Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

Semifinali a metà nel massimo campionato di softball

di Michele Gallerani

È tempo di playoff nella Italian Softball League. È tempo di semifinali, anche se non allineate. Per stabilire quali saranno le due squadre che si contenderanno lo scudetto 2014, attualmente cucito sulle casacche del Rhibo La Loggia, si comincia sabato 21 giugno con la sfida tra la prima del girone B, lo Specchiasol Bussolengo e la seconda del gruppo A, il Bollate. L’altra semifinale, quella che vedrà in campo le campionesse d’Italia del Rhibo La Loggia, invece, inizierà martedì 24 giugno perché prima deve ancora disputarsi l’ultimo doppio incontro della regular season, per stabilire quale sarà l’avversario della formazione torinese. L’accesso è ancora possibile per il Labadini Collecchio, a patto che nel recupero (sempre in programma sabato 21 giugno alle 18.30 e 21.00) il Caserta sconfigga due volte il Fiorini Forlì, oppure per lo stesso Forlì che può semplicemente vincerne una delle due per tornare nei playoff dopo 3 anni.

A Bollate si scontrano due filosofie diverse di squadra e società. Le padrone di casa, allenate da Luigi Soldi (quattordicesimo anno consecutivo che il manager del Bollate centra l’obiettivo dei playoff), in questa stagione hanno puntato sulla linea verde, su una squadra piena di ragazze provenienti dal vivaio e senza straniere, almeno per quel che riguarda il parco lanciatori; lo Specchiasol Bussolengo, invece, ha costruito un roster di stelle di prima grandezza, giocatrici da nazionale, che nel corso della stagione hanno dimostrato di essere molto competitive e hanno mancato l’en-plein di vittorie solo all’ultima giornata, chiudendo con 19 vittorie 1 sola sconfitta, una media battuta di squadra di .316 e una mpgl di 1.35, con due straniere, Lynn Kimberly Bruins (lanciatore) e Alexis Bennet (interbase) che hanno fornito un rendimento sopra la media.

“Contro Bussolengo ci aspetta una serie molto impegnativa: sulla carta, per noi, Bussolengo è inarrivabile”, parole di Luigi Soldi. “Non dobbiamo fare l'errore di scendere in campo con il pensiero di doverli battere. Niente di più sbagliato, infatti tra noi e loro c'è un enorme divario tecnico, quindi non dobbiamo ragionare in questi termini, ma dobbiamo pensare che la semifinale ci dia un’iniezione di esperienza utile per il futuro. Noi dobbiamo dare il 100%, poi vedremo quel che succederà. Sulle lanciatrici non voglio fare pretattica, non ho ancora deciso chi tra Boniardi e Nicolini lancerà gara 1, ma gara 2 sarà affidata sicuramente a Greta Cecchetti”.

Risponde Adriano Morabito con i complimenti contrapposti. Il manager del Bussolengo, che certamente invece proporrà Alice Ronchetti in gara 1 e Kimberly Bruins in gara 2, al termine dei match giocati a Caserta sabato scorso aveva detto: “Sarà un nuovo campionato, diverso da quello che è andato in scena finora. La regular season ha dimostrato il nostro dominio, ma con Bollate sarà comunque molto difficile, ma siamo ambiziosi e ci impegneremo al massimo per raggiungere il nostro obiettivo”.

IL PROGRAMMA DELLE SEMIFINALI

PLAY BY PLAY

La giornata, però, non si esaurisce a Bollate, visto che a Caserta si proverà per l’ennesima volta a chiudere la regular season, alla quale mancano ancora le due partite tra le campane e Forlì. Anche in questo caso una sfida tra filosofie diverse di softball: Forlì costruito in “autarchia”, Caserta rinforzato da un terzetto cubano che ha dato, dopo un avvio di stagione complicato, la spinta alla squadra per arrivare fino all’ultima giornata ancora in corsa. Il pareggio della quinta di ritorno contro Bussolengo ha però tolto speranze di qualificazione alla squadra di Armando Aguiar che ora scenderà in campo con stimoli minori per le ultime due partite. Due match dai quali può dipendere il futuro di una terza squadra: Collecchio. Una doppia vittoria del Caserta, infatti, promuoverebbe le emiliane, mentre anche una sola vittoria del Forlì sarebbe il lasciapassare delle romagnole.