Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

L'Olanda vince anche la seconda sfida con le azzurre

Anche il secondo confronto con l’Olanda è a favore dell’avversario storico (4-1), l’Italia paga caro un brutto primo inning e non riesce più a recuperare.

La partita inizia con 20 minuti di ritardo a causa del protrarsi di Gran Bretagna-Irlanda (4-3) e di un breve temporale abbattutosi in zona.
Per l’Italia va in pedana Alexia Lacatena mentre il resto della formazione presenta diverse novità rispetto alla sfida con le ceche, soprattutto in difesa.
Le orange rispondono con Puk Van Der Kolk e con i capisaldi Poot, Jansen e Mutic tutte al loro posto.
Nel primo inning Sheldon si fa vedere con un singolo, ma l’inning si chiude con la figlia d’arte in seconda base.
Al cambio di campo l’Olanda parte subito forte, Jansen e Los iniziano con due singoli, una volata di sacrifico manda a casa il  primo punto e poi un altro singolo di Van Der Veen ed il triplo di Stuart portano la squadra guidata da Edward Franka sul 3-0.
Il manager Longagnani si vede costretto a sostituire Lacatena con Bigatton, che riesce a chiudere la ripresa grazie a due colti rubando sulla stessa azione.
L’ingresso di Bigatton dà sicurezza alla difesa, l’Olanda resta a secco per due riprese e nella terza la lanciatrice del Bollate chiude con due strike out consecutivi.
L’attacco però non decolla, le azzurre fanno buoni contatti, ma a volte la sfortuna, a volte la bravura della difesa olandese impediscono di segnare.
Al quarto inning c’è l’allungo olandese, dopo due eliminati Drijvers va in base su errore, ed nel turno successivo Clarijs batte un doppio che spinge a casa il 4-0.
Nel quinto inning Brugnoli apre con un singolo ed avanza in seconda su bunt prima di venire rilevata da Mazzoni come pinch runner, il successivo singolo di Soldi e la lunga volata di Perricelli mettono finalmente un punto sul tabellone per l’Italia, nel frattempo l’Olanda sostituisce in pedana Van Der Kolk con Van Der Maas.
Al sesto le azzurre riescono a riempire le basi grazie ad una serie di colpiti e basi per ball e la tensione è palpabile, l’Olanda cambia ancora lanciatore e con già due eliminati all’attivo l’ultima battuta delle azzurre è un lungo pop che Los prende con sicurezza.
Nell’ultimo inning purtroppo l’Italia non batte valide, l’Olanda festeggia la seconda vittoria con le azzurre e mette un piede e mezzo in finale.

L'Italia è attesa domani dalle Russia alle 11.45 e dall'Irlanda alle 18.30, servono due vittorie per la qualificazione alla finale.

TABELLINO E PLAY BY PLAY

 

da Trnava, Davide Bertoncini