Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L’Italia impatta contro Porto Rico nel solo monte di lancio capace di metterla in difficoltà, nonostante la consueta partenza bruciante e potente del lineup azzurro, che va in vantaggio con 2 fuoricampo nelle prime 2 riprese, rimangono queste le sole battute valide della Nazionale di Mazzieri fino al nono, decisamente troppo poco per pensare di sconfiggere una squadra che colleziona invece 13 valide e segna in ciascuna delle prime 6 riprese, fissando il risultato sul 9-3.

È più giovane, la nazionale di Porto Rico, rispetto a quella venezuelana, ma a leggere il lineuAndreoli segna dopo il fuoricampo (MG Oldmangency)p sembra proprio di essere seduti, una domenica pomeriggio di mezza estate, in uno qualunque dei templi in cui la Major League celebra il rito della disciplina del batti-e-corri.

Sul monte, ad affrontare l’Italia che gioca per la prima volta come squadra ‘in trasferta’ nel torneo, c’è Jose Berrios, 3 vinte-7perse nel suo anno d’esordio in MLB a Minnesota nel 2016, famoso per l’efficacia del suo cambio. Dietro al piatto non c’è la leggenda Yadier Molina, ma Roberto Perez, il secondo catcher di Cleveland (2 homer in garauno delle ultime World Series).

Nimmo inaugura la partita con un perfetto lavoro da leadoff, conquistando la base per ball sul conto pieno, quindi John Andreoli scaraventa il secondo lancio di Berrios contro il batter’s eye all’esterno centro, un fuoricampo che manda subito l’Italia avanti 0-2.

L’Italia risponde con Luis Lugo, classe ’94, partente in singolo A lo scorso anno per Cleveland.

Un carichissimo Angel Pagan, esterno dei San Francisco Giants con 8 anni grande lega alle spalle, apre le danze del suo lineup con un doppio che rimbalza fuori dal campo al primo lancio. Francisco Lindor, interbase degli Indians, primo degli Indians dal 1929 a collezionare, al primo anno di major, 10 rubate, 10 HR, 20 2B, 100 valide e .300 di media, tocca verso Lugo, che assiste a Colabello per il primo out. Il giovane interno di Houston, Carlos Correa, va in base per ball, quindi il DH Carlos Beltran, veterano degli Astros con una carriera di 19 anni in major, è il secondo fuori, al volo da Segedin, la cui assistenza precisa a Lugo consente di fermare Pagan in terza. È però il singolo di Javier Baez, campione MLB con Chicago, a fare entrare il primo punto di Porto Rico. Cecchini s’incarica poi di eliminare il prima base Kennys Vargas, 152 turni e 10 homer con Minnesota lo scorso anno.

Ancora potenza nel box per l’Italia nel secondo attacco, con il lunghissimo fuoricampo del ricevitore azzurro Drew Butera, che si è cambiato di posto con Cervelli, DH oggi, dopo gli out di Colabello e Liddi e prima dell’eliminazione di Cecchini, per l’1-3.

Roberto Perez va in prima con 4 ball; Mike Aviles, giovane talento dei Cubs, schierato all’esterno destro, batte un singolo a sinistra e manda Perez in seconda; anche Enrique ‘Kikè’ Hernadez, utility dei Dodgers, batte valido a sinistra e batte a casa il 2-3. Dopo la visita, Pagan batte su Descalso, che gira l’out verso Colabello, il quale a sua volta apre la trappola che elimina Hernandez, mentre Aviles segna il 3-3. Lindor è il terzo out, al volo da Andreoli.

Berrios lascia al piatto Nimmo e Andreoli e fa battere una volata a destra a Cervelli per liberarsi velocemente del terzo attacco azzurro.

Filippo Crepaldi è stato autore di 2 apparizioni perfette al WBC 2017 (MG Oldmanagency)Correa riceve la base e arriva a segnare il sorpasso con una gran corsa, seguita da una simpatica successiva coreografia, grazie al doppio lungo la linea di terza di Beltran. Dopo la facile rimbalzante di Baez verso Liddi, Mazzieri cambia il suo partente con Jordan Romano, che colpisce al piede Vargas al primo lancio; Perez, dopo un fuoricampo in foul che esce letteralmente dallo stadio, riceve la base ball e i sacchetti sono pieni per i turni di Aviles e Hernandez, che finiscono al piatto, con il lancio decisivo che arriva per entrambi dopo una veloce visita di Butera al suo lanciatore.

Ancora 3 out veloci per Berrios nella parte alta del quarto, poi il lineup portoricano si scatena: base di Pagan, singolo di Lindor e fuoricampo di Correa a sinistra, per il 7-3.

Mazzieri chiama di nuovo dal bull pen Crepaldi, che esordisce con lo strikeout di Beltran, Baez batte un singolo e arriva in seconda su lancio pazzo, quindi in terza sulla volatona a destra di Vargas, che è il secondo fuori. Perez è il terzo out, secondo successo personale di Crepaldi nella partita.

Berrios, intanto, vicino al limite di lanci consentito dal regolamento, si rivela l’osso più duro che il lineup azzurro abbia affrontato finora e fa 1-2-3, con 2 K, anche nel quinto.

Nella parte bassa della ripresa, va sul monte per l’Italia Junior Oberto, accolto da 2 tripli consecutivi di Aviles e Hernandez, entra l’ottavo punto di Porto Rico ed esce Nimmo, zoppicante, sostituito da Sebastiano Poma, che si porta all’esterno sinistro, Andreoli al centro e Segedin a destra. Pagan è al piatto e Lindor alza una volata di sacrificio, preda di Andreoli, mentre Hernandez pesta il piatto per il 3-9. Correa, K, è il terzo out.

Hiram Burgos (10-10 nel 2016 in AAA con Milwaukee) è il nuovo lanciatore portoricano del sesto al posto di Berrios, che ha concesso solo 2 valide, entrambe fuoricampo, 3 punti 1 base e 6 K in 5.0.

Poma è il primo out, giocato da Correa, Andreoli è strikeout e Cervelli batte dritto sull’esterno centro Hernandez.

Nonostante Porto Rico metta per l’ennesima volta il primo battitore in base, il pinch hitter Rene Rivera, catcher dei Mets, entrato per Beltran, Oberto esce senza fare subire all’Italia punti nell’inning per la prima volta nella partita: Baez batte in doppio gioco Cecchini-Descalso-Colabello, poi, dopo la base a Vargas, Perez è al volo da Andreoli.

Con 2 fuori, Colabello ha 4 ball, poi Liddi alza una facile volata a destra nel settimo attacco italiano.

Con Nick Fanti sul monte, Aviles è il primo out, opera di Liddi, poi Hernandez e Lindor battono due singoli al centro, inframezzati dalla volata di Pagan. Quindi il pinch hitter TJ Rivera, entrato per Correa, finisce al piatto.L'esultanza di Correa e Lindor dopo il fuoricampo del primo (MG Oldmanagency)

L’ottavo non vede Azzurri in base, e segna l’ingresso sul monte per Fraylin Florian, che esordisce con gli strikeout di Rivera e Baez e fa battere Vargas su Liddi.

Rodriguez fa entrare per il nono Miguel Mejia, set up di doppio e triplo A dei Cubs, il quale elimina al piatto Andreoli e affronta il primo turno nel torneo di Alessandro Vaglio, a battere per Cervelli, e il seconda base campione d’Italia con l’UnipolSai Bologna tocca valido a destra: è la terza valida dell’Italia dopo i fuoricampo del primo e del secondo inning. Entra anche Mario Chiarini, pinch hitter per Segedin, ma finisce al piatto. La linea di Descalso, intercettata dal guanto di Mejia, mette fine alla partita numero 3 dell’Italia nel primo turno del Classic 2017.

Porto Rico si qualifica, imbattuto, per il secondo turno di San Diego, mentre le altre squadre del girone di Jalisco devono attendere la partita fra Messico e Venezuela. Se la squadra di Vizquel vincesse contro i padroni di casa, sarebbe la seconda qualificata, in caso contrario, occorrerà ricorrere al sistema di spareggio introdotto quest’anno.

da Guadalajara, Messico, Marco Landi

IL TABELLINO

LA PHOTOGALLERY

World Baseball Softball Confederation
sponsor confederation
ESF
sponsor loyalty
sponsor girandola
sponsor majorleague
sponsor ics
mint pros
sponsor sixtus
jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });