Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Janssen e Gerali prima dell'ultima sfida di Codogno (K73-Oldmanagency)

I bilanci di Gerali e Janssen al termine delle European Baseball Series

Sia per l'Italia, sia per l'Olanda, queste European Baseball Series sono state l'occasione per vedere all'opera qualche elemento nuovo e avere indicazioni in vista del futuro: "E' stato siuramente un trittico positivo così come sono stati positivi i raduni precedenti" spiega la guida tecnica azzurra Gilberto Gerali. "Oggi c'è un po' di rammarico per questa sconfitta perché credevo che potessimo portare a casa anche questa gara. Spero che i ragazzi abbiano capito anche oggi che c'è un grosso potenzionale nel gruppo e questo è il primo mattoncino per pensare a quella che sarà la qualificazione olimpica fra due anni. Vedo più consapevolezza, questo gruppo deve crederci di più e ha già incominciato a crederci da questa tre giorni". Gerali guarda anche nello specifico: "I lanciatori hanno fatto vedere di uscire da situazioni critiche mostrando personalità, poi nel complesso tutti i reparti mi sono piaciuti a partire dalla difesa nella prima partita, quindi è un gruppo omogeneo, un cantiere aperto, ma quello che voglio far capire e che devono essere sicuri di se stessi".

Il collega orange Steve Janssen è soddisfatto di quanto visto: "Sono state tre buone partite alla fine della stagione per entrambe. So che l'Italia aveva alcuni ragazzi giovani che voleva testare ad alto livello, così come noi. Ho visto delle buone cose e sono soddisfato e contento di aver finito oggi con una vittoria". "E' importante creare delle opportunità per giocare ad alto livello perché una partita vale più di una settimana di allenamenti. Le prossime opportunità di incontrarci saranno la Haarlem Week a luglio e il Super Six europeo di settembre, una manifestazione nuova che siamo curiosi di provare".

da Codogno, Fabio Ferrini

L’Italia cede 5-2 all’Olanda in gara3, ma a Codogno è festa grande