Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Alessandro Vaglio alza la Coppa dei Campioni nel cielo della notte bolognese, ed è la sesta volta nella storia della formazione biancoblu, sostenuta, sul diamante di casa, da 3.000 spettatori. Un’impresa che riporta il trofeo nella bacheca della Fortitudo dopo le delusioni delle ultime stagioni e parla di un fantastico Raul Rivero, che dall’alto dei suoi 14 strikeout ottenuti sui 28 battitori affrontati, si è caricato sulle spalle un gruppo che non ha concesso tregua o speranza a nessuno dei lanciatori presentati da Amsterdam. Otto dei battitori del lineup felsineo hanno battuto valido nella serata, 6 di loro per 2 volte, su tutti, brilla stasera Francesco Fuzzi, che con un doppio a basi piene ha lanciato la squadra guidata dalla bandiera Lele Frignani verso una perentoria vittoria per 8-0.

Come nella prima giornata della European Champions Cup 2019, che già aveva visto di fronte L&D Amsterdam e UnipolSai Bologna, sono, rispettivamente, Kevin Heijstek e Raul Rivero i partenti 20190608 EuCC BB F AMS-BOL RIVERO Raul BOL (PhBass)deputati ad avere nelle mani il destino del più importante trofeo per club del vecchio continente.

L’andamento del confronto è però parecchio diverso: dopo una prima ripresa a secco, infatti, il lineup bolognese regala un attacco da applausi ai suoi tifosi, accorsi a riempire le tribune del ‘Gianni Falchi’; Marval innesca la miccia con un gran doppio lungo la linea di destra, Leonora lo sposta in terza base con un bunt di sacrificio, quindi è capitan Vaglio a inaugurare il tabellone con un singolo che taglia il sacchetto di seconda. Russo lo segue con un singolo a sua volta e la base a Grimaudo riempie i sacchetti; la visita al lanciatore olandese non turba Francesco Fuzzi, il quale, con 2 strike e 1 ball, picchia un doppio lungo il foul di sinistra che spinge a casa tutti i compagni per il 4-0.

Bologna mette due corridori in base anche nel terzo inning, ma non concretizza, mentre nel quarto si allontana decisamente: con uno fuori, Fuzzi e Nosti toccano valido e portano alla sostituzione di Heijstek con Tom Stuifbergen; sul nuovo entrato, Ferrini tocca sul terza base Gerard, il quale non tenta il doppio gioco preferendo eliminare a casa base Fuzzi, ma ci pensa John Polonius a sparecchiare, con una lunga legnata a destra che, carica d’effetto, schizza via appena atterra e si trasforma nel triplo del 6-0.

Sulla collinetta bolognese, Rivero prosegue il suo eccelso lavoro e anche nel quarto, in cui subisce un singolo e Polonius commette un errore, colleziona 3 successi personali, compreso quello di Croes dopo un lungo duello di foul e i K, a questo punto, sono già 8.

Nel sesto, i Pirati di Amsterdam presentano sul monte Mike Groen, che subisce singoli consecutivi da Ferrini e Polonius, ma lascia al piatto Marval ed esce dall’inning senza concedere punti.

Con Schoop, base, e Richardson, singolo, gli olandesi iniziano il sesto attacco con due corridori in base, ma l’omone, come i bolognesi chiamano il pitcher venezuelano, ne esce con 2 strikeout e un pop in diamante.

La Fortitudo arrotonda all’ottavo, con triplo di Ferrini e doppio di Marval, che fanno entrare il punto numero 8 e il terzo rilievo della serata per gli orange, Maickel Rietel che ottiene il terzo out con Leonora.

Nella parte bassa, dopo 2 out (e il K numero 14) Frignani regala a Rivero la meritatissima standing ovation e manda a lanciare Alex Bassani, il quale chiude la ripresa e s’incarica, senza palesare emozioni dopo il singolo di Berkenbosch in apertura di nono, di chiudere anche una shut-out che passa alla storia.

 

Nel pomeriggio, a Castenaso, le ‘frecce’ di Ostrava avevano superato con 2 big inning (il primo e il quinto) per 13-3 in 7 riprese i Deurne Spartans, conservano il posto in primo gruppo della European Champions Cup per i campioni della Repubblica Ceca.

 

Non è il migliore Erly Casanova quello che è sceso in campo nella finale per il terzo posto della European Cup fra il Parma Clima e il Curaçao Neptunus Rotterdam. Non supportato dalla consueta precisione, il poderoso partente cubano, dopo avere riempito le basi ed esserne uscito indenne nel primo inning, subisce nel secondo 4 punti grazie a 3 valide, fra la quali il singolo di Van der Meer da 2 RBI, cui vanno aggiunte 2 basi ball e un errore della difesa parmigiana.

20190608 EuCBB NEP-PAR  MIRABAL PAR-VAN DER MEER NEP (PhBass)Entra nel terzo Yomel Rivera e, a una prima ripresa da 3 eliminazioni consecutive, con 2 K, segue un quarto attacco olandese che vede il secondo punto battuto a casa da Van der Meer e un singolo da 2 punti di Dille che fanno volare il Neptunus sul 7-0. Nel quinto, dopo 2 K e 2 singoli, Ozanich sostituisce il compagno sul monte. Cinque sono anche le riprese di cui si incarica Orlando Yntema per la squadra olandese, nelle quali concede all’attacco parmigiano 3 valide distribuite e ben gestite dalla sua difesa, compreso il doppio in apertura di secondo inning di Koutsotanopulos. Nel sesto l’ex-Paternò è sostituito da Harcksen e il diamante olandese viene parecchio rimaneggiato dal manager Jaarsma. Il singolo di Flisi e la base a Mirabal sono neutralizzati dal doppio gioco della difesa di Rotterdam.

L’inconsueta e indesiderata conclusione della partita arriva nella seconda metà del sesto, quando, con 1 out, la linea di Kemp colpisce in modo serio Ozanich allo stinco, al punto che il pitcher di Parma deve essere soccorso dall’ambulanza e condotto per accertamenti all’ospedale. A fronte dell’accaduto, il Parma Clima preferisce non dare seguito all’incontro e la gara viene omologata sul 9-0 per Rotterdam.

Fra i Campioni d’Europa brillano Perakslis e Marval

Decisione comune la fine anticipata della finale per il bronzo

CALENDARIO, RISULTATI E LINK AL PLAY-BY-PLAY

PHOTOGALLERY

Sarà UnipolSai Bologna - Amsterdam la finale della European Champions Cup 2019

UnipolSai Bologna e Parma Clima in semifinale di European Champions Cup

Parmaclima e UnipolSai Bologna festeggiano due manifeste

Comincia con una sconfitta il cammino europeo del Parmaclima

Va alla L&D Amsterdam l'attesa sfida con l'UnipolSai Bologna

da Bologna, Marco Landi

  Il logo del Caffè Motta              LOGO CONCLIMA              LOGO JOHNSON

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });