Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Bologna vince anche la seconda contro Reggio Emilia: ma quanta sofferenza

La Fortitudo Bologna completa la doppietta contro la Palfinger Reggio Emilia, al termine di una partita molto equilibrata, giocata punto su punto, fatta di vantaggi, sorpassi e contro sorpassi. L’Unipol, alla fine, sfrutta la maggiore esperienza che la fa stare maggiormente tranquilla nei momenti caldi e ringrazia Malengo e Bischeri, autori rispettivamente di un doppio e del singolo della vittoria 5-4 al decimo inning. Ora Bologna è a mezza partita di distanza dal primo posto di Rimini.

A nulla serve il lead-off reggiano (Alessandro Bertoli) in base grazie a un singolo a sinistra. La Palfinger lo lascia sul cuscino di prima con due volate (Piazza ed Epifano) e uno strike-out (Marquez).
Bologna va in battuta contro Nibaldo Acosta che costringe Nosti e Infante a due rimbalzanti e dopo aver subito un doppio da Vaglio, che dimostra un ottimo momento di forma, lascia anche a Reyes una palla facile preda del prima base Biagini che chiude l’inning.

BIAGINI torna sul cuscino di prima (PhBass)È proprio Biagini ad aprire, con un singolo al centro, il secondo attacco della Palfinger: una valida seguita da una rubata della seconda ma che non viene accompagnata dal resto dell’attacco e il punteggio rimane invariato. Si continua così, nonostante nella parte bassa della seconda ripresa la Fortitudo Bologna riempia le basi: con Ermini in terza (singolo), Malengo in seconda (colpito) e Fuzzi in prima (valida al centro, il catcher Sabbatani batte in doppio gioco e il box-score rimane in bianco.  

Il primo punto arriva nella parte alta della terza ripresa: lo segna Piazza su singolo al centro di Marquez. Con due out, il partente fortitudino Matteo D’Angelo concede tre valide di fila (tra Piazza e Marquez batte un singolo anche Epifano) e la squadra di Carrion si porta in vantaggio. Bologna al contrario rimane al palo. C’è sempre Vaglio a suonare la carica (singolo al centro con due out), ma il resto della squadra non risponde.

Al quarto, però, gli uomini di Nanni riescono a sbloccarsi, anche se non vanno oltre un punto. Liverziani batte un doppio, Ermini conquista il cuscino di prima con quattro ball, Malengo  cerca il bunt di sacrificio per spostare gli uomini ma arriva salvo su errore di tiro del terza base Luca Riccò; nell’azione Liverziani corre a segnare il punto del pareggio. Bologna potrebbe insistere ma non ci riesce e con seconda e terza occupate e zero out Fuzzi, Sabbatani e Nosti sono tre out facili per Acosta.
Il partente reggiano dura ancora una ripresa e poi, dopo aver eliminato Infante e Vaglio facendoli battere due flyball nella parte bassa del quinto inning, subisce un singolo da Reyes e concede una bPIAZZA segna il primo punto (PhBass)ase ball a Liverziani, azioni dopo le quali Carrion decide di inserire Espinoza. Una mossa che non riesce a bloccare Ermini che batte valido e spinge a casa il punto del 2-1.

Un vantaggio che dura poco, così come ha poca vita la partita di D’Angelo. Una base ball a Marquez e un singolo di Biagini mettono la Palfinger in condizione di avere uomo in posizione punto. Un doppio di Paul Macaluso spinge a casa Marquez ed è di nuovo parità. È il momento anche per Nanni di effettuare il primo rilievo ed è Oberto a salire in pedana al posto del partente bolognese.

Mentre il pitcher italo-venezuelano tiene il monte alla grande (4 k sui primi 4 uomini affrontati), Reggio Emilia fatica e nella parte bassa del settimo la Fortitudo torna in vantaggio: due valide consecutive di Infante e Vaglio costringono Espinoza a scendere, lasciando il posto a Mattia Salsi che però non riesce ad arginare. Un singolo di Reyes e una rimbalzante sulla prima di Liverziani spingono a casa due punti per il 4-2. Salsi lascia a sua volta il mound per Crepaldi che chiude l’inning.

Sembrava il momento della svolta della partita e invece anche Oberto sembra avere una autonomia limitata: Epifano sul primo lancio mette in campo un bunt valido, Marquez lo spinge in terza con un doppio e poi su battuta in diamante di Biagini (out in prima) e un singolo di Macaluso (che tenta di arrivare in seconda ma viene eliminato)  segnano sia Epifano che Marquez: 4-4.

Erik Epifano gira un doppio gioco (PhBass)Bologna non segna nell’ottavo e manda sul monte Mattia Barbaresi nella parte alta del nono. Buona la sua partenza che costringe Cammi a una rimbalzante, facile preda di Vaglio per il primo out. Luca Tagliavini batte un doppio a destra, ma sulla corsa per arrivare in terza diventa il secondo out. Bertoli (K) chiude l’inning e Reggio Emilia spreca e si rammarica. Anche Bologna avrebbe l’occasione di segnare, ma con seconda e terza occupate (Infante singolo, Reyes base ball, poi avanzati grazie a Vaglio e Liverziani) non riesce a segnare, perché Ermini si fa eliminare al volo.

Si va agli extra-inning: tre facili rimbalzanti in diamante per Barbaresi (Piazza, Epifano e Marquez), mentre Crepaldi concede un doppio in apertura d’attacco Fortitudo a Malengo, che poi avanza in terza su bunt di sacrificio di Fuzzi e segna sul singolo del pinch-hitter (entrato al posto di Sabbatani) Bischeri, per la gioia del pubblico del Gianni Falchi.

IL TABELLINO

 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function ($) { initChosen(); $("body").on("subform-row-add", initChosen); function initChosen(event, container) { container = container || document; $(container).find(".advancedSelect").chosen({"disable_search_threshold":10,"search_contains":true,"allow_single_deselect":true,"placeholder_text_multiple":"Scrivi o seleziona alcune opzioni","placeholder_text_single":"Seleziona un'opzione","no_results_text":"Nessun risultato"}); } }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery(document).ready(function() { var value, searchword = jQuery('#mod-finder-searchword880'); // Get the current value. value = searchword.val(); // If the current value equals the default value, clear it. searchword.on('focus', function () { var el = jQuery(this); if (el.val() === 'Cerca nel sito') { el.val(''); } }); // If the current value is empty, set the previous value. searchword.on('blur', function () { var el = jQuery(this); if (!el.val()) { el.val(value); } }); jQuery('#mod-finder-searchform880').on('submit', function (e) { e.stopPropagation(); var advanced = jQuery('#mod-finder-advanced880'); // Disable select boxes with no value selected. if (advanced.length) { advanced.find('select').each(function (index, el) { var el = jQuery(el); if (!el.val()) { el.attr('disabled', 'disabled'); } }); } });}); jQuery(document).ready(function() { var value, searchword = jQuery('#mod-finder-searchword880'); // Get the current value. value = searchword.val(); // If the current value equals the default value, clear it. searchword.on('focus', function () { var el = jQuery(this); if (el.val() === 'Cerca nel sito') { el.val(''); } }); // If the current value is empty, set the previous value. searchword.on('blur', function () { var el = jQuery(this); if (!el.val()) { el.val(value); } }); jQuery('#mod-finder-searchform880').on('submit', function (e) { e.stopPropagation(); var advanced = jQuery('#mod-finder-advanced880'); // Disable select boxes with no value selected. if (advanced.length) { advanced.find('select').each(function (index, el) { var el = jQuery(el); if (!el.val()) { el.attr('disabled', 'disabled'); } }); } });});