Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

A BOLOGNA LA PRIMA RIUNIONE CON LE SOCIETA' INTERESSATE AD OSPITARE GARE DEL MONDIALE 2009

L'Hotel Europa di Bologna ha ospitato nel pomeriggio di martedì 10 giugno la prima riunione convocata dal Presidente Federale Riccardo Fraccari con le società che hanno mostrato interesse ad organizzare gare del Mondiale IBAF 2009. La riunione era dedicata alle società dell'area centro nord, quindi candidate ad ospitare partite di uno dei 2 gironi ad 8 squadre (l'altro si giocherà in Olanda) della seconda fase del Mondiale. La riunione con le società del centro sud, candidate ad ospitare gare della terza fase del torneo e le partite che assegneranno le medaglie, è convocata per mercoledì 11 giugno a Roma.

Alla riunione di martedì hanno partecipato i rappresentanti di Avigliana, Bollate, Firenze, Fortitudo Bologna, Lodi, Milano, Novara, Modena, Piacenza, Ronchi del Legionari, San Marino, Torino e Verona. Tra le società che avevano mostrato un interesse preliminare erano assenti Codogno, Godo, Parma, Reggio Emilia, Rimini e Vicenza.

Il Presidente Fraccari ha illustrato alle società convenute il dettaglio delle condizioni necessarie per organizzare partite di livello internazionale. Tutti i presenti hanno espresso consapevolezza della necessità di realizzare lavori di adeguamento agli impianti per raggiungere gli standard imposti dalla Federazione Internazionale e dalla Major League Baseball. A questo proposito, tutte le società rappresentate si sono dette concordi nel discutere la questione con le rispettive municipalità (per la cronaca, il Sindaco di Ronchi dei Legionari Roberto Fontanot è intervenuto alla riunione con l'Assessore allo Sport Gianluca Masotti) e di presentare un impegno a svolgere i lavori necessari entro la metà di luglio.