Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Vaglio assiste in prima sull'arrivo in scivolata di Mercuri verso la seconda (PhotoBass)

Un'UnipolSai Bologna di nuovo corsara impatta la serie

Continua a non essere determinante il fattore campo nel derby emiliano tra UnipolSai Bologna e Parma Clima che cede ai Campioni d'Italia, e d'Europa, di fronte al pubblico del "Nino Cavalli" (5-3) nella quarta gara di semifinale. La squadra di Lele Frignani ristabilisce così la perfetta parità nella serie e rimanda a sabato 10 agosto la sentenza su chi sarà a sfidare San Marino nelle Italian Baseball Series che assegneranno il tricolore 2019. Nella seconda sfida in terra ducale, dopo un inizio scoppiettante con alternanza nel punteggio, il nove felsineo piazza un break da 3 punti al terzo e poi difende il vantaggio acquisito con il rilievo quasi perfetto di Alex Bassani e la chiusura di Filippo Crepaldi.

Dopo l'infortunio patito martedì sera, Leonora viene schierato come designato con Dobbolletta all'esterno centro, ma la partita del giocatore olandese durerà poco perché Mercuri riceve l'Hi Five da Sambucci dopo aver siglato il provvisorio 2-2 (CB-NADOC)al secondo lascerà il posto ad Agretti appena arrivato in base. Sul monte il Parma Clima ripresenta Mattia Aldegheri, mentre l'UnipolSai fa esordire nei playoff Claudio Scotti.

Il derby emiliano non delude le attese e ai numerosi spettatori presenti sulle tribune del "Cavalli" regala subito emozioni, seppur contrastanti. I primi ad esultare sono proprio i tifosi parmigiani quando Koutsoyanopulos, colpito, ruba la seconda e poi viene spinto a casa da 2 eliminazioni in diamante (1-0). Bologna, dopo una partenza da 3 uomini e via, reagisce al vantaggio dei padroni di casa nella seconda ripresa complice qualche difficoltà di controllo di Aldegheri. Dopo il singolo di Marval e i 4 ball a Leonora, arriva un lancio pazzo che permette l'avanzamento di entrambi, poi Vaglio piazza un doppio a sinistra che regala il sorpasso alla squadra di Frignani (1-2). I problemi per Aldegheri continuano, altro lancio pazzo ed altra base ball, prima di riprendersi con 2 strikeout e una facile assistenza in prima che limitano i danni. Il testa a testa continua e rende sempre più interessante la sfida subito riequilibrata dal Parma Clima al cambio campo. Mercuri e Paolini toccano le prime valide ducali e dopo il bunt di sacrificio di Scalera, arriva la volata al centro di Grasso che permette al numero 2 parmigiano di passare il piatto di casa base (2-2).

Il primo vero strappo arriva nella parte alta del terzo ed è firmato da Bologna che dopo i singoli di Polonius e Marval, con situazione di corridori agli angoli, costringe Aldegheri a lasciare la pedana a Junior Oberto. Il rilievo ducale non dà però i frutti sperati dal coaching staff di casa. Il mancino italo-venezuelano prima subisce la valida di Ottimo il rilievo di Alex Bassani per Bologna (PhotoBass)Agretti che porta il nuovo vantaggio felsineo (2-3), poi concede 4 ball, incassa la volata di sacrificio di Paz (2-4) e, prima di riuscire a chiudere la ripresa, il singolo a sinistra di Grimaudo che vale il quinto punto UnipolSai.

Strappo perché dopo questo acuto dei ragazzi di Frignani, i lanciatori addormentano la gara. Sia Bassani, entrato al quarto, sia Rivera, salito sul monte al quinto, fanno bene il loro lavoro e non si vedono più punti fino alla sesta ripresa. Qui il Parma Clima torna a battere un colpo e fa un passo per avvicinarsi agli avversari con Paolini, valida interna ed errore, che corre a casa sul singolo al centro di Scalera (3-5).

Ma si tratta dell'unica concessione fatta dal numero 80 dell'UnipolSai che, aiutato anche dal colto rubando all'ottavo ad opera di Paz e Polonius, controlla con autorità il monte e anche nei momenti più critici esce bene, tanto che alla fine sono 11 gli strikeout messi a segno prima di lasciare la palla a Filippo Crepaldi chiamato dal bullpen nell'ultima ripresa per condurre in porto la vittoria che regala il pareggio.

da Parma, Fabio Ferrini

IL TABELLINO

CALENDARIO SEMIFINALE 1

LA PHOTOGALLERY DELLE SEMIFINALI