Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Due partite finite per manifesta superiorità (Parmaclima - Padova ed il derby nettunese, stravinto dal Nuova Città di Nettuno), un'altra quasi sfiorata dal Rimini in casa contro Padule ed un Bologna - San Marino che regala ancora tante emozioni, decisa ancora una volta all'extrainning in favore della Unipolsai che fa festa con il walk-off di Alessandro Vaglio, allietano il sabato sera della Serie A1 Baseball che adesso vede al comando la coppia formata da Rimini e Bologna con 7 vinte ed una sola persa.

Il Rimini trova il pronto riscatto in gara 2, e questa volta per la formazione di Paolo Ceccaroli è stata una partita più semplice rispetto a gara 1, condotta quasi a senso unico grazie alla bella affermazione di Alex Bassani (5IP, 2H, 8K su 71 lanci) e dei battitori, con Rafael Romero, Pierangelo Cit e Federico Celli sugli scudi, come dimostra il sonoro 9-0 finale.

Rimini non è stata praticamente mai impensierita dal Padule, che ha mancato molte opportunità nel corso della partita ma che ha anche subito 15 eliminazioni consecutive tra secondo e settimo inning.

Il pitcher dei padroni di casa è stato aiutato sin da subito dal proprio attacco che, contro un Junior Perez messo in difficoltà dagli errori difensivi dei suoi compagni e da qualche problemino di controllo, trova subito due punti tra secondo e terzo inning prima con un singolo di Pierangelo Cit (che grazie ad un errore di tiro di Sean Fasano riesce ad arrivare in seconda e a vedere Celli segnare il punto del 1-0), poi grazie ad una volata di sacrificio di Romero.

Rimini non si accontenta del 2-0 e, dopo aver sprecato una grossa occasione nel quinto inning con le basi piene e zero eliminati, esplode a partire dal sesto inning, segnando un totale di sette punti con un doppio di Celli ed una sac fly di Di Fabio nel sesto e, contro il nuovo entrato Leonardo Molina, con un doppio di Romero ed un singolo di Ustariz seguiti, nell’ottavo, da una serie di errori della difesa toscana che ha aiutato le corse a casa di Gabrielli, Zucconi e Angulo, imbeccati dalle battute di Ustariz e Celli. Nel nono chiude la partita Ruiz, che concede all’attacco avversario solamente una base su ball conquistata da Alarcon ad inizio nono.Una azione di gioco di Rimini-Padule gara 2 (Photobass)

TABELLINO

La seconda gara del derby del Tirreno è ancora appannaggio del Nuova Città di Nettuno, che riesce a mettere in saccoccia una doppietta contro il Nettuno City per uno sweep da due gare.
L’incontro, che vede sul monte sfidarsi Marcos Frias contro Ramon Garcia, si sblocca nel secondo inning, quando il Nuova Città di Nettuno riesce a segnare un paio di punti: Sparagna spinge a casa dalla seconda base Montiel con un singolo sull’esterno centro, mentre Ambrosino riesce a calcare casa base grazie ad una volata di sacrificio di Trinci.
Con due punti di vantaggio della squadra in “trasferta”, si passa senza intoppi fino al quinto inning, quando il Nuova Città di Nettuno da il colpo di coda che, di fatto, mette anticipatamente la parola fine all’incontro.  Apre le danze Andrea Sellaroli, impietoso con la sua ex squadra, che batte un triplo al centro. Per non essere da meno, anche il successivo ex giocatore del City, Mercuri, colpisce un triplo sulla destra. Dopo il singolo di Rodriguez, che porta a casa Mercuri, anche Aguilera vuole dimostrare di non essere da meno, sparando la palla fuori dalla recinzione, un fuoricampo da due punti che allunga le distanze sul Nettuno City. L’ultimo punto della frazione verrà segnato da Montiel.
Al sesto inning gli ospiti allungano ulteriormente le distanze: Mercuri, Aguilera e Montiel dimostrano di essere in una serata a dir poco positiva, permettendo al proprio team di segnare 3 punti e portarsi sul 10 a 0. Una ultima segnatura al settimo inning (Trinci spinto a casa da Andrea Sellaroli) fissa il risultato sul 11 a 0. Un timido tentativo di rimonta prende il via nella parte bassa della settima frazione, ma il City riesce a segnare un solo punto grazie a Dente, spinto a toccare casa base da Acevedo. Purtroppo per la squadra di casa, questo non basta a scongiurare la fine anticipata dell’incontro per manifesta superiorità degli avversari.
Al Nettuno Baseball City è mancata l’incisività in attacco (5 valide battute, due delle quali ad opera di Brent Buffa) ma soprattutto un monte di lancio che possa contrastare le mazze del Nuova Città di Nettuno, in grande spolvero in questa sera di serie A1 federale.

TABELLINO

Cambia lo scenario ma non la sostanza. Al “Gianni Falchi” di Bologna l’incontro finale della serie tra San Marino ed il Bologna si conclude all’extrainning con la formazione di casa che può festeggiare grazie al singolo liberatorio di Alessandro Vaglio, che firma la sua seconda valida di giornata e forse quella più pesante, perché regala alla Unipolsai il successo per 6-5.

Mario Chiarini e Daniele Frignani utilizzano rispettivamente cinque lanciatori in una partita folle e che San Marino ha avuto l’impressione di tenere in pugno almeno in tre occasioni.

Il primo inning è stato davvero particolare ed è durato circa mezz’ora con i due partenti, Andrea Pizziconi e Victor Garate, protagonisti di oltre 20 lanci effettuati a testa. È particolarmente scioccante l’inizio di Bologna, che subisce tre punti (nessuno di questi guadagnati da Pizziconi) a causa di due errori difensivi. San Marino va a punto prima con un groundout di De Wolf per il provvisorio 1-0, poi con un doppio di Francesco Imperiali, che permette ad Avagnina e Reginato di andare a punto (quest’ultimo sfruttando un errore di Robel Garcia). Bologna però non ci sta e risponde andando a punto prima con Nicholas Nosti (uno dei più brillanti tra i felsinei) grazie alla volata di sacrificio di Flores, poi con un singolo di Mazzanti, che spingeva a casa Marval autore in precedenza di un doppio. Bologna avrebbe l’occasione di pareggiare, ma Maggi non riesce a superare il campo interno. Niente paura, perché il pareggio è soltanto rimandato. Nel terzo sale in cattedra nuovamente Mazzanti con un fuoricampo a sinistra che consiglia a Chiarini di mandare sul monte Andres Perez, bravo a fermare Bologna fino alla fine del quinto inning.

Cambio sul monte anche per Frignani, che dopo 3 riprese rimpiazza Pizziconi con Antonio Noguera. Il lanciatore dei padroni di casa non delude le attese e completa 4.1 riprese da applausi, nei quali mette a segno cinque strikeouts e lascia alla T&A solamente la miseria di due valide. Nel frattempo Chiarini decideva di giocarsi anche la carta Alessandro Maestri nel sesto inning. Il lanciatore della Nazionale Italiana subiva un doppio appena entrato da Vaglio, ma riusciva comunque ad evitare problemi raccogliendo subito tre eliminazioni.

Dopo una parte centrale decisamente equilibrata, San Marino rompeva nuovamente lo stallo, e lo faceva contro il nuovo entrato Filippo Crepaldi grazie ad un fuoricampo di Mattia Reginato. Bologna tuttavia non smette di lottare e ritrova il pari contro Alessandro Maestri grazie ad un singolo di Maggi per mandare a punto Dobboletta, appena entrato come corridore per Mazzanti.

Dopo un nono inning dominato da Crepaldi e dal nuovo entrato Ludovico Coveri, l’incontro si sposta al primo extra inning dove la T&A San Marino tornava a punto contro Brolo sfruttando una palla mancata ed una volata di Epifano, che mandava a punto Pulzetti, il quale aveva iniziato l’inning in seconda base.

Il 5-4 però non è sufficiente alla squadra ospite: anche Bologna approfitta dei due corridori in base (Lampe e Flores) e pareggia proprio con Lampe che va a punto su una volata di Marval. La T&A passa allora in base Garcia e, dopo un lancio pazzo, anche il pinch-hitter Agretti. Chiarini opera un nuovo cambio sul monte con Tommaso Cherubini che sostituisce Coveri. Ma la mossa non produce gli effetti sperati: Vaglio trova il varco giusto e spedisce il secondo lancio di Cherubini nell’esterno sinistro mandando a casa Flores per il walk-off.

TABELLINO

È un Parmaclima decisamente dirompente quello di gara 2 contro i veneti, abile a non concedere nulla al Padova ma soprattutto a concretizzare, inning per inning, la maggior parte della situazioni favorevoli in attacco. Nella fattispecie, solamente nella quarta frazione i parmigiani non sono riusciti a segnare un punto a casa base, per arrivare lentamente alla vittoria al settimo inning per manifesta inferiorità degli emiliani. Da segnalare le prestazioni in attacco del leadoff Stefano Desimoni, con due doppi su quattro at bat, e del battitore designato Leonardo Zileri che a fine serata ritornerà a casa con 3 valide, 2 punti segnati e 1 RBI nel borsone.
Ma non è di sole battute e corsa che si vincono le partite, ed il partente del Parma Ulfrido Garcia si è preso la briga di dimostrarlo al lineup del Padova: una prestazione aliena da 5 inning lanciati e 13 battitori lasciati al piatto per strikeout, con 3 singoli subiti (precisamente di Medoro, Perdomo ed Hidalgo) ed una base per ball concessa.
C’è stato il tempo nel finale per vedere in azione l’ultimo acquisto del Parma sul monte, ovvero Luis Lugo, che dopo una base per ball regalata a Martone per riprendere confidenza con le distanze, mette a segno 3 strikeout di fila, per concludere degnamente l’incontro a favore degli emiliani.
Unica nota negativa del match per il Parmaclima l’infortunio dell'esterno destro Morejon al quinto inning, che dopo aver scattato dalla seconda alla terza base ha notato un risentimento alla coscia sinistra, ed è stato immediatamente sostituito, per preservare il giocatore per le future partite.
Solo 4 le valide segnate a fine partita per il Padova. Un attacco decisamente in difficoltà contro il monte di lancio parmigiano, con una difesa decisamente sottotono, che alla fine farà segnare sul box score 3 errori difensivi.

TABELLINO

 

CALENDARIO

CLASSIFICA

PHOTOGALLERY

aisla

 mint pros  Il logo del Caffè Motta LOGO CONCLIMA  LOGO JOHNSON Sixtus logo

World Baseball Softball Confederation    ESF  Logo Little League International  logo WBC neutro   logo mlb  logo ICS

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });