Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Salerno liquida i Lancers, ora il tutto per tutto con Padule

Sono otto. Otto vittorie. Otto partite in cui la sorte è stata dalla parte di Salerno. Otto sorrisi, in attesa della settimana più importante. Una partita velocissima, quella che si è vista dagli spalti del Mary Rose: e per coach Tony Corbo è stato tempo anche di schierare un ‘nove’ sperimentale. Sul monte? E’ partito Garofalo, stavolta; Guerra si è posizionato in seconda, e al suo fianco si è rivisto Michele Corbo (nella scorsa partita aveva iniziato in esterno). Kenny in terza base con Nicola Iannetta ad occupare la prima; sesto e settimo inning s’è visto anche Francesco Iannetta, che ha rilevato Guerra. 
Era l’ultima davanti al pubblico amico, che ha applaudito e supportato questi meravigliosi ragazzi che ora non hanno intenzione di fermarsi. Perché c’è Padule, adesso. E c’è la possibilità di trovarsi a soltanto una partita di distanza dal primo posto, e quindi dalla promozione. Serve dare tutto se stessi, e questo 19-0 ha chiuso i conti anche con un po’ di inconcludenza che si era accumulata sulle spalle 
Il resto? Chi vivrà, vedrà. Dopo la defezione di Massa Carrara, i Thunders si preparano all’ultimo sforzo prima delle vacanze. Il Presidente Iannetta ha chiamato a raccolta i suoi ragazzi, adesso non serve più nascondersi, né temere scaramanzie di ogni tipo: ora arriva l’attimo di Salerno. Verso l’ultimo passo utile per diventare grandissimi.