Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

In una lettera inviata a tutte le federazioni membre a firma di Tommy Velazquez, presidente del Softball Division Board, la World Baseball Softball Confederation (WBSC), ha annunciato cambiamenti importanti, nella forma e nella sostanza, per il movimento del softball mondiale. Nel meeting di Roma dello scorso 27 gennaio, il board  della "palla soffice" ha deciso per il cambio di brand di tutti i Softball World Championship, i Mondiali, con il passaggio alla nuova denominazione di Softball World Cup, come già fatto per le massime competizioni internazionali di baseball. Un primo modo per massimizzare il prestigio, il valore e la spendibilità dei tornei più importanti di softball, dopo le Olimpiadi. Un cambiamento di denominazione che partirà con le competizioni del 2019 e 2020.

Ma tra le novità di sostanza anche il ritorno ad un Mondiale non più aperto, ma riservato alle Nazionali che guadagneranno sul campo, a livello continentale, la partecipazione. Un'iniziativa volta a far aumentare il livello tecnico di gioco delle Softball World Cup. Una decisione che ha portato quindi a definire i format e il numero di squadre Nella riunione romana della WBSC è intervenuto il presidente del CONI Giovanni Malagò, nella foto accanto a Tommy Velazquez (www.wbsc.org)partecipanti per ogni categoria: 16 Nazionali per le Softball World Cup seniores maschile e femminile e per quella U19 femminile, 12 per la U19 maschile, che lascia così la vecchia denominazione "Junior". Il board è andato oltre stabilendo il numero di qualificate per ogni continente: nel format a 16 sqaudre ci saranno 2 posti per l'Africa, 5 per le Americhe, 3 per l'Asia, 3 per l'Europa, 2 per l'Oceania ed 1 wild card, nel format a 12, 1 slot per l'Africa, 4 per le Americhe, 2 per l'Asia, 2 per l'Europa, 2 per l'Oceania ed 1 wild card.

Come ultimo step dei lavori è stato deciso come calendarizzare le varie competizioni e la loro cadenza. Dopo l'edizione 2018 in programma a Chiba in Giappone, la Women's Softball World Cup slitterà al 2021, per lasciare spazio nel 2020 alle Olimpiadi, e da lì in avanti avrà cadenza biennale. La U19 Women's Softball World Cup si giocherà come previsto nel 2019 e poi tornerà in scena già nel 2020 per esssere giocata da quel momento in avanti ogni 2 anni. In campo maschile la Coppa del Mondo U19 si giocherà nel 2021 e poi ogni 2 anni, mentre la seniores si svolgerà nel 2019, 2021 e poi nel 2022 per prendere quindi la cedenza biennale.

"Questo sistema delle Softball World Cup con qualificazioni" ha sottolineato Tommy Velazquez in una nota diffusa dalla WBSC "aumenterà il valore e la commerciabilità delle nostre confederazioni continentali e dei loro tornei."

di Fabio Ferrini

 

aisla

World Baseball Softball Confederation
sponsor confederation
ESF
sponsor loyalty
sponsor girandola
sponsor majorleague
sponsor ics
mint pros
sponsor sixtus
jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });