Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Under 16 a Zagabria con ambizioni e sogni

La pioggia affrontata durante il viaggio che da Ronchi dei Legionari, sede del ritiro pre-Europeo, ha portato a Zagabria non ha affievolito l'entusiasmo della Nazionale under 16 di softball, che da domani – lunedì 29 luglio – nella capitale croata affronterà il Campionato Europeo di categoria con l'intento di completare un filotto eccezionale per il softball azzurro.
Nella mente sono infatti ben nitidi i ricordi dei titoli continentali delle altre Nazionali giovanili, quello della Seniores e soprattutto il pass olimpico conquistato appena ventiquattro ore fa.

Il compito che attende le azzurrine guidate dal manager Giulio Brusa è dunque importante e l'asticella è fissata in alto: quello di Zagabria sarà il decimo Campionato Europeo U16 e la Nazionale azzurra – che ha preso parte a cinque edizioni sinora – ha sempre conquistato il podio: due successi (2003, 2015) e tre terzi posti (2002, 2011, 2017). A guidare l'albo d'oro ci sono i Paesi Bassi, campioni in carica e con tre titoli all'attivo, mentre Repubblica Ceca e Russia, due successi a testa, si sono spartite le edizioni rimanenti. Saranno presumibilmente queste, insieme alla mina vagante Germania, le formazioni che lotteranno con l'Italia per l'alloro europeo.

Le azzurre, inserite nel gruppo C, apriranno la manifestazione affrontando Francia (lunedì 29, ore 9), Turchia (lunedì 29, ore 18) e Slovacchia (martedì 30, 11:30). Le prime due del raggruppamento proseguiranno la propria corsa nella “parte alta” del tabellone, quella da cui – dopo sei partite – usciranno i nomi delle due squadre che sabato 3 agosto alle ore 18 disputeranno la finale.

Le 13 Nazionali (originariamente 14, prima del ritiro della Gran Bretagna) scenderanno in campo su tre diversi impianti a Zagabria, che per la seconda volta nella propria storia ospita un Campionato Europeo di softball, dopo l'”Europeo B” Seniores nel 2007. Un ottimo segnale che giunge dal movimento croato, che per la prima volta nella propria storia partecipa all'Europeo U16, senza reali ambizioni di fare un lungo percorso ma con molta sana voglia di crescere.

La grande incognita sarà il meteo: le previsioni croate che non preannunciano una settimana perfetta per il softball, ma il caldo non eccessivo potrebbe essere invece un sollievo per le azzurre, che avranno un calendario pienissimo, con due partite al giorno fino a giovedì 1.

Il grande caldo ha accompagnato questa squadra nei tornei affrontati, e vinti, a Castions delle Mura (UD) e Legnano (MI) nell'ultimo mese, oltre ai quattro giorni di raduno a Ronchi dei Legionari; dunque la preparazione fisica sarà uno degli elementi fondamentali per questa corsa, oltre all'importante lavoro che Brusa e il suo staff hanno cucito a perfezione sulle atlete in un percorso cominciato il 25 novembre scorso con il primo raduno.

Perché Tokyo non sia il traguardo d'arrivo del softball italiano ma solo una (grandissima) tappa occorre che l'eccellente lavoro sulle Nazionali giovanili continui e le diciassette ragazze che da domani saranno impegnate sui diamanti di Zagabria rappresentano una grande e brillante fetta del futuro del tricolore. Ai sogni non vengono posti limiti e le azzurre hanno più volte provato che essi possono diventare realtà; la palla, con cuciture, è ora in mano alle under 16.

LE CONVOCATE

CALENDARIO, CLASSIFICA, PLAY BY PLAY

Da Zagabria, Nicolò Gatti