Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il penultimo turno di intergirone fissa il quadro definitivo delle semifinali, ma dà un solo verdetto in coda.
MKF Bollate e Poderi Dal Nespoli Forlì si dividono la posta in palio e si ritroveranno di fronte in semifinale. Anche lo Specchiasol Bussolengo pareggia (contro Parma che mantiene vive le speranze di evitare la retrocessione diretta): in semifinale affronterà la Rheavendors Caronno che, nella sfida di Montegranaro, decreta la retrocessione delle marchigiane. Ancora tutto da decidere per ultimo e penultimo posto del girone A, per cui lottano Taurus Donati Gomme Parma e Banco di Sardegna Nuoro. Nel girone B ci sono ancora 3 squadre (Pianoro, Sestese e Thunders) che lotteranno per evitare il playout.

Forlì-Bollate
Ampio il divario in gara 1 a favore del Poderi Dal Nespoli Forlì, che chiude la pratica dopo solo cinque riprese vincendo 8-0. Un match senza storia con l’attacco romagnolo in evidenza capace di realizzare ben 12 valide: solo una per il Bollate. Il partente bollatese, Jamee Juarez subisce subito due doppi (Jazmyn Jackson e Annie Aldrete) e già alla prima ripresa subisce il primo punto. Al terzo i singoli di Jackson e Beatrice Ricchi e un errore della difesa lombarda contribuiscono a 2 segnature e ad allungare il gap, che si amplia definitivamente al quinto quando con ben 6 valide, tra cui un doppio da 2RBI di Annie Aldrete, la squadra di Calixto Soca Miyar mette la parola fine allo scontro.

Nella seconda partita c’è equilibrio, almeno fino a metà gara e poi l’MKF Bollate dilaga con 7 punti al settimo inning. Bollate parte con Laura Bigatton in pedana, contro Katryn Donovan. La straniera del Forlì subisce il primo punto in apertura di match da Amanda Fama che, salva su errore difensivo, corre con un singolo di Chelsea Goodacre e un doppio di Jamee Juarez. Il pareggio immediato del Forlì arriva per errore difensivo. La partita è ricca di errori, tanto che senza valide e proprio con 2 passaggi a vuoto della difesa forlivese, al terzo, Bollate va sul 3-1. Il quarto punto delle rossoblu arriva al sesto ed è ancora un errore a propiziare la segnatura di Sara Zambelan. Un triplo lungo la linea di foul di destra di Ilaria Cacciamani consente al Poderi Dal Nespoli di accorciare le distanze, spingendo a casa due punti per andare sul 3-4, ma poi arriva il settimo inning. In pedana c’è Carlotta Onofri (salita al sesto) e sono 5 le valide (tra cui un doppio di Laura Costa) che, unitamente a un errore difensivo, consentono al Bollate di segnare 7 punti e chiudere 11-3. Un risultato che fissa definitivamente la classifica del girone B e dice che nella semifinale playoff proprio queste due formazioni si ritroveranno di fronte (in casa del Bollate) per cercare un posto nella Italian Softball Series.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2

Thunders – Collecchio
Doppietta fondamentale per la Metalco Thunders Castellana che sul proprio diamante sconfigge il Collecchio, eliminato dalla corsa playoff, e si garantisce almeno la possibilità di giocarsi ai playout la permanenza in Serie A1. In gara 1 le venete si impongono per 3-0 contro un Collecchio che paga cinque errori difensivi. Determinante, per le padrone di casa, il contributo di Cheyanne Tarango (7 inning, 2 valide subite, 2 basi su ball e 10 strikeout) che completa uno shutout in pedana e batte a casa il primo punto nell’attacco inaugurale del match con un doppio, e di Noemi Giacometti, autrice di tutti e tre i punti della partita. La Castellana raddoppia nel terzo attacco. Apre una base su ball a Noemi Giacometti, che poi raggiunge la terza su una base rubata e un errore e infine segna sul singolo di Denise Fuenmayor. Al quinto attacco, contro il rilievo Natascia Ablondi, le Thunders chiudono il conto. Ancora Giacometti sale in base sull’errore dell’esterno destro e guadagna la terza sulla seconda base rubata di giornata. Dopo una base concessa a Tarango, Fuenmayor batte un doppio gioco che fa entrare il corridore in terza. A parte un paio di corridori lasciati in base nel sesto inning, Tarango tiene sotto controllo il lineup avversario e conclude la pratica con il decimo strikeout della sua partita.  

Palpitante gara 2 con le Thunders che recuperano tre punti di svantaggio e vincono per 5-4. le due squadre ottengono un punto per parte nella prima ripresa. La prima segnatura di giornata per Collecchio giunge dal doppio di Logan Moreland e dal singolo da un punto di Courtney Mirabella, ma il doppio di Sara Avanzi e l’errore dell’interbase Moreland pareggiano i conti. Prova la fuga la compagine ospite con tre punti nella terza frazione. Due basi su ball e un singolo da parte del partente della Castellana Alessandra Accordi riempiono le basi e inducono la panchina delle Thunders a inserire in pedana Carlotta Salis, ma la soluzione, almeno inizialmente, non si rivela vincente. Giulia Azzali ottiene il quarto ball e porta a casa il 2-1, poi un errore difensivo e un’altra base su ball a basi cariche aggiungono due punti per Collecchio. Dopo due inning di controllo in pedana per Alessia Zavaroni, il quarto inning delle Thunders ribalta la partita. Da un errore e una base su ball concessa dalle ospiti, Cheyanne Tarango spinge a casa due punti con un singolo e Denise Fuenmayor capovolge il match con un fuoricampo da due punti. In pedana, dopo un inizio complicato e nonostante cinque basi su ball concesse, Carlotta Salis mantiene il risultato fino al termine e con l’ultimo strikeout con corridori in prima e seconda base conclude la contesa.

IL TABELLINO DI GARA 1 

IL TABELLINO DI GARA 2

Bussolengo – Parma
È un Parma che non ha nulla da perdere e in gara 1 la determinazione della squadra di Andrea Longagnani fa la differenza. Due punti nel terzo inning, frutto di due errori delle padrone di casa, e una prestazione egregia delle due lanciatrici Alice Ghillani (una valida subita in due inning) e Victoria Brown (5 inning, 5 valide subite, ma nessun punto concesso) consentono alla Taurus Donati Gomme Old Parma di ravvivare le speranze di salvezza. Bussolengo inizia in pedana con la staffetta Hyland-Soldi che procede senza intoppi nelle prime due riprese, ma incontra difficoltà al terzo. Due singoli di fila da parte di Sara Edwards Melissa Mazzoni apparecchiano la tavola, poi sulla palla radente di Kellye KincannonSydney Brown ferma la palla e cerca di servire Marta Gasparotto, ma l’assistenza colpisce il corridore e sfila sull'esterno, facendo così che Edwards arrivi a casa in scioltezza. Il battitore successivo, Giorgia Migliorini, batte verso Gasparotto che attende la palla e viene superata da un rimbalzo beffardo che consente a Mazzoni di siglare il secondo punto. Sul 2-0, le ospiti giocano la carta Victoria Brown in pedana e riescono a resistere. Il Bussolengo, che in difesa non concede nulla negli ultimi quattro inning con Susanna Soldi (il quarto e il quinto inning) e Veronica Comar (le ultime due frazioni), lascia almeno un corridore in base in ogni inning dal terzo al sesto e si arrende alla fine, rinviando l’appuntamento con la matematica conquista del primo posto nel girone B.

Missione compiuta poco dopo dallo Specchiasol Bussolengo che porta a casa il secondo confronto col Taurus Donati Gomme Old Parma col punteggio di 7-0 (in 5 inning) e il primo posto matematico nel girone B. Le campionesse d’Europa sbloccano il risultato nella seconda ripresa, costruendo il punto attorno al singolo di Valeria Bortolomai ai danni del partente del Parma Sara Riboldi. Il ricevitore della squadra di casa avanza dalla prima alla terza base sull’insidioso bunt di Elisa Princic e arriva a casa sulla volata di sacrificio di Silvia Refrontolotto. Nei due attacchi successivi si palesa la potenza del Bussolengo che nel terzo inning va a segno col doppio da un punto di Nerissa Myers a sinistra, mentre nel quarto attacco arriva un break di quattro punti. Dopo un errore difensivo del Parma, un singolo di Princic e un lancio pazzo, Laura Vigna batte la volata di sacrificio del 3-0, poi Sydney Brown scarica un singolo da un punto e infine Marta Gasparotto mette il punto esclamativo con una linea che si tramuta in un inside the park home run (sesto fuoricampo stagionale). Dopo quattro inning perfetti di Sierra Hyland, arriva la prima valida della squadra ospite con il doppio di Carlotta Mori contro la neo-entrata Beatrice Zappa, ma le venete mantengono a secco le avversarie e chiudono la pratica nel quinto inning contro Alice Ghillani. Seconda valida per Princic, che avanza in seconda su un out in diamante e segna sul walk-off single di Laura Vigna.

TABELLINO GARA 1

TABELLINO GARA 2

Sestese-Saronno

La Squadra di Simona Nava si aggiudica gara 1 per 4-0, con Chelsea Cohen grande protagonista del match, che conclude con un complete game shutout e solo 3 valide concesse.
Con la sicurezza in pedana di lancio il lineup della Sestese può aspettare con pazienza il momento giusto per segnare, la stessa Cohen approfitta al secondo inning di una base ball e un errore per segnare il primo punto dell’incontro. Al quinto inning altri due errori spianano la strada al raddoppio della Sestese, che poi chiude la partita al sesto con altri 2 punti siglati sulle valide di Carletti e Martini.

In gara 2 si affrontano Nicole Jennifer Boughton per Saronno, e la veterana Mara Papucci per la Sestese, la partita rimane in equilibrio per 3 riprese, con il Saronno che spinge comunque di più nel box, mentre la pitcher australiana non concede valide. Saronno poi preme sull’acceleratore e la partita termina in due riprese, 5 valide al quarto inning e 6 al quinto fanno entrare un totale di 12 punti, e decretano la fine per manifesta inferiorità (12-0 al 5° inning). Camilla Pellegrino chiude con un fantastico 4 su 4 2 RBI e 2 punti segnati.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2 

Pianoro-Nuoro

In gara 1 le Blue Girls affidano a pedana a Lauren Haeger, che ripaga con una partita completa senza concedere punti ed 11 strike-out. Nel primo attacco Bologna mette i primi due corridori i base  con Eva Trevisan che guadagna una base ball e Haeger che batte un singolo, le valide di Brandi e Minardi portano poi la squadra di casa subito sul 2-0. Il Tecnolaser gestisce poi la partita dietro la propria pitcher americana, e segna il 3-0 al quinto inning grazie ad un errore difensivo. Il punteggio non cambia più, il Nuoro chiude la partita con solo 3 valide battute, e senza andare mai vicino a segnare.

Gara 2 si decide con il minimo scarto (2-1) ancora a favore del Tecnolaser Europa Pianoro, che contiene nel finale la rimonta della squadra sarda. Ronchetti (Pianoro) e Scheele (Nuoro) si alternano in pedana per tutta la partita e tengono il punteggio sullo 0-0 per 4 inning, anche se la squadra bolognese conta 4 corridori rimasti in base. Al quinto inning però il Tecnolaser infila 3 valide e va sul 2-0, il primo punto arriva su un’eliminazione in diamante di Trevisan con corridori agli angoli, il secondo sul singolo di Brandi.Janine Petmecky Nuoro Softball (Claudio Atzori) Pianoro mantiene il vantaggio fino alla parte alta del settimo, quando Nuoro si presenta per l’ultimo attacco. Un doppio di Janine Petmecky ed un singolo di Raquel Moncho in apertura dimezzano le distanze, le bolognesi però non tremano ed eliminano i successivi tre battitori conquistando la vittoria. Per il Banco di Sardegna Nuoro doppia sconfitta che costa l’aggancio in classifica da parte di Parma che ora, con due sole partite da giocare (Nuoro andrà in campo a Sesto Fiorentino, Parma a Castelfranco Veneto), può giocare per evitare la retrocessione diretta e andare al playout. Un playout che la Sestese vorrebbe assolutamente evitare, ma per evitare il quale lotta ancora anche la squadra di Simona Nava.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2

Montegranaro-Caronno
L’ultima sfida a concludersi in ordine cronologico è quella di Montegranaro dove la Rheavendors Caronno, con la vittoria nella prima delle due partite, e la contemporanea doppia sconfitta del Collecchio a Castelfranco, conquista la certezza del secondo posto nella classifica del girone A e l’accesso alla semifinale scudetto, che giocherà alla ripresa del campionato (dopo il Super Six) a Bussolengo. La vittoria in gara 1, per la squadra di Argenis Blanco, matura nella riprese finali: dopo un inizio molto equilibrato. I primi due punti arrivano al quarto: singolo di Elisa Oddonini, doppio di Francesca Rossini e singolo di Michelle Floyd. Sul 2-0 accorcia il Guardolificio Diomedi con un doppio di Cameron Prantl e un singolo di Arianna Paulson, ma la reazione è tutta lì. Grazie a un triplo di Elisa Oddonini, con Bertani (errore) e Alicart (base intenzionale) in base, la Rheavendors va sul 4-1 al quinto e infine, al sesto, un triplo di Yuruby Alicart spinge a casa Rebecca Caldon, poi la venezuelana segna su palla mancata per il definitivo 6-1.

Il Caronno completa la doppietta al termine di una seconda partita bloccata che si risolve solo nell’ultimo attacco. Arianna Paulson tiene a freno le mazze del Caronno (che peraltro in pedana utilizza tre lanciatori: Floyd, Messina e Durot) fino al settimo. Va in base Beatrice Salvioni con 4 ball, poi Bertani e Marzi sono eliminate, ma Giulia Marocchino arriva in base nonostante uno strike-out, grazie a un errore del catcher nel tiro in prima (Salvioni in terza). Con i corridori agli angoli tocca a Yuruby Alicart, che viene passata e a quel punto è un singolo di Elisa Oddonini a decidere la partita: punto a casa di Salvioni, 1-0 e seconda vittoria.

IL TABELLINO DI GARA 1

IL TABELLINO DI GARA 2

MERCHANDISE UFFICIALE

aisla

 mint pros  Il logo del Caffè Motta LOGO CONCLIMA  LOGO JOHNSON Sixtus logo

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });