Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

di Michele Gallerani

“Da tempo sognavo questo momento” racconta Pat Venditte contattato al telefono. “Ora è arrivato e cercherò di sfruttarlo al massimo. Sono molto felice”. Poche parole, come da prassi per i pro in questiPat Venditte in campo al World Baseball Classic 2013 (Ezio Ratti/FIBS) casi, ma sufficienti a far capire quanto sia importante questo passo per il pitcher azzurro (per lui già due esperienze con la maglia della Nazionale di Marco Mazzieri: World Baseball Classic 2013 ed Europeo 2014).

Finalmente, dopo 7 anni di gavetta nelle Minors, dopo che era diventato free-agent, una volta scaduto il contratto con la franchigia dei New York Yankees, per il ventinovenne originario di Omaha, nel Nebraska. È arrivato il grande giorno: la promozione dal Triplo A, dove giocava nella Pacific Coast League, con la divisa dei Nashville Sounds, alla Major League e ora, con la divisa degli Oakland A’s.

Negli Stati Uniti c’è una definizione precise per parlare di Pat Venditte: switch-pitcher. È infatti l’unico Pat Venditte, nella locker-room di Papago Field, alla vigilia del WBC 2013, mostra il suo guanto bimane. Il destino ha voluto che tornasse in quello spogliatoio per lo spring-training 2015 con gli A'S (MG/Oldmanagency)lanciatore in attività a essere in grado di salire sul monte e lanciare con entrambe le braccia. Prima di lui vi fu un solo giocatore, nella storia della MLB, a esibirsi sia di destro, sia di sinistro: si tratta di Greg Harris che, nel 1995, giocò un solo inning con la casacca dei Montreal Expos. Prima di Harris: nessuno. Dopo Harris: nessuno, finora. Adesso Pat, che aveva iniziato la stagione con lo spring-training a Papago Field, nei pressi di Phoenix nemmeno all’interno del 40-men roster, ha questa grande opportunità. Per fargli spazio nel roster dei 25 gli A’s hanno retrocesso  in Triplo A il lanciatore destro Dan Otero.

Venditte, durante le sue apparizioni con la Nazionale azzurra, raccontando gli episodi che hanno caratterizzato la sua carriera e parlando delle motivazioni che non lo avevano ancora portato a esordire in grande lega aveva sempre detto: “non mi preoccupa quando, sono certo che con il lavoro quel giorno arriverà. Non mi spaventa lavorare duro; non mi spaventa la lunga strada da fare; so che sarà molto difficile, ma io combatto per arrivare il più in alto possibile”.
Una cultura del lavoro che gli è stata insegnata dal padre, Pat Senior, che nel giardino di casa lo ha educato a lanciare da ambidestro.

Nella sua lunga carriera nelle leghe minori è famosa una scenetta del 2009, quando con la maglia degli Staten Island Yankees, in un derby con i Brooklyn Cyclones, affrontando uno switch-hitter, continuava a cambiare la mano del guanto e di conseguenza quella di lancio e, contestualmente, il battitore posizione nel box.

GUARDA IL VIDEO SU YOUTUBE

Da quel giorno il regolamento è cambiato. La regola 8.01 (f) delle norme del baseball professionistico americano dice: “Un lanciatore deve indicare chiaramente all'arbitro-capo, al battitore e agli eventuali Pat Venditte intervistato da Art Spander del San Francisco Cronicle prima del WBC 2013 (MG-Oldmanagency)corridori la mano con la quale ha intenzione di lanciare, indossando il guanto nell’altra quando tocca la pedana. Al lanciatore non è consentito a cambiare braccio di lancio fino a quando il battitore non sia eliminato, diventi corridore, l’inning finisca, il battitore venga sostituito da un pinch-hitter o il lanciatore subisca un infortunio. Nel caso in cui subisca un infortunio durante un turno di battuta, il lanciatore può cambiare braccio ma, a quel punto non potrà , per il resto della partita, tornare al braccio che si è infortunato. Al lanciatore non deve essere data la possibilità di effettuare lanci di riscaldamento tra un cambio di braccio e l’altro. Qualsiasi cambiamento di braccio deve essere indicato chiaramente all'arbitro-capo”.

 

aisla

 mint pros  Il logo del Caffè Motta LOGO CONCLIMA  LOGO JOHNSON Sixtus logo

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });