Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

L’Italia saluta la Haarlem Week con il quinto posto e qualche occasione mancata

L’Italia cede 9-5 a Cuba nella partita che vale il quarto posto alla Haarlem Baseball Week 2018, una partita di alti e bassi, con una rotazione vorticosa programmata sul monte di lancio da parte degli azzurri e un equilibrio perfetto per metà gara fino a quando, sul 2-2, i caraibici allungano nel quinto inning, segnando 5 volte e conquistando un vantaggio che la formazione di Gerali non riesce più a colmare.

Il botta-e-risposta fra Italia e Cuba inizia già dal primo inning, quando, al punto segnato dai caraibici con rimbalzante in diamante di Barthelemy dopo la sequenza singolo-doppio di Galvez e Sanchez, risponde Chris Colabello con un gran fuoricampo al centro da 1 punto nella parte bassa della ripresa.

Dopo Pizziconi, tocca a Mattia Aldegheri la seconda ripresa, chiusa bene con un doppio gioco difensivo. Il giovane lanciatore veronese apre anche il terzo inning con un out e una base, per fare posto a Valerio Simone, che fa battere 2 facili pop in diamante agli avversari.

Da raccontare il quarto attacco cubano, contro Claudio Scotti, che inizia con la base a Cedeno, il singolo di Santoya e il bunt valido di Acebey. A basi piene, il pinch hitter Jhonson ottiene anche lui 4 ball e riporta Cuba in vantaggio. Dopo la visita di Gerali al suo lanciatore, Blanco tocca in diamante e Noguera assiste prontamente a casa base, dove Deotto elimina Santoya. Acebey tenta poi la grande rubata, probabilmente su un tentativo di squeeze play non compreso da Medina nel box: Deotto lo aspetta al piatto, palla in mano, e il pericolo termina con la volata al centro dello stesso Medina.

Gli azzurri non sono da meno a sprecare troppo nel mezzo inning successivo: Sambucci cammina con 4 ball e Zileri lo manda in seconda con un singolo. Celli è strikeout, poi arriva il singolo di Mattia Mercuri a rimettere in parità la partita; Deotto alza una volata ed è il secondo fuori, ma i compagni avanzano di una base. Noguera riempie i sacchetti con una base, ma Hernandez elimina al piatto Desimoni e inchioda il 2-2.

Cuba piazza un big inning al quinto attacco, nel quale produce 5 punti con 2 valide e 2 errori della difesa azzurra; l’ingresso di Gianfranco Rizzo non è controllato e, dopo 2 basi ball, Gerali manda a lanciare Nicolò Clemente, che concede a sua volta la base a Barthelemy, riempiendo i sacchetti, senza out. Cedeno tocca verso Noguera, che ancora ottiene l’out a casa base, ma il tiro per il doppio gioco di Deotto vola alto sulla testa di Sambucci e Sanchez segna il primo punto dell’inning. Santoya incoccia un singolo lungolinea a sinistra da 2 RBI, poi Acebey è colpito e un lancio pazzo mette nuovamente corridori in seconda e terza, prima che Cosme, con un bunt di sacrificio, porti a casa il sesto punto per i suoi. Il 2-7 arriva col singolo di Blanco, mal giocato da Mercuri.

Batteria azzurra nuova nel sesto, con Crepaldi e Trinci per Clemente e Deotto; arrivano 2 singoli e 1 palla mancata, ma anche il terzo out a casa base della partita per l’Italia, in combinazione Mercuri-Trinci, che chiude indenne la fase difensiva e inizia la reazione: con 1 fuori, Celli batte un singolo che impatta contro la recinzione di sinistra e Poma lo sostituisce a correre, Mercuri batte valido e Trinci è salvo per errore del terza base Galvez, mentre Poma segna. Fuori il partente Hernandez, dentro Rodriguez che concede subito 4 ball a Noguera e, con Desimoni nel box, una palla mancata fa entrare Mercuri per il 4-7. Cambio sul monte e base a Vaglio, altro cambio e Colabello è il terzo out ad opera di Galvez.

Nel settimo, dopo il singolo di Zileri, il prima base Santoya, intercetta la linea di Poma e tocca la prima per il doppio gioco, replica speculare dell’azione-chiave della partita contro l’Olanda di venerdì sera.

Entra Palumbo all’ottavo e subisce a freddo il singolo di Galvez e il fuoricampo di Sanchez che suggella il definitivo 4-9.

Due errori della difesa cubana e il doppio con RBI di Zileri (4 su 5) tengono accesa la fiamma azzurra al nono, ma il closer Garcia

L’Italia lascia così la Haarlem Baseball Week del ritorno con un 5° posto abbastanza stretto per quanto visto in campo.

IL TABELLINO

IL SITO DELLA HAARLEMSE HONKBALLWEEK 2018

L'INTERVISTA A GILBERTO GERALI AL TERMINE DELLA HAARLEMSE HONKBALLWEEK 2018

da Haarlem, Paesi Bassi, Marco Landi