di effettuare oltre 2500 visite mediche specialistiche gratuite. “Crediamo che praticare sport sia necessario se si vuole fare prevenzione”, sottolinea il presidente dell’associazione di baseball partenopea Marco Galdiero. “Già in età prescolare i bambini dovrebbero provare il benessere derivato dal gioco sportivo, per scongiurare che in futuro la pigrizia e gli stili di vita scorretti prendano il sopravvento. È scientificamente provato che le società con maggiore diffusione sportiva abbiano meno carico sul sistema sanitario nazionale. Questo dato si traduce in benessere psicofisico che, insieme agli altri valori di cui è portatore lo sport, tra cui amicizia, spirito di squadra, capacità di problem solving, raggiungimento di obiettivi e superamento di ostacoli, sono l’ambiente adatto in cui far crescere le generazioni future”. 
In questa manifestazione il Napoli Baseball Softball ha messo in pratica la recente indicazione del CONI, secondo cui bisogna tendere ad adattare a tutti gli sport gli spazi urbani - quelli che vengono chiamati Spazi 2.0 - così da fare in modo di superare anche gli ostacoli derivati dalla mancanza di impianti. Non avremo più solo piazze in cui restituiremo palloni calciati lontano, ma spazi multisport in cui poter praticare le nostre discipline preferite. I parchi attrezzati esistono già, ora è la volta degli spazi residuali urbani. L’associazione di baseball napoletana ha coinvolto giovani di tutte le età a giocare a titolo completamente gratuito al Lungomare, dopo piazza Plebiscito, Ex Base Nato di Bagnoli, spiaggia di Varcaturo, Mostra d’Oltremare e altri luoghi, tra cui quelli della comunità che si raduna attorno alla chiesa di Santa Maria del Carmine a San Giorgio a Cremano, che conta oltre 150 bambini che stanno conoscendo da vicino il mondo del batti e corri.