Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

La Fortitudo si cuce sul petto il tricolore che vale la stella, il decimo della sua storia, che la rende la squadra più vincente degli anni 2000 con 5 titoli conquistatati. Il finale delle Italian Baseball Series non è però quello che ci si aspettava, perché la serie tra Bologna e Rimini la decide, in parte, la pioggia che costringe gli arbitri a dichiarare finita gara 6 nella parte bassa della sesta ripresa (per regolamento viene omologato il risultato di 2-0 all'ultimo inning completo giocato, il quinto). E' quasi una beffa perché il maltempo, dopo un acquazzone durante il quinto attacco romagnolo che costringe alla sospensione, dà modo alla società di casa di risistemare il campo, con un grande sforzo sostenuto anche con l'aiuto di molti tifosi, poi lascia giocare per altri 8 out prima di riversare un'altra ondata di pioggia sul Gianni Falchi. Anche questa volta si prova a sistemare il terreno di gioco ma dopo poco più di un'ora si abbatte un terzo acquazzone. La partita viene dichiarata finita, Bologna vince 2-0 e conquista lo scudetto.

Per il manager Lele Frignani una soddisfazione doppia avendo vinto il tricolore da manager esordiente nell'Italian Baseball League, un record che si ripete a E' stata di Alessandro Vaglio la valida decisiva che ha spinto a casa i 2 punti del Bologna (Ezio Ratti-FIBS)distanza di 20 anni dall'ultima volta (1997, Corradi con Parma).

Per il primo match-point al Gianni Falchi Bologna si presenta con Marval schierato designato e l'inserimento di Sabbatani dietro al piatto di casabase, con Fuzzi a fargli spazio. Rimini invece conferma la squadra vittoriosa di gara 5. Sul monte il duello inedito per queste Italian Baseball Series con Ryan Searle a fronteggiare Ricardo Hernandez.

Per la prima volta nella serie di finale non si vedono punti sul tabellone nel primo terzo della partita. Entrambe le squadre vanno in base in 2 occasioni ma senza concretizzare. I maggiori rimpianti sono però in casa Fortitudo perché Grimaudo apre la terza ripresa con una valida a destra letta male da Celli, che si fa scavalcare dalla palla, per un triplo che scalda il pubblico sulle tribune. Si rivela però una falsa speranza: Sabbatani, Infante e Cedeno toccano in serie 3 battute che non escono dal diamante e non danno l'occasione al compagno di correre a casa. E la partita rimane in equilibrio.

Una parità che non dura però molto perché nell'attacco successivo l'UnipolSai porta a Bologna impegnata a sistemare il campo dopo il primo acquazzone (Ezio Ratti-FIBS)casa quello che aveva mancato poca prima. Con un out Marval tocca la valida a sinistra e con Sambucci nel box viene chiamato un balk ad Hernandez che accusa il colpo. Arriva la base ball per il numero 83 emiliano e, sul conto di 0 ball e 2 strike, Vaglio spara un fulmine a sinistra per il doppio che regala 2 punti ai padroni di casa (2-0).

Sopra il Falchi lampeggia e mentre si gioca la parte alta del quinto inning, con 2 out, un uomo in base e Di Fabio nel box con 1 strike arriva una bomba d'acqua che costringe Filippi a mandare le squadre nei dugout e trasforma l'infield in un lago. Appena il maltempo dà un attimo di tregua, gli arbitri decidono di dare un'ora e mezzo alla società di casa per rimettere a posto il campo. Grazie all'aiuto di numerosi tifosi, e nonostante qualche altra precipitazione, Bologna riesce nell'impresa di rendere nuovamente giocabile il diamante.

A mezzanotte si riparte con Rivero e Padron sul monte, la partita però non fa in tempo Bologna festeggia sotto la pioggia dopo che gli arbitri hanno dichiarato finita la partita (Ezio Ratti-FIBS)a dire niente perché dopo appena 8 eliminazioni, con l'UnipolSai in attacco al sesto, arriva il secondo acquazzone della serata sul Gianni Falchi. Come un film già visto, si aspetta la fine della pioggia e poi Bologna, su invito degli arbitri, torna a lavorare per sistemare il terreno di gioco. Dopo circa un'ora, con il campo non ancora pronto, il maltempo decide di mettere la parola fine sulle Italian Baseball Series 2016, arriva il terzo scroscio della serata e questa volta gli arbitri non possono che dichiarare finita la partita.

Bologna vince gara 6, chiudendo la serie 4-2, e partono i festeggiamenti per il decimo scudetto.

da Bologna, Fabio Ferrini

IL TABELLINO

Le MIGLIORI FOTO in ALTA RISOLUZIONE di GARA 6

Parlano i NEO-CAMPIONI d'Italia della FORTITUDO BOLOGNA

Così in gara 1: E' dell'UnipolSai la prima sfida scudetto

Così in gara 2: L'UnipolSai regala e Rimini pareggia la serie

Così in gara 3: I fuoricampo di Sambucci e Cedeño regalano il 2-1 nella serie a Bologna

Così in gara 4: L'UnipolSai passa agli extrainning

Così in gara 5: Mayora trascina Rimini a suon di fuoricampo

Così sabato 20: Campo allagato al "Falchi", gara 6 slitta di 24 ore

 mint pros  Il logo del Caffè Motta LOGO CONCLIMA  LOGO JOHNSON Sixtus logo

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(function($) { SqueezeBox.initialize({}); SqueezeBox.assign($('a.pg-modal-button').get(), { parse: 'rel' }); }); window.jModalClose = function () { SqueezeBox.close(); }; // Add extra modal close functionality for tinyMCE-based editors document.onreadystatechange = function () { if (document.readyState == 'interactive' && typeof tinyMCE != 'undefined' && tinyMCE) { if (typeof window.jModalClose_no_tinyMCE === 'undefined') { window.jModalClose_no_tinyMCE = typeof(jModalClose) == 'function' ? jModalClose : false; jModalClose = function () { if (window.jModalClose_no_tinyMCE) window.jModalClose_no_tinyMCE.apply(this, arguments); tinyMCE.activeEditor.windowManager.close(); }; } if (typeof window.SqueezeBoxClose_no_tinyMCE === 'undefined') { if (typeof(SqueezeBox) == 'undefined') SqueezeBox = {}; window.SqueezeBoxClose_no_tinyMCE = typeof(SqueezeBox.close) == 'function' ? SqueezeBox.close : false; SqueezeBox.close = function () { if (window.SqueezeBoxClose_no_tinyMCE) window.SqueezeBoxClose_no_tinyMCE.apply(this, arguments); tinyMCE.activeEditor.windowManager.close(); }; } } }; jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });