Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Euro U22: le interviste dopo la prima fase

Dopo la conclusione della prima fase, alcuni protagonisti ci hanno detto le loro impressioni.

"Dovevamo cercare di adattarci, perchè non abbiamo mai giocato insieme, visto che siamo due gruppi diversi (metà proviene dall'Under 19 nda) ma penso che ci stiamo integrando bene" dice Melany Sheldon "le prime partite erano dei test, adesso dobbiamo reagire subito e fare la differenza dall'inizio alla fine".
La partita con l'Olanda non valeva per la qualificazione ma brucia comunque ..
"Serviva a definire solo i prossimi gironi, ed a capire le nostre capacità, anche se abbiamo perso non siamo una squadra inferiore, dobbiamo solo essere più decisive in battuta".
Le fa eco Valeria Bettinsoli "stiamo trovando l'unione di squadra partita dopo partita, anche se la partita vera era quella con l'Olanda" e prosegue "dobbiamo rimanere concentrate dal primo all'ultimo lancio, e sfruttare tutte le occasioni perchè certi treni passano una volta sola ed il minimo errore ti fa perdere una partita".
Cosa pensi del lanciatore olandese di oggi (Roos Marijn Kramer) ?
"Non ha grande velocità, in campionato incontriamo lanciatori più forti, però ha un buon rise-ball, in generale dobbiamo essere più disciplinate al piatto".

"Le prime due gare erano abbordabili" dichiara il manager Longagnani "per cui abbiamo fatto riposare diverse ragazze che avevano giocato la settimana scorsa (Europeo U19 nda), nella prima partita vera sono stati fatali gli episodi, ma abbiamo giocato un ottimo softball, in generale sono soddisfatto".
La sconfitta con l'Olanda alla fine è dovuta ad un calo di concentrazione ?
"Abbiamo perso di un punto, è stato decisivo un episodio nel finale dove abbiamo gestito male la situazione, ma siamo una squadra che ha diverse possibilità di gioco, possiamo mettere pressione sia con la corsa che con la potenza, dobbiamo essere bravi a mixare queste tipologie durante il torneo".
Cosa pensi dei prossimi avversari ?
"Se si sono qualificate sono sicuramente ottime squadre, anche il Belgio che non ha grande tradizione, conosciamo bene Gran Bretagna e Czechia e ci sarà da lottare fino alla fine in ogni incontro".

 

da Trnava, Davide Bertoncini