Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

1. La Compagnia che emetterà tale documento, infatti, non dispone di un Notaio con facoltà di firma in versione PAdES (pdf), ma unicamente in versione CAdES (pdf.p7m), formato del tutto ammissibile per la sottoscrizione digitale e leggibile con i più comuni software di firma in commercio (ex DIKE). Si prega pertanto di voler confermare la possibilità di produrre, a questo punto, tutta la documentazione di gara firmata digitalmente con l'estensione .pdf.p7m.

R: Il documento informatico sottoscritto attraverso una firma digitale possiede, ai sensi dell’art. 20, comma 1bis del D.Lgs. 82/2005, nell’ordinamento giuridico italiano, piena efficacia giuridica.

La chiave di verifica della firma è, a sua volta, contenuta nel certificato emesso a nome del soggetto sottoscrittore.  Tale certificato presenta caratteristiche di autenticità che sono garantite da apposite “autorità di certificazione”, che in Italia sono quei soggetti che svolgono attività di certificatore accreditato, come previsto dall’art. 29, comma 1 del C.A.D..

Per quanto sopra, nell’assenza di una specifica indicazione di un formato da parte della Lex Specialis, la firma digitale potrà essere apposta in uno dei due formati principali che risultano essere: il formato “CAdES” ed il formato “PAdES”.

2. relativamente alla procedura per la quale si è presentata domanda di partecipazione in forma di RTI, si chiede se è possibile presentare offerta cambiando la capogruppo ed eliminando un operatore economico, garantendo comunque, il possesso dei requisiti per la partecipazione alla gara da parte di tutte le società componenti il RTI, come dichiarato in sede di domanda.

R: Ferma la genericità del quesito poiché non è dato evincere, dalla formulazione della domanda se il “cambio” della capogruppo comporti l’assunzione di tale ruolo da parte di un operatore economico esterno al costituendo R.t.i. o meno, si rappresenta che:

a) quanto al recesso deve considerarsi ammesso ai sensi dell’art. 48, commi 19 e 19-ter;

b) quanto alla ulteriore modificazione dovuta al dichiarato cambio della capogruppo occorre tenere presente che la procedura indetta da FIBS è una procedura negoziata e pertanto il quesito va riscontrato con riferimento specifico alla indicata procedura, posto che, come noto, vige per le procedure aperte in generale il principio del divieto di modificazione ai sensi del 48 del Codice, che disciplina i Raggruppamenti temporanei di imprese, al comma 9, stabilisce che "...è vietata qualsiasi modificazione alla composizione dei raggruppamenti temporanei e dei consorzi ordinari di concorrenti rispetto a quella risultante dall'impegno presentato in sede di offerta", ad eccezione, ovviamente, delle ipotesi previste e disciplinate dai successivi commi 17 e 18. Pertanto, nel caso concreto, nel silenzio della lex specialis di gara e nell’assenza, nel codice, di una norma positiva preclusiva alla modificazione della composizione dei raggruppamenti temporanei con riguardo alla specifica procedura di cui si discute, prima della presentazione dell'offerta e/o tra la fase della pre-qualificazione e quella della gara, si ritiene di dover aderire all’orientamento della giurisprudenza amministrativa secondo cui il "principio di immodificabilità soggettiva viene in rilievo soltanto all'indomani della presentazione dell'offerta e non nelle fasi di gara a questa precedente" (TAR Trieste 23.07.2018 n. 259, d.S. n. 1548/2014; in termini C.d.S. n. 588/2008; Tar Basilicata n. 488/2011Tar Toscana n. 1254/2011).

Va da sé che, quanto sopra, deve porsi sempre nel rispetto ai principi trasparenza, economicità, tempestività e correttezza, nonché della par condicio tra i partecipanti, e sempre a condizione che tutte le imprese facenti parte del raggruppamento che presenta l’offerta siano effettivamente in possesso dei requisiti richiesti dalla Stazione Appaltante.

3. Con riferimento al Vostro invito alla gara in oggetto, siamo a chiedere cortesemente di poter ricevere la modulistica necessaria per la partecipazione alla procedura.

R: La modulistica per la partecipazione alla gara è scaricabile sul sito istituzionale della Federazione, nella sezione Bandi e Gare, al seguente link http://www.fibs.it/it/federazione/bandi-e-gare.html

Si ricorda alle imprese che oltre alla modulistica predisposta dalla Stazione Appaltante, come indicato nella lettera di invito, le dichiarazioni dovranno essere rese utilizzando il DGUE, che potrà essere scaricato dal seguente link (https://ec.europa.eu/tools/espd/filter?lang=it)

4. Si chiede, inoltre, di specificare l'estensione massima, intesa come numero massimo di facciate ammesse, della Relazione tecnica.

Si chiede di specificare l’eventuale previsione di un limite massimo di pagine/facciate per la redazione dell’offerta tecnica-organizzativa e la possibilità di allegare separatamente i curricula professionali dello staff dedicato al servizio.

R: Alcuna norma, nel codice dei contratti, impone alla Stazione Appaltante di indicare nella lex specialis di gara l’estensione massima della relazione tecnica. Una indicazione in tal senso si rinviene nelle Note illustrative dei Bandi Tipo previsti dall’ANAC per gli affidamenti di servizi e forniture sopra soglia, fermo restando che, anche laddove specificata l’estensione massima della relazione, la stessa, per costante giurisprudenza e unanime orientamento dell’ANAC, non può costituire mai causa di esclusione dalla gara.

In assenza, pertanto, di specifici vincoli da parte della lex specialis, la relazione tecnica potrà essere formulata come meglio ritenga l’offerente, il quale ha però tutto l’interesse a presentare una offerta che possa conseguire un consistente punteggio non solo per la chiarezza delle questioni segnalate e affrontate ovvero per la qualità delle soluzioni proposte, ma anche per la sinteticità dello scritto, che di per sé ne valorizza il contenuto.

Rientrerà poi nell’ambito dei poteri tecnico - discrezionali della commissione verificare se lo scritto vada considerato prolisso e inutilmente ripetitivo di concetti (e dunque meritevole di conseguire un basso punteggio), ovvero valutare se la lunghezza dell’esposizione non abbia intralciato i lavori ed abbia contribuito a chiarire aspetti effettivamente meritevoli di trattazione.

5. Si chiede di chiede di ottenere le statistiche sinistri degli ultimi 3/5 anni relative alla polizza infortuni RCT/O della Federazione;

R: Infortuni     n. 242  di cui n 95 nell'ultimo anno.

RCT          n.   44  di cui n 15 nell'ultimo anno.

6. Si chiedono indicazioni in merito al numero effettivo dei tesserati suddivisi tra Atleti, Dirigenti, Tecnici e Atleti di interesse Nazionale ed eventuali ulteriori categorie che vorrete rappresentarci.

R: Atleti: 16.717

Dirigenti Societari:  2.264

Dirigenti Federali: 270

Tecnici: 2.108

Ufficiali di Gara: 540

Altre Figure: 373

Atleti di interesse Nazionale:

                Baseball

  • Seniores: 50
  • U18: 40
  • U15: 40
  • U13-14: 20
  • U12: 40

Softball

  • Seniores: 40
  • U19/U18: 40
  • U16:30
  • U13:30

7. Si chiede di specificare con riferimento alla cauzione provvisoria, di prevederne la produzione in formato digitale con estensione pdf.p7m, al fine di consentirne la firma digitale da parte di tutti i soggetti coinvolti (soggetto emittente la cauzione, notaio, operatore economico partecipante alla procedura).

L'art. 10 della lettera d'invito prescrive che, in caso di prestazione della cauzione provvisoria mediante fideiussione assicurativa, la stessa debba essere prodotta in originale (lett. b) e debba riportare l'autentica notarile della sottoscrizione (lett. c). Chiediamo conferma che si tratti di refuso, atteso che la lettera d'invito ammette esclusivamente l'invio dell'offerta a mezzo pec e l'art. 14, lett. A.4) prevede che la cauzione provvisoria sia inviata in formato pdf.

R: si conferma che la cauzione provvisoria dovrà essere trasmessa a mezzo pdf. Pertanto le richieste attestazioni di autenticità richieste dalla lex specialis dovranno essere sottoscritte digitalmente dai soggetti coinvolti.


8. Chiediamo cortesemente di chiarire se l'art. 15 della lettera d'invito, nella parte in cui prevede che le dichiarazioni di cui alla documentazione amministrativa debbano essere accompagnate da copia del documento attributivo dei poteri del dichiarante, sia valido anche per il legale rappresentante dell'Impresa. In caso affermativo, chiediamo conferma che il giustificativo possa essere costituito dalla visura camerale aggiornata dalla quale si evinca il ruolo di legale rappresentante del firmatario delle dichiarazioni.

R: La disposizione di cui all’art. 15 della Lex Specialis si applica ad ogni soggetto che effettua una dichiarazione. Nel caso del legale rappresentante sarà sufficiente una visura camerale aggiornata da cui si evince tale qualità.

  Il logo del Caffè Motta              LOGO CONCLIMA              LOGO JOHNSON

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });