Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Mario Trinci (PhBass)

Un lampo di Trinci basta al San Marino per piegare il Sipro Nettuno e conquistare la finale

San Marino approda alla finale scudetto superando con il minimo scarto (3-2) e una prodezza del nettunese Mario Trinci un Sipro Nettuno che scende in campo con soli 9 uomini nel quarto appuntamento di semifinale e si affida alla generosa prestazione sul monte di Nicola Garbella, che non gli basta per prolungare la serie.

Il Sipro fa di necessità virtù e schiera il pur acciaccato Nico Garbella nel doppio ruolo di partente e ottavo battitore nel lineup, opposto a René Mazzocchi, che nella serie ha 2 inning e 1 terzo, prescelto da Mario Chiarini nella veste di partente per il suo San Marino.

Sono gli ospiti i primi ad andare in base nella seconda ripresa, con due base concesse dal partente sammarinese, ma il tabellone lo muove, nella parte bassa dello stesso inning, Mario Trinci, che mette a ottimo frutto il singolo di Flores e la base per ball di Reginato con un fuoricampo a sinistra che fa schizzare i suoi sul 3-0.

Ci prova la formazione del Titano a mettere pressione in base, ma non solo il braccio di Alvarez fulmina sul tentativo di rubare la seconda base prima Rondon, al terzo, poi Celli, al quarto, ma è tutta la difesa nettunese a girare con precisione alla spalle del suo partente d’emergenza, mentre l’attacco fatica molto a trovare la chiave per affrontare i lanci di Mazzocchi.

Il partente di casa lascia il posto ad Alessandro Maestri all’inizio della sesta ripresa, dopo la base a Rodriguez, con 1 valida subita, 4 basi e 2k sul suo score.

San Marino mette corridori in terza e prima con due singoli consecutivi di Flores e Celli al sesto, ma, con due fuori, Garbella ne esce con lo strikeout ai danni di Reginato.

È tutto un ‘affare di famiglia’ il punto del Sipro al settimo: con singolo di Giovanni Garbella e doppio del fratello Nico che lo spinge a casa a segnare il 3-1.

È una miccia che accende la partita e la formazione laziale, la quale, spalle al muro, trova in apertura di nono attacco, il solo homer di Luis Alvarez che scaraventa il secondo lancio di Maestri oltre la recinzione di sinistra e porta Nettuno a una lunghezza; Vasquez spreme un singolo da un bunt, ma Giovanni Garbella alza il suo tentativo di smorzata nel guanto di Flores e la linea di Nicola è intercettata dal guanto di Pulzetti, prima che lo strike out di Sparagna metta fine alla gara e alla stagione 2019 del Sipro, mandando San Marino alle Italian Baseball Series dopo un anno di assenza.

Doverosa la menzione d’onore per Nicola Garbella, autorevole autore di 8 riprese con 5 valide e 3 punti concessi, 4 basi ball, 5 strike out e, probabilmente un solo lancio sbagliato.

IL TABELLINO

Marco Landi

Il Sipro Nettuno Baseball City piega di misura San Marino e riapre la serie

Il San Marino raddoppia e vola ad una vittoria dalla finale scudetto

San Marino parte forte e si aggiudica gara1 in casa del Sipro