Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Gli Stati Uniti conquistano il titolo al Mondiale Under 12

da Taipei City (Taiwan), Fabio Ferrini

Di fronte ad una cornice di pubblico incredibile con il Tien Mou sold out ed oltre 10 mila persone ad assistere alla finale, gli Stati Uniti conquistano il titolo nel Mondiale Under 12 superando i padroni di casa di Taiwan che devono così abdicare dopo la vittoria del 2011. La sfida per il gradino più alto del podio dura poco, almeno sul campo, perché la formazione a stelle e strisce piazza un graffio Un spezzone delle tribune gremite del Tien Mou durante la finale (ADL)profondo sulla partita nella seconda ripresa e scava un solco incolmabile per gli asiatici ai quali però non manca fino alla fine il sostegno del pubblico di casa e anche quando arriva il diciottesimo out che segna il successo americano scrosciano gli applausi dalle tribune gremite in ogni ordine di posto del Tien Mou Stadium.

Gli Stati Uniti picchiano forte fin da subito e quando in apertura di seconda ripresa Naranjo spedisce la palla alle spalle dell'esterno sinistro regalando il vantagggio alla sua squadra, solo-homer, si capisce come la formaizone americana non abbia nessuna intenzione di lasciarsi sfuggire l'occasione. I padroni di casa di Taiwan non possono che stare a guardare la potenza esplosa dagli avversari che non paghi dell'1-0 toccano con facilità i lanci di Evan Godwin mostra fiero la scritta USA suk petto della casacca (ADL)Chen e producono altre 4 valide prima che si arriva ad un out (2-0). Quando poi la difesa asiatica ci mette del suo con un errore importante dopo il singolo di Volpe, il dado è tratto (6-0). E per chiudere in bellezza l'attacco Hines colpisce il doppio che porta a 7 i punti e 8 le valide nell'inning.

Poco importa se poi al quarto i padroni di casa si sbloccano sul singolo di Chen Ching (1-7), anche perché gli Stati Uniti rispondono con estrema prontezza e mostrano ancora una volta tutta la loro potenza con Hines che firma il secondo solo-homer della partita (8-1). Al resto pensa il partente americano Justin Campbell, inserito poi nella squadra All Star come miglior lanciatore partete, che domina ma lascia la soddisfazione dell'ultimo out, quello della vittoria, al compagno Matthew Allan.

IL TABELLINO