Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Un “big inning” ciascuno basta all’UnipolSai Bologna, al Parma Clima e alla T&A San Marino per portare a casa il successo nel sabato sera di IBL. I sanmarinesi approfittano del passo falso di Nettuno, sconfitto da un Parma coriaceo, e sono i primi inseguitori di Bologna.

Il Tommasin Padova regge per 3 inning, poi, nel 9-1 del sabato sera al “Falchi”, è costretto a cedere alla forza d’urto dell’attacco dell'UnipolSai Bologna che, come spesso ha dimostrato in questa stagione, è capace di trasformare un attacco in un incubo per i lanciatori avversari. Diego Fabiani si era comportato in maniera ineccepibile nella terza ripresa, quando, con le basi piene, è riuscito a scongiurare il pericolo con uno strikeout sul terribile Osman Marval. Tuttavia, una 20170520-BOL-PDO-Berini-PDO-slides-Flores-BOL (PhotoBass)delle 5 riprese veloci lanciate dal partente bolognese Andrea Pizziconi, ancora una volta colpito da una sola valida (con un punto subito stavolta), dà ulteriore carica ai padroni di casa. Alex Sambucci inaugura il quarto attacco con un triplo sul conto pieno e segna sul singolo successivo di Robel Garcia. Poco dopo Fabiani si ritrova con le basi piene dopo una valida da parte di Grimaudo e una base su ball concessa a Russo. Marco Sabbatani, alla sua prima partenza da titolare in stagione, combatte fino al conto pieno e arriva in base grazie all’errore del terza base che regala 2 punti ai felsinei. Dopo l’errore, il manager ospite Aluffi mischia le carte, chiama Spada a lanciare e sposta il veterano ex MLB Teahen in terza base. La soluzione non frena i padroni di casa che decollano grazie ad un caldissimo Nick Nosti, autore di altre 2 valide con 2 punti battuti a casa nel match di sabato. A chiudere il cerchio c’è Flores che colleziona il singolo del 6-0. 10 battitori si sono presentati al piatto nell’assalto della Fortitudo. La lunga attesa manda in tilt il controllo di Pizziconi che concede un singolo e lancia 8 ball consecutivi. L’unico danno sarà la volata di sacrificio di Berini che fissa il punteggio parziale sul 5-1. Per i locali non poteva mancare lo squillo di Marval, autore di un doppio da un punto prima di essere sostituito, mentre Flores (con un doppio), Sambucci e Robel Garcia aggiungono un punto battuto a casa e arrotondano il finale della sfida sul 9-1. Va segnalato che sul monte bolognese è stata concessa una sola valida e una base su ball (la terza data a Mark Teahen) nelle 3 riprese di Corradini e di Filippo Crepaldi, che ha sigillato la doppietta dei campioni in carica, i quali mantengono la vetta della graduatoria con 10 vittorie e 2 sconfitte.

IL TABELLINO

Battaglia accesa al “Nino Cavalli” tra Angel Service – Gruppo Secur Nettuno e Parma Clima anche con qualche scintilla in campo e soprattutto tanto contributo offensivo. Alla fine la spunta per la prima volta in 4 scontri il Parma Clima per 9-6.  Dopo un rinvio di qualche minuto causa pioggia, le mazze dei due lineup ingranano subito la marcia giusta contro i partenti Andreozzi (Nettuno) e Rivera (Parma). Bermudez e Mazzanti, coppia inarrestabile da 5 valide in gara 1, firmano l’1-0 con due out nell’attacco inaugurale. Il primo batte un singolo e ruba la seconda, mentre il secondo lo spinge a casa con un altro singolo. Risposta secca dei locali con Piazza e Mirabal che segnano sul doppio di Zileri, decisamente in crescita nelle ultime partite. Il 2-1 non resta per molto. Entrambe le squadre avrebbero una possibilità nel secondo inning, ma è la terza ripresa a fare la differenza con un 5 magistrale dei parmensi. Gli occhi da falco di Desimoni, Mirabal e Zileri consentono agli emiliani di riempire le basi con le mazze potenti in arrivo. Tuttavia, dopo che due punti sono entrati su una base ball e una rimbalzante, è Alessandro Deotto, a cambiare la partita, con un doppio da 3 punti. Comincia il disperato inseguimento degli ospiti, sotto 7-1 e con pochissime braccia a disposizione per lanciare. Federico Giordani manda a casa Sellaroli e Sparagna (2 valide e 1 RBI per lui) per il 7-3. Il rilievo nettunese Davide Dini si difende bene fino al sesto inning, quando, complice anche un errore dell’interbase Luna, uno dell’esterno destro Sparagna sul singolo di Zileri e un lancio pazzo, subisce due punti che ristabiliscono le distanze. I ragazzi di Alberto D’Auria non ci stanno e accolgono Michele Pomponi, subentrato a Rivera nel settimo inning, con 3 punti. Quando sembrava tutto svanito a causadi un doppio gioco di Imperiali, Davenport, Sellaroli e Sparagna infilano 3 valide consecutive e accorciano sul 9-4. Contro il cuore del lineup laziale va in crisi di controllo il rilievo locale che concede 3 basi su ball di fila e consegna senza particolari salti mortali 2 punti ai vincitori di gara 1. Pomponi si riprende con uno strikeout nei confronti di Luna che pone fine alla settima frazione, poi grazie alla buona difesa sul bunt di Sellaroli nell’ottavo e al doppio gioco con due corridori in base e zero out nel nono sul pericolo pubblico Mazzanti, Parma può sorridere con il secondo successo in una settimana che ha visto i ducali chiudere con 2 vittorie su 3 contro due forze come Nettuno e Bologna. I nettunesi, che sono riusciti a resistere nel finale con Retrosi e Mercuri a fungere da lanciatori di emergenza, perdono invece contatto dal secondo posto, occupato in solitaria da San Marino.

IL TABELLINO

Doppia vittoria della T&A San Marino che completa la doppietta grazie al 5-0 maturato nel match serale col Recotech Padule. Un punto in apertura e 4 nel sesto bastano all’attacco di casa, mentre sono 4 pitcher sanmarinesi ad essere protagonisti (Quevedo, Cherubini, Perez e il neo-arrivato Ascanio). Il partente Carlos Quevedo si aggiudica la sua quarta vittoria in stagione grazie a 5 riprese inviolate e a 2 sole valide subite. 2 singoli, uno nel primo e uno nel terzo, saranno gli unici colpi validi degli ospiti che porteranno in totale solo un paio di corridori in seconda base. Il tentativo di rimonta del Padule si concentra quasi esclusivamente nell’ottava ripresa, quando Andres Perez concede 2 basi su ball nel suo secondo inning di lavoro. Quando il rilievo è entrato in campo nel settimo inning, però, i suoi compagni in battuta avevano già creato il solco sufficiente per vincere la partita. Il ricevitore Simone Albanese è il trascinatore della squadra di Marco Nanni con 2 valide e 2 punti battuti a casa. Suo è stato il singolo nel primo attacco a sbloccare il punteggio dopo che Gabriele Ermini, altro uomo-chiave della sfida, era arrivato in base su un errore. Dopo 4 riprese consecutive senza sussulti contro un discreto Rodriguez, l’attacco romagnolo compie lo strappo decisivo. Ermini apre l’inning con un singolo, ma è solo la prima di 4 valide consecutive che trascinano San Marino sul 4-0. Due doppi consecutivi di Chiarini e Reginato pongono fine alla performance di Rodriguez (sostituito dal collega Parra), mentre Albanese batte a casa con un singolo il 4-0. Il ricevitore locale segna poi l’ultimo punto del 5-0. Con i primi 2 strikeout in IBL per Jose Ascanio si conclude il secondo shut-out stagionale per San Marino, il primo con i lanciatori stranieri in campo (l’altro è avvenuto il 29 aprile contro Novara). Il Recotech Padule ha resistito sul lato difensivo, ma nulla ha potuto contro la strapotere dei lanciatori avversari.

IL TABELLINO

LA CLASSIFICA

di Kevin Senatore

LE PHOTOGALLERY IBL

T&A San Marino mette KO il Padule

Rinviata Novara - Rimini

aisla2017nuovo

tags

IBL
sponsor ibaf
sponsor confederation
sponsor esf
sponsor loyalty
sponsor girandola
sponsor majorleague
sponsor ics
mint pros
sponsor sixtus
jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });