Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L’ultimo turno di regular season del 2017 aveva ancora in gioco l’assegnazione del primo posto, che la fortuna ha assegnato allo scontro diretto fra le 2 squadre che hanno dominato la stagione, entrambe appaiate a 24 vittorie e 9 sconfitte. Il venticinquesimo successo, con lo scarto di 1 punto e diversi capovolgimenti di fronte, è andato ai campioni in carica dell’UnipolSai Bologna, che sono passati per 4-3 sul campo della T&A San Marino, conquistando così il diritto di disputare in casa l’eventuale ‘bella’ di semifinale e, nel caso, di finale.
In virtù di questo risultato, le semifinali si sviluppano sul seguente programma: gara1 venerdì 18 agosto, gara2 sabato 19 UnipolSai Bologna-Rimini e T&A San Marino-Angel Service Gruppo Secur Nettuno; gara3 ed eventuale gara4 martedì 22 e mercoledì 23 a campi invertiti; gara5, se necessaria, di nuovo a Bologna e San Marino sabato 26.
Sabato 19 (gara1 e gara2), sabato 26 (gara3 e, se necessaria, gara4), domenica 27 (eventuale gara5), scatta anche la prima fase della Coppa Italia, con i seguenti accoppiamenti: Recotech Padule-Parma Clima; Tommasin Padova-Novara, con le prime 2 partite da giocare in casa dell peggio classificata.

LA CLASSIFICA

Lo spareggio per il primo posto fra T&A San Marino e UnipolSai Bologna, a campi invertiti rispetto a 24 ore prima, mantiene le promesse di partita stretta e appassionante, al termine della quale sono i tricolori bolognesi a spuntarle per 4-3 e ad aggiudicarsi ancora una volta il tetto della classifica al termine della stagione regolare. Alessandro Vaglio della Fortitudo Bologna rientra in tuffo verso la prima base dove difende Nick Morreale del San Marino (Foto Ferrini)
Proprio gli ospiti vanno sul tabellone per primi, nella seconda ripresa, che Marval inaugura con un singolo, per poi rubare la seconda dopo l’out di Sambucci e arrivare in terza base quando Robel Garcia alza una volata su Reginato; il singolo di Ambrosino vale lo 0-1, poi lo stesso esterno centro di Bologna ruba e segna lo 0-2 grazie alla valida di Russo (3 su 4 e 2 RBI nella serata).
Reginato (4 su 4 alla fine), primo battitore sammarinese del secondo attacco, dimezza con un solo homer al terzo lancio di Andrea Pizziconi.
Il partente nettunese dei felsinei subisce nel quarto 3 singoli a seguire di Chiarini, Reginato e Albanese, quindi, dopo la visita, Francesco Imperiali batte proprio su di lui, ottenendo il singolo del pareggio, seguito dalla volata di sacrificio di Morreale che vale il 3-2. La base ad Avagnina convince Frignani a operare il cambio e mandare sul monte Filippo Crepaldi, il quale ottiene 2 out di fila.
I tricolori impattano nella ripresa seguente, aperta da Nosti con un doppio a sinistra; l’esterno arriva in terza con la palla in diamante di Vaglio e segna il 3-3 sul singolo di Flores.
Nel settimo, contro Cherubini, appena entrato a sostituire il partente Florian, Bologna ottiene il vantaggio determinante: Nosti è il primo out, Vaglio tocca valido a sinistra, Flores alza un pop dietro casa base che Albanese raccoglie al volo, quindi è Sambucci, con un singolo, a battere a casa il compagno più avanzato, per il 3-4.
La T&A ha l’ultima occasione per fare sua la partita e il primato nell’ottavo attacco, contro Panerati, quando, con 1 fuori, la valida al centro di Reginato è seguita da 2 basi per ball consecutive ad Albanese e Imperiali, ma la battuta di Morreale su Vaglio innesca il doppio gioco che stronca le speranze dei padroni di casa, anche perché Nicolò Clemente, classe 1998, sale sul monte ed è interprete di una chiusura da manuale, con i 2 K ai danni di Avagnina e Pulzetti e la volata sinistra di Ferrini.
IL TABELLINO

L’Angel Service Gruppo Secur Nettuno chiude in bellezza la fase regolare e si aggiudica anche la platonica gara2 in casa del Tommasin Padova per 2-1, al termine di una partita che entrambe le formazioni onorano sul campo e nella quale gli ospiti mettono a segno il triplo di valide dei veneti.
I laziali vanno a segno già al primo inning contro Fabiani, grazie a 2 valide di Andrea Sellaroli e Bermudez, ma anche a 1 errore di tiro di Medoro.
È Montalbetti a pareggiare subito i conti nel secondo inning, con un singolo che spinge a casa Sciacca, dopo la base e la valida di Perdomo che lo aveva portato in terza; 4 ball di Taschini a Medoro riempiono i sacchetti, poi il partente nettunese ne esce con 3 strikeout consecutivi.
Il punto decisivo degli ospiti arriva al quinto contro i lanci di Filippo Crepaldi: doppio in apertura di Bermudez e, dopo 2 out, il singolo al centro di Sparagna, per il definitivo 1-2.
IL TABELLINO

Anche Rimini e Recotech Padule onorano al meglio l’ultima gara di regular season, pur non avendo niente da chiedere alla classifica.
L'esterno del Recotech Padule Yordany Scull (K73 Oldmanagency)Nelle prime 5 riprese la sfida ruota attorno al duello tra i due partenti, Carlos Rodriguez per i toscani e Ricardo Hernandez per i romagnoli, che concedono 3 valide in tutto nel primo terzo di gara.
Rimini prova a movimentare il gioco con una rubata ed un doppio (Di Fabio) tra quarto e quinto inning, mentre il Padule raccoglie solo una base su ball, ma il punteggio rimane invariato.
Al sesto inning Rosario sostituisce Hernandez e ottiene subito tre out consecutivi, mentre Rodriguez concede un doppio a Vasquez, ma senza conseguenze.
Settimo ed ottavo inning scorrono via senza variazioni di punteggio, una sola valida ed altri due cambi sul monte, entrano Del Bianco per Rimini e Parra per la squadra di Sesto Fiorentino.
Al nono inning nuovo cambio per il Rimini che manda a lanciare Carlos Teran, il rilievo subisce tre singoli consecutivi da Santaniello, Scull ed Alarcon, che spingono a casa il punto dell’1-0 per i toscani.
Dopo una base su ball e due eliminazioni al piatto arriva anche il 3-0 grazie al singolo di Faticanti, che spinge a punto Alarcon e Scull prima dell’eliminazione sulle basi di Ramirez.
Al cambio di campo Parra concede una valida ed un base ma riesce a chiudere senza subire punti e dare la vittoria al Padule, che chiude in crescita la prima esperienza nella massima serie.
IL TABELLINO

Parma Clima e Novara giocano con impegno l’ultima partita di una regular season che lascia entrambe fuori dai playoff.
Nei primi tre inning tutte e due le squadre hanno buone opportunità, ma lasciano due uomini sulle basi a testa (Parma senza eliminati al secondo inning) ed il punteggio resta sullo 0-0.
Gli ospiti sono i primi a passare in vantaggio (0-1) , al quarto, dopo la successione di valide Angulo, Alvarez, Di Battista, ma i padroni di casa recuperano una ripresa più avanti grazie al solo-homer di Scalera.
Novara piazza due corridori in base con un solo eliminato al settimo, ma un doppio gioco salva in Parma dalla capitolazione.
Novara però non si lascia sfuggire una seconda occasione, all’ottavo riempie le basi con un singolo e due basi, l’ennesimo walk concesso da Santana (con due eliminati) manda a punto Angulo, poi il singolo di Dobboletta fa completare il giro delle basi a Pizzorni e Buffa per il 4-1.
Batista ripulisce il diamante con un doppio che mette altri tre punti sul tabellone per il 7-1, dopodiché un fuoricampo da 2 punti di Angulo manda i piemontesi sul 9-1 e chiude di fatto l’incontro.
D’Amico e Cadoni, per il nono, non hanno difficoltà a gestire gli ultimi due inning e portano Novara alla vittoria.
IL TABELLINO

Il Rimini vince gara 1 contro il Padule per manifesta

IBL, Nettuno batte Padova ed è terzo

aisla2017nuovo

World Baseball Softball Confederation
sponsor confederation
ESF
sponsor loyalty
sponsor girandola
sponsor majorleague
sponsor ics
mint pros
sponsor sixtus
jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });