Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

L’Italia si impone alla Repubblica Ceca senza brillare

da Taipei City (Taiwan), Fabio Ferrini

Contro la Repubblica Ceca non è l'Italia di 24 ore prima e anche se per metà partita gli azzurrini sembrano sonnecchiare in campo, con gli avversari che ne approfittano in pieno portandosi avanti 3-0, quando suona la sveglia la strada si fa in discesa e gli bastano 2 inning per portare a casa una vittoria fondamentale (6-3) per il proseguo del Mondiale Under 12. La chiave di volta del derby europeo sta nella sostituzione del partente ceco Martin Grundmann, che in tre riprese non aveva mai permesso ai ragazzi di Burato di toccare il sacchetto di prima. E mentre l'Italia ha trovato l'equilibrio sul monte con il rilievo finale di Marco Del Gaudio, il bullpen ceco non si è mostrato all'altezza del partente venendo toccato pesantemente dalle mazze azzurre guidate da un Andrea Pasotto incontenibile nel box con 2 doppi, uno alla recinzione, e 4 punti battuti a casa.

Complice forse anche il gran caldo ed un sole cocente, l'Italia che si presenta davanti alla Repubblica Il partente ceco Martin Grundmann tira 3 riprese perfette (2f/Oldmanagency)Ceca non ha quella grinta e quella voglia che l'aveva portata ad insidiare il Giappone il giorno prima. Ci sono i meriti del lanciatore partente ceco Martin Grundmann che per tre riprese non fa capire niente alle mazze italiane e non permette a nessuno di arrivare salvo sul cuscino di prima. Che però l'Italia nella prima metà di gara sembra essere rimasta nel dugout, almeno con la testa, è testimoniato da 2 errori e da almeno un paio di giocate difensive con poca lucidità, come una presa al volo del seconda base al terzo che si trasforma in una volata di sacrificio per il raddoppio ceco. In precedenza la Repubblica Ceca aveva spezzato la parità iniziale riuscendo a far completare il giro delle basi a Krivanek con una sola valida, un bunt, e naturalmente la complicità azzurra.

Le cose non sembrano andare meglio per l'Italia nella quarta ripresa dove i cechi continuano a mettere pressione alla difesa azzurra mettendo a terra bunt. Su quello di Kadrnozka arriva il 3-0. La situazione si fa ancora più delicata quando Bartonova mette giù l'ennesima battuta corta e le basi si riempiono. Qui l'Italia inizia la sua risalita. Aldegheri infila uno strike out, poi Del Gaudio viene chiamato sul monte e chiude l'inning con una fly.

A questo punto il manager azzurro Stefano Burato richiama i suoi ragazzi, gli raccomanda calma nel box ma li sprona a svegliarsi. Le parole della guida tecnica azzurra danno i frutti sperati. Un aiutino viene anche dal manager ceco che, stranamente, decide di rinunciare al suo partente, perfetto fino a quel momento e con soli 32 lanci nel braccio. E i rilievi lo tradiscono. Oppelt riempie le basi, con Angioi che Andrea Pasotto, protagonista con 2 doppi e 4 rbi, scivola per il 3-3 (2f/Oldmanagency)rompe il tabù della no-hit, e dopo soli tre uomini affrontati lascia una complicata situazione a Kadrnozka che viene accolto al primo lancio da un doppio a destra di Pasotto. L'Italia si avvicina agli avversari (2-3), ma perde Orrasch intrappolato in ballerina tra terza e casa. E' quindi un singolo di Catalano a regalare il pareggio. Seppur con qualche rammarico per non aver ribaltato subito la situazione in un momento favorevole, l'Italia può respirare. Merito va anche a Del Guadio che controlla le mazze ceche come non riuscito prima a Orrasch ed Aldegheri.

Il quinto inning è quello della svolta finale. Questa volta è la Repubblica Ceca a mostrarsi sotto pressione con la difesa che sbaglia su una battuta di Angioi. Le valide di Marras e Orrasch regalano il vantaggio all'Italia e Pasotto ci mette il punto esclamativo con un doppio alla recinzioneche fissa il punteggio sul 6-3 per gli azzurri. L'Italia potrebbe anche allungare ulteriormente, ma sbaglia ancora qualcosa sulle basi e Pasotto viene eliminato a casa per aver scivolato di testa, vietato dal regolamento in questa categoria.

Mal di poco perché la Repubblica Ceca non ne ha più e dopo gli ultimi 3 out gli azzurrini possono festeggiare la seconda vittoria del torneo.

IL TABELLINO

LA PHOTOGALLERY AGGIORNATA DELL'ITALIA

RISULTATI E CLASSIFICHE

Nella foto di copertina il Orrasch preso in ballerina tra terza e casa dalla difesa ceca (2f/Oldmanagency)