Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

In una lettera inviata a tutte le federazioni membre a firma di Tommy Velazquez, presidente del Softball Division Board, la World Baseball Softball Confederation (WBSC), ha annunciato cambiamenti importanti, nella forma e nella sostanza, per il movimento del softball mondiale. Nel meeting di Roma dello scorso 27 gennaio, il board  della "palla soffice" ha deciso per il cambio di brand di tutti i Softball World Championship, i Mondiali, con il passaggio alla nuova denominazione di Softball World Cup, come già fatto per le massime competizioni internazionali di baseball. Un primo modo per massimizzare il prestigio, il valore e la spendibilità dei tornei più importanti di softball, dopo le Olimpiadi. Un cambiamento di denominazione che partirà con le competizioni del 2019 e 2020.

Ma tra le novità di sostanza anche il ritorno ad un Mondiale non più aperto, ma riservato alle Nazionali che guadagneranno sul campo, a livello continentale, la partecipazione. Un'iniziativa volta a far aumentare il livello tecnico di gioco delle Softball World Cup. Una decisione che ha portato quindi a definire i format e il numero di squadre Nella riunione romana della WBSC è intervenuto il presidente del CONI Giovanni Malagò, nella foto accanto a Tommy Velazquez (www.wbsc.org)partecipanti per ogni categoria: 16 Nazionali per le Softball World Cup seniores maschile e femminile e per quella U19 femminile, 12 per la U19 maschile, che lascia così la vecchia denominazione "Junior". Il board è andato oltre stabilendo il numero di qualificate per ogni continente: nel format a 16 sqaudre ci saranno 2 posti per l'Africa, 5 per le Americhe, 3 per l'Asia, 3 per l'Europa, 2 per l'Oceania ed 1 wild card, nel format a 12, 1 slot per l'Africa, 4 per le Americhe, 2 per l'Asia, 2 per l'Europa, 2 per l'Oceania ed 1 wild card.

Come ultimo step dei lavori è stato deciso come calendarizzare le varie competizioni e la loro cadenza. Dopo l'edizione 2018 in programma a Chiba in Giappone, la Women's Softball World Cup slitterà al 2021, per lasciare spazio nel 2020 alle Olimpiadi, e da lì in avanti avrà cadenza biennale. La U19 Women's Softball World Cup si giocherà come previsto nel 2019 e poi tornerà in scena già nel 2020 per esssere giocata da quel momento in avanti ogni 2 anni. In campo maschile la Coppa del Mondo U19 si giocherà nel 2021 e poi ogni 2 anni, mentre la seniores si svolgerà nel 2019, 2021 e poi nel 2022 per prendere quindi la cedenza biennale.

"Questo sistema delle Softball World Cup con qualificazioni" ha sottolineato Tommy Velazquez in una nota diffusa dalla WBSC "aumenterà il valore e la commerciabilità delle nostre confederazioni continentali e dei loro tornei."

di Fabio Ferrini

 

aisla

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb

logo ICS mint pros Sixtus logo  LOGO CONCLIMA  LOGO JOHNSON

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });