Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Al termine della prima giornata di ritorno della seconda fase della Italian Baseball League è un trio a condurre la classifica. La Angel Service - Gruppo Secur Nettuno e T&A San Marino sono protagonisti di uno sweep nei confronti rispettivamente del Recotech Padule e del Rimini. La UnipolSai Bologna, invece, vola nel sesto inning per battere il Parma Clima al "Falchi". Colpo casalingo del Tommasin Padova contro la formazione del Novara, in un incontro caratterizzato dai tanti errori da entrambe le parti.

LA CLASSIFICA

Spicca il volo nell’ottava ripresa la T&A San Marino e completa uno sweep pesante nei confronti del Rimini grazie alle 3 valide di Epifano e dell'ex Chiarini. Il derby resta in totale equilibrio dopo 7 riprese con i partenti Florian e Richetti che danno vita ad un confronto appassionante, lasciando a zero le mazze avversarie dal terzo al sesto inning. Nelle prime 2 riprese i lineup hanno messo in mostra le loro potenzialità. Epifano batte un singolo con due eliminati e tra una valida, un errore e un lancio pazzo completa il giro delle basi. Dopo l’entrata del primo punto, gli ospiti inanellano 3 valide consecutive, tra cui il singolo da un punto di Reginato del 2-0. Rimini risponde con l’aiuto di Federico Celli che confeziona due doppi. Il primo apre la partita (Celli segna il primo punto con l’errore di Pulzetti sulla rimbalzante di Vasquez), mentre il secondo porta a casa il punto del pareggio. Da quel momento si vedranno solo alcune valide sporadiche fino alla parte bassa del sesto inning. Florian viene sostituito con i corridori agli angoli da Tommaso Cherubini. Il rilievo inizia la sua fondamentale performance con una doppia eliminazione sulla linea di Giovannini che cancella il pericolo. Rimini ha un’altra opportunità nella settima ripresa con un uomo in terza e un out, ma Noguera e Garbella non concretizzano. La T&A sfodera invece il suo killer instinct al cambio campo. Dopo che Richetti ha lasciato il campo con 7 riprese eccellenti, Escalona sale sul monte, ma pasticcia contro Ferrini e affronta l’ispirato Epifano. L’interbase continua il suo momento di grazia con un doppio che spinge a casa il compagno e sblocca in un batter d’occhio la situazione di parità. Il manager del Rimini Paolo Ceccaroli corre ai ripari, chiamando Teran dal bullpen, ma San Marino è lanciata e ottiene un altro punto sul singolo di Chiarini e, successivamente, sulla volata di Ermini che corrisponde all’arrivo a casa dello stesso Chiarini e alla terza eliminazione dell’inning nei confronti di Imperiali fra la seconda e la terza base. A premiare il rilievo degli ospiti che risolve un’altra potenziale minaccia con un altro doppio gioco, c’è ancora l’attacco sanmarinese. Il numero nove del lineup Pulzetti dà il suo contributo alla fuga con un doppio e, dopo 2 basi intenzionali consecutive, arriva a casa dopo la presa mancata dal ricevitore sullo strikeout nei confronti di Chiarini. Mancato l’assist per l’ultimo out della ripresa, Teran concede un’altra base su ball, questa volta ad Imperiali. Cherubini mette la firma sul suo capolavoro con una nona ripresa pulita e San Marino chiude col successo per 7-2, confermando la leadership assieme a Angel Service - Gruppo Secur Nettuno e UnipolSai Bologna.

IL TABELLINO

La UnipolSai Bologna sconfigge il Parma Clima per 14-4 al settimo inning, ma il punteggio non testimonia l'andamento di un match che per 5 riprese e mezzo è20170701 - NOSTI BOL -GOMEZ PAR (Renato Ferrini) stato combattuto. Parte meglio la squadra di casa con Marval e Sambucci che battono 2 singoli da un punto, ma è il ricevitore della Fortitudo, autentico protagonista del match, a portare i suoi sul 5-0 con il suo sesto fuoricampo dell'anno. Al cambio campo rispondono i parmensi contro il partente Andrea Pizziconi grazie a 3 doppi. Deotto e Maestri, al termine di una lunga lotta al piatto, accorciano le distanze e, dopo un errore in terza base, Charlie Mirabal, leader della squadra di Parma per punti battuti a casa, ottiene un doppio da 2 punti che riapre completamente i giochi. Il 5-4 resta intatto nel quinto inning col lavoro di Pomponi da un lato e di Filippo Crepaldi dall'altro. Il rilievo dei ducali, però, concede 2 basi su ball con un eliminato nel sesto inning e viene sostituito dal debuttante Stefano Censi, appena prelevato dalla Serie A Federale. L'inizio è memorabile, visto che Marval viene eliminato al piatto, ma la carta della pazienza giocata dai felsinei sortisce i suoi frutti. Arrivano 2 basi su ball di fila, tra cui l'ultima ad Ambrosino che porta il punteggio sul 6-4. Dopo aver atteso nel box di battuta, il lineup della Effe mette a segno le valide che chiudono la partita. Vaglio apre con un singolo da un punto, poi è Agretti con un doppio contro il neo-entrato Santana a sparecchiare le basi. Infine, le valide di Nosti e Flores proiettano i padroni di casa sul 14-4 e lasciano agli ospiti una sola opportunità di mantenere in vita la sfida. Crepaldi, nonostante la lunga pausa, ottiene le 3 eliminazioni finali, tra cui quella del debuttante Seminati al suo primo at-bat della carriera in IBL.  Parma Clima e Rimini si affronteranno la settimana prossima in uno scontro diretto fondamentale per la lotta playoff.

IL TABELLINO

Un inizio di gara decisamente diverso da quello di gara 1 fra Padova e Novara: Alex Bassani, partente del Novara, viene subito punito dal Mark Teahen che battendo un doppio spinge a casa Perdomo. Padova allunga ancora di due punti al secondo inning, grazie ad un singolo di Martone che permette ai corridori Berini e Piovan di segnare rispettivamente il secondo e terzo punto.
20170702 - NOV PAD - ANGULO NOV + PERDOMO PAD (PhBass)L'incontro scorre senza cambiamenti fino al sesto inning, quando, approfittando cinicamente di un errore del Padova, il Novara mette a segno la prima segnatura dell'incontro. Caglieris si porta in seconda su una palla al volo mancata dall'esterno destro padovano, ci pensano poi Loarni e Pizzorni a spingere a casa base il corridore.
Il Novara continua la sua rincorsa al Padova nel settimo inning, quando Fabiani viene colpito duro dalle mazze di Alvarez e Buffa. Con seconda e terza base occupate, sale sul monte per il Padova Enrico Crepaldi, che conclude l'inning subendo solamente un punto (scelta difesa in seconda su battuta di Batista che porta a casa Alvarez) e fermando il punteggio sul 3 a 2.
Ci pensa subito il Padova, però, a ristabilire le distanze, segnando due punti nella parte bassa del settimo, grazie ad un doppio di Perdomo che spinge verso il piatto Martone e Pacini.
All'ottavo inning il Novara scala la marcia, sale di giri, accelera e completa la rimonta, confermando la legge non scritta che recita “con due out si fanno i punti”. Approfittando di una serie di errori difensivi del Padova, il punteggio ritorna nuovamente in parità sul 5 a 5. Ad un inning dalla fine, è tutto da rifare.
Sono ancora una volta gli errori i protagonisti della parte bassa del penultimo inning. 2 imperfezioni difensive per i piemontesi permettono a Medoro di segnare il punto del vantaggio (6 a 5). Nell’ultima frazione il Novara, seppur portando Batista in terza base, non riesce a segnare e l’incontro finisce 6 a 5.

IL TABELLINO

È un inizio di partita scoppiettante quello offerto allo Steno Borghese da Nettuno e Padule. La squadra ospite riesce subito a segnare un punto, approfittando di una serie di errori della difesa nettunense, ma la reazione dei padroni di casa non si fa attendere. Nella parte bassa del primo inning i laziali raggiungono e superano a suon di valide (saranno 4 a fine frazione) i toscani, portando il punteggio sul 3 a 1. 
In attacco ritorna il Padule con Valsecchi, che colpendo un singolo si porta in prima base. Nel box di battuta si presenta Origlia, che dopo un turno molto combattuto batte un doppio sull'esterno destro, esattamente ciò che serve a Valsecchi per correre fino a casa. Durante questa frazione di gioco, il Nettuno perde Renato Imperiali per infortunio, accasciatosi a terra dopo l'assistenza in terza base sulla battuta di Reggioli. Precedentemente, il terza base nettunese aveva già accusato un forte dolore che sembrava essere risolto durante l'arrivo in seconda base.
Nella parte bassa del secondo, Sellaroli dimostra una capacità di corsa senza pari quando raggiugne il sacchetto di terza per uno stupendo triplo fra l'esterno centro ed il sinistro. È proprio quest'ultimo a segnare il punto del 4 a 2, approfittando di una leggerezza dell'interbase del Padule Livinston Santaniello.
La partita scorre veloce fino al sesto inning, quando il Nettuno decide di mettere le ali e di distanziare il team di Sesto Fiorentino con un inning da 4 punti ed un Giuseppe Mazzanti in grande spolvero. La sua serata caldissima prosegue nell'ottavo inning, quando per la seconda volta colpisce la recinzione al limite del fuoricampo: decisamente il migliore in campo in attacco per Nettuno. Chiudono con 3 valide a referto proprio Mazzanti e Giordani, mentre dopo i problemi della seconda ripresa Uviedo passa il testimone senza problemi a Jimenez. Il Padule termina la benzina e il match si conclude per 11 a 2 a favore dei laziali.

IL TABELLINO

di Kevin Senatore e Andrea Andrian

LE PHOTOGALLERY IBL

Il Nettuno non sbaglia e raggiunge la coppia in testa alla classifica

Il Parma prosegue lo slancio mentre San Marino riaggancia Bologna

 

 

aisla2017nuovo

tags

IBL
World Baseball Softball Confederation
sponsor confederation
ESF
sponsor loyalty
sponsor girandola
sponsor majorleague
sponsor ics
mint pros
sponsor sixtus
jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });