Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Rhibo La Loggia prima finalista. Specchiasol e Bollate vanno alla ‘bella’

Il Rhibo La Loggia spreca il primo match point, ma non il secondo. Dopo essere stato in vantaggio 6-0 è raggiunto e superato in gara 3. Avanti 2-0 nella serie e dopo i primi due inning (2 punti al primo, 4 al secondo) di dominio, la squadra piemontese non riesce a tenere a freno il Fiorini che getta il cuore oltre l’ostacolo e si concede un’altra chance per poter arrivare a gara 5. Tre punti al terzo e quattro al quinto, con 9 valide consentono alla squadra di Calixto Soca Miyar di mettere a segno la rimonta, nonostante il tentativo da parte di Maria Grazia Barberis, rilevando il partente Elisa Brandino con Michela Musitelli, di cambiare il ritmo alle mazze forlivesi. Il Fiorini, però, ha dimostrato per tutto l’arco della stagione di essere una squadra molto potente nel box  e anche stavolta non si è smentito. Dal canto suo, dopo una partenza tentennante di Mara Papucci, è stato in grado di non dare opportunità all’attacco della formazione campione d’Italia, grazie a un rilievo, quello di Ilaria Cacciamani, di altissimo livello. Finale 7-6.

IL TABELLINO DI GARA 3

La seconda partita di giornata (gara 4 della serie) prende avvio con il medesimo cliché del pomeriggio, ma questa volta non c’è spazio per la rimonta, anche il momento del “braccino corto” si è palesato immancabile. Il Rhibo vince 9-5, ma “il divario non è così netto come direbbe il risultato”, afferma il manager, Maria Grazia Barberis. “Siamo state brave a mantenere la concentrazione anche quando il Forlì ha provato l’aggancio”. Da 4-0 (maturato tra primo e quarto inning) a 4-3 è stato un attimo e mentre Calixto Soca Miyar continuava a dire alle sue: “questa partita è ancora molto lunga, crediamoci”, il box di battuta delle padrone di casa toccava co una certa continuità i lanci prima di Cacciamani, poi di Papucci. Il pitcher vincente per la squadra torinese è Lindsey Beisser che, nonostante le 8 valide concesse, è apparsa quasi sempre in pieno controllo.
Rhibo La Loggia vola in finale per difendere il titolo conquistato un anno fa a Bollate.

IL TABELLINO DI GARA 4

Bollate che potrebbe, a sorpresa, a sua volta raggiungere l’obiettivo finale. Tra la squadra di Soldi e la ripetizione della finale del 2013 ci sono lo Specchiasol Bussolengo e Kimberly Bruins. Quando la formazione veronese schiera la propria straniera in pedana non ce n’è per nessuno, ma attenzione alla straniera del Bollate, Greta Cecchetti. Grazie alla fuoriclasse bollatese le rossoblù sono ancora in corsa. Lo aveva detto il manager del Bussolengo, Adriano Morabito, alla vigilia della terza partita: “Greta Greta Cecchetti festeggia insieme ad Elisa, Bollate ISL (Conversi-Oldmanagency)Cecchetti vale una straniera”. La lanciatrice della nazionale non ha smentito il pronostico e, impegnata in gara 3, contro Alice Ronchetti, ha dato dimostrazione di essere sempre in piena padronanza del match, consentendo alla sua squadra di arrivare in vantaggio a gara 4. La terza partita della serie tra Bussolengo e Bollate è terminata con la vittoria 3-0 della formazione lombarda, capace di passare subito in vantaggio al primo con un punto costruito da Lara ed Elisa Cecchetti e Laura Costa. Al quarto l’allungo decisivo: valida di Draaijer, base ball a Bigatton e triplo di Van Der Zanden e poi partita affidata ai lanci di Greta Cecchetti che solo al sesto è andata sotto pressione, ma è stata in grado di chiudere alla grandissima con due K a basi piene.

IL TABELLINO DI GARA 3

Gara 4, invece, è senza storia: Kimberly Bruins rimane in no-hit (interrotta da un doppio di Lara Cecchetti) fino al sesto. Nel frattempo l’attacco è continuo e potente (fuoricampo da 2 punti dell’ex Valeria Bortolomai) e non dà tregua ad Alice Nicolini e Serena Boniardi. Una vittoria netta ed inequivocabile (7-0) che rilancia l’appuntamento a domenica 29 giugno, ore 10.00, per stabilire la seconda finalista.

IL TABELLINO DI GARA 4

PLAY BY PLAY DI GARA 5

LA PHOTOGALLERY DELLE SEMIFINALI AGGIORNATA