Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Trascorsa una settimana dall'inizio dello stage in Arizona di Italia baseball, abbiamo approfittato del giorno di riposo concesso ai ragazzi per ascoltare l'allenatore dei lanciatori Rolando Cretis e tracciare un bilancio di questa prima parte di esperienza sotto il sole dell'Arizona, che ha visto gli azzurri vincere due dei tre incontri disputati contro Oakland Athletics, Cincinnati Reds e Texas Rangers.

"I ragazzi stanno lavorando molto duramente fortunatamente anche perché, seppur in parte, il tempo ci ha aiutato e si riescono a fare dei lavori completi, su misura ed abbastanza approfonditi", attacca Cretis. "Nella prima partita abbiamo un po' pagato lo scotto della novità. Le squadre di Instructional League delle organizzazioni di Major League Baseball hanno dei giocatori di un certo livello ed abbiamo un po' sofferto, forse ci siamo fatti anche intimidire dalla situazione. Le altre partite invece sono andate molto bene, abbiamoAngelo Palumbo in azione (Luca Giangrande FIBS) combattuto ad armi pari, abbiamo detto la nostra e, cosa che non era successa nella prima partita, abbiamo attaccato di più la zona dello strike, ci siamo fatti meno intimidire ed abbiamo ottenuto ottimi risultati".

In cosa differisce il lavoro svolto in questa settimana nelle strutture degli Oakland Athletics con quello che invece viene svolto in Italia?

"Sicuramente qui si può fare un lavoro più approfondito, lanciatore per lanciatore, smussando qualche piccolo difetto. Con qualche consiglio in più si riesce a fare un lavoro mirato a correggere le imperfezioni. D'altro canto, essendo una Instructional League, è normale che certi lavori debbano essere fatti proprio per perseguire questo obiettivo".

Facendo le dovute proporzioni con il diverso livello di esperienza dei battitori, i risultati otteuti sul monte di lancio rappresentano una iniezione di fiducia rispetto all'esperienza del Super Six, in cui soprattutto il bullpen non aveva lanciato secondo le attese.

"Sì, direi proprio di sì perché sia contro i Reds che contro i Rangers i ragazzi hanno lanciato bene ed il bullpen ha reagito bene. Lo hanno fatto anche nella prima partita, seppur con qualche piccola incertezza. Nel Super Six, data l'importanza dell'evento, qualcuno ha sofferto di più la pressione derivante da un torneo importante".

Per alcuni lanciatori è stata l'occasione per mettersi in mostra. 

"Sicuramente la partita di Angelo Palumbo è stata una partita pressoché perfetta. Nel corso dei quattro inning lanciati non ha concesso niente e direi che il lavoro che ha fatto è stato ottimo. Segnali positivi anche da parte di Samuel Aldegheri perché è un ragazzo molto giovane e si è messo in mostra in quelle due riprese contro Cincinnati. Per ora tutti gli altri hanno fatto un lavoro egregio quando sono stati chiamati in causa.

Craif Lefferts, pitching coach all'interno dell'organizzazione degli Oakland A's, fa una dimostrazione ai lanciatori azzurri.

Sabato i lanciatori hanno potuto lavorare con Craig Lefferts, veterano di 12 stagioni in Major League Baseball e coach di grandissima esperienza - basti pensare che è stato allenatore anche della nazionale olimpica statunitense- quanto è stata importante questa esperienza per i lanciatori?

"L'esperienza fatta con Lefferts è stata molto produttiva, anche e soprattutto per noi tecnici perché ci può essere di aiuto per migliorare sempre di più e di mirare sempre di più in maniera più precisa il lavoro per ogni singola persona. I ragazzi hanno apprezzato i suoi consigli e hanno avuto motivo di soddisfazione e interesse ad ascoltare le parole di un grande professionista".

Per concludere, in questa settimana si sono giocate solamente tre partite ma sono stati utilizzati tutti i lanciatori. Quale strategia avete deciso di attuare per le prossime partite?

"Per le prossime partite abbiamo stabilito soltanto i lanciatori partenti. Abbiamo preso un po' di rincorsa in queste partite e ce le andremo a giocare, a seconda della situazione, con tutti i rilievi pronti - dal primo inning in poi - in tutte le partite".

da Mesa, Arizona, Luca Giangrande

MERCHANDISE UFFICIALE

aisla

 mint pros  Il logo del Caffè Motta LOGO CONCLIMA  LOGO JOHNSON Sixtus logo

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });