Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
20180721 Europeo under 19 Italia campione d'Europa (FIBS/Andrian)

Italia Campione d'Europa

Otto anni dopo l’ultima affermazione continentale l’Italia Under 19 del softball torna ad alzare il trofeo continentale, grazie a una fantastica cavalcata fatta di tante bellissime e convincenti vittorie, passata attraverso la sconfitta educativa contro l’Olanda (alla fine quarta, sconfitta 12-8 dalla Repubblica Ceca nella finale per il terzo e quarto posto) nel girone eliminatorio e culminata con una solidissima prestazione in finale contro l’Irlanda, battuta 7-3.

Flyout, K, K… Inizia così lo sprint finale di Alexia Lacatena. Il pitcher azzurro chiama e l’attacco risponde: singolo con un line-drive al centro per Laura Vigna, singolo con un line-drive al centro per Susanna Soldi; Andrea Howard mette a terra il solito (nel corso del torneo se ne contano tantissimi) bunt perfetto e le compagne avanzano entrambe in posizione punto (terza e seconda) e con il productive-out di Elisa Princic ecco che si materializza il primo punto (segnato da Vigna); Bassi non riesce a far avanzare anche Soldi, ma al completamento della prima ripresa l’Italia è già in vantaggio.Elisa Princic e Sara Cianfriglia completano una trappola in terza (FIBS/Andrian)

La seconda ripresa scorre via con agilità, sia per Lacatena, sia per il lanciatore partente dell’Irlanda, Mckenzine McGrath, e poi, a sorpresa nella parte alta del terzo, l’Irlanda dà una scossa che la porta in vantaggio 2-1 e lo fa con la parte bassa del line-up: Nicole Franklin batte un singolo al centro e Lacatena reagisce negativamente mettendo in base Hannah Monteleone; a quel punto Kelly Nelson si produce in una rimbalzante sulla prima base che fa avanzare entrambe le compagne. Il successivo singolo del lead-off Lauren Packer, che riesce a battere scavalcando gli interni e far cadere la pallina davanti a Sofia Fabbian, porta a casa il primo punto. Il secondo arriva con un bunt di sacrificio di Maura Keary.

La reazione delle azzurre e di Laura Vigna, che al cambio campo va in battuta nuovamente per prima, è veemente: il suo singolo al centro, con la collaborazione dell’incerto esterno centro Lily Wilmot, la porta con una corsa estremamente aggressiva in seconda, dove riparte immediatamente sulla battuta di Susanna Soldi (che chiama l’errore dell’interbase), arrivando fino a casa. Sul 2-2 un bunt valido di Andrea Howard sposta Soldi in terza; su palla mancata avanzano entrambe, ma non basta perché Princic, Bassi e Colonna sono eliminate in sequenza da McGrath.

Al cambio campo nuova situazione difficile per la difesa azzurra con Eimar Cunningham che arriva fino in terza, ma Lacatena ne esce con due strike-out.

La parte bassa del quarto è il momento clou, soprattutto rischia di diventarlo in negativo per una chiamata arbitrale che avrebbe potuto cambiare il corso delle cose. Con un out, Sofia Fabbian (in base con 4 ball) arriva salva in seconda ma nell’azione, propiziata da una battuta di Alessandra Rotondo, è colpita dalla pallina. Il ché la eliminerebbe se non fosse che la palla sul corpo di Fabbian arriva solo dopo la deviazione del lanciatore nel tentativo di bloccare la battuta di Rotondo; questa situazione neutralizza la possibile interferenza. La chiamata arbitrale va, contrariamente alla regola, verso l’eliminazione di Fabbian. Dopo le Laura Vigna batte a casa il punto di Sofia Fabbian per il temporaneo 4-2 (FIBS/Andrian)proteste dello staff azzurro e l’intervento del technical commissioner gli arbitri tornano sulla decisione e l’Italia sfrutta l’opportunità: Vigna batte una texas al centro e riempie le basi; una rimbalzante di Susanna Soldi, che viene eliminata in corsia correndo verso la prima, porta a casa il punto del vantaggio. Ci pensa Howard da allungare sul 5-2, battendo a casa due punti con una bella radente sul seconda base, che non trattiene e consente la corsa azzurra sulle basi.

Al quinto l’Irlanda, che gioca con cuore e non muore mai, batte tre singoli consecutivi che riempiono le basi e consigliano Obletter a rilevare Alexia Lacatena. Sulla pedana sale Susanna Soldi e, nonostante una base ball che fa scattare il 3-5 automatico, esce dalla situazione alla grande costringendo Cassandra McGrath a battere una linea su Sara Cianfriglia che, con una giocata spettacolare, coglie il terzo out e toglie dai problemi la squadra.

Una squadra unita, l’Italia, che nella parte bassa del quinto rimette tre punti di distanza tra sé e l’avversaria e lo fa proprio grazie a Sara Cianfriglia: il suo potente lungo linea sulla striscia bianca del foul di terza base è bucato dall’esterno e si trasforma in una sorta di triplo; Fabbian batte sul seconda base: errore di tiro e punto a casa (6-3).

Al sesto Soldi è brava a gestire l’attacco irlandese e poi Vigna, ancora lei, apre il sesto attacco azzurro battendo un fuoricampo interno sul rilievo Kelly Nelson: una battuta potente lungo la linea di foul di prima base e poi una corsa velocissima e cattivissima (7-3). Anche l’altra mancina Susanna Soldi batte in anticipo a destra, ma si ferma in prima. Al suo posto entra a correre Elisa de Trombetti, che corre in terza su bunt di Chiara Bassi, ma l’Italian non produce più.

Al cambio campo comincia a scendere la pioggia e Susanna Soldi prova a chiudere velocemente, ma dopo il K a Kelly Nelson, subisce valida dal lead-off, Lauren Packer. Poco male, è il preludio alla più sublime dei finali: sulla rimbalzante di Maura Keary, Howard raccoglie, tocca il cuscino e assiste verso la seconda verso la quale era scattata Packer. Doppio gioco difensivo e tempesta di gioia, come quella di pioggia che si scatena sul diamante goriziano.

IL TABELLINO

da Ronchi dei Legionari (GO), MG

 

INTERVISTA AL MANAGER ENRICO OBLETTER DOPO LA VITTORIA DELL'EUROPEO

PHOTOGALLERY

Grinta e riscatto: l'Italia U19 elimina l'Olanda

Italia manifestamente più forte della Germania: 15-3

L'Italia U19 galoppa nella notte di Ronchi

L'Italia Softball U19 sfodera gli artigli e graffia la Gran Bretagna

Italia in scioltezza sulla Francia

Grande Italia U19: battuta la Repubblica Ceca

Travolta l'Ucraina, l'Italia Softball U19 avanza

L'Italia Softball U19 supera senza problemi Israele

Una sconfitta che grida vendetta

Nel segno del leadoff, è esordio vincente per l'U19 Softball