Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

NELLA SECONDA GIORNATA DI COPPA CAMPIONI VINCONO MARLINS PUERTO CRUZ E ROYAL GREYS

Il Tornado Balashikha non ripete la buona prova della gara d'esordio contro San Marino e viene superato 9-3 dal Marlins Puerto Cruz nella seconda giornata del girone A di Coppa Campioni. Una sconfitta che per i russi significa l'addio al sogno semifinale che invece gli spagnoli si giocheranno nell'ultima sfida con il nove del Monte Titano.

Per la squadra delle Canarie facile vittoria figlia di una netta superiorità nel box, 12 valide contro 5, una dote che il lanciatore partente Renny Duarte fa fruttare a dovere controllando le mazze russe e gestendo bene l'unico calo della sua partita. Il Puerto Cruz parte con il piede giusto e al primo inning trova il vantaggio con Sanchez che, in una ripresa senza valide, completa comunque il giro della basi sulla volata di sacrificio di Navarro. I Marlins tornano a ripetersi, questa volta in maniera più pesante, al quarto inning quando scavano un solco nel punteggio che i russi non saranno più in grado di colmare. Martinez riceve quattro ball, alla fine le basi ball concesse da Petrov saranno ben quattro, Navarro tocca un singolo e Montiel spara la palla oltre la recinzione al centro spingendo a casa tre punti. Gli spagnoli continuano a premere sull'accelleratore e prima della chiusura dell'inning Lopez porta il risultato sul 5-0 sull'errore dell'interbase russo. Dopo il sesto punto degli spagnoli nella parte alta della sesta ripresa, frutto di due doppi consecutivi di Perez e Lopez, anche il Tornado Balashikha sblocca la casella zero sul tabellone del punteggio. Con Kulik in prima per interferenza, Duarte va in difficoltà e subisce tra singoli a fila e una battuta in doppio gioco che valgono tre punti per i russi. Per il Puerto Cruz la paura passa subito al cambio campo quando sul rilievo Shirokiy, non certo aiutato dalla difesa che commette due errori, arrivano due valide che valgono il 9-3 finale.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

I belgi del Royal Greys vincono in rimonta sul Mainz Athletics (9-2) e rimandano all'ultima partita del girone contro il Rouen Huskies tutte le proprie possibilità di qualificazione alle semifinali. Per i tedeschi invece ormai sicura l'esclusione tra le prime quattro della Coppa Campioni.
La partita si anima alla terza ripresa quando c'è il primo botta e risposta tra il Mainz e il Royal. Nella parte alta dell'inning i tedeschi mettono la testa avanti colpendo valido con Muschik e Boldt i cui sungoli sono seguiti da altrettanti errori difensivi. Poi il doppio di Larson spinge a casa il secondo punto degli Athletics. Non si fa attendere la reazione del nove belga anche in questo caso aiutato da una difesa tutt'altro che impeccabile: Roevens mette a terra un singolo, avanza su lancio pazzo e va a punto sulla battuta di Martens dove arriva l'errore del terza base germanico Boldt. Il Mainz prova nuovamente ad allungare ma da una situazione di uomini agli angoli esce con uno strikeout di Muschik. Il Royal Greys invece non sbagliano alla prima occasione favorevole e con un big-inning da quattro punti al sesto ribaltano il risultato e il corso della gara. Prima ci pensa Bell con un homerun da due punti sulla destra dello "Scarpelli", poi il singolo di Herssens, che chiude un ciclo di tre valide, spinge a casa altri due uomini (5-2). A questo punto il Mainz si soglie come neve al sole e nei successivi tre attacchi passa al box nove giocatori senza mai riuscire a toccare la prima. Tanto basterebbe ai belgi che però non si accontentano e mettono al sicuro il risultato a cavallo di settima ripresa, tre punti con quattro valide di fila tra cui il doppio di Wybo, e ottava con il punto del definitivo 9-2 di Martens.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

I RISULTATI DELLA SECONDA GIORNATA DELLA COPPA CAMPIONI

Fabio Ferrini