Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

DEBUTTO VINCENTE PER IL MONTEPASCHI CON I ROYAL GREYS

 

Debutto vincente per il Montepaschi Grosseto in Coppa Campioni. Nel proprio stadio, di fronte ad un centinaio di spettatori (la gara è iniziata alle 22 a causa della pioggia), i ragazzi di Mauro Mazzotti hanno dovuto soffrire per aver ragione (2-0) del Royal Greys Anversa. I campioni d'Italia, privi dell'infortunato Kelly Ramos - sostiuito dietro il piatto da Bischeri - sono stati bravi ad approfittare dell'unico momento di calo del pitcher statunitense Daniel Howard (nel 2007 nella indipendente Golden League) per battergli le prime valide del match. Il lanciatore yankee (4bv-4so) è stato perfetto per quattro riprese ed ha elimato dodici battitori di fila, prima di arrendersi a Marval.

Il Montepaschi ha potuto contare dal canto suo sulla ottima prestazione di Lincoln Mikkelsen, che ha concesso cinque valide (due ai primi due battitori avversari, Van Der Meieren e Mertens) ed ha collezionato ben undici eliminazioni al piatto in otto riprese. L'eroe di gara7 della finale scudetto 2007 sembra tornato i livelli dello scorso anno. Nel nono attacco belga è salito sulla collinetta Anthony Ferrari per la salvezza.

Nella prima metà gara erano i lanciatori a dettare il ritmo e l'unico corridore asd arrivare in terza era l'esterno destro Wybo, con una valida, un sacrificio ed una scelta difesa, ma Dallospedale e Ramos chiudevano l'inning.

La svolta della gara arrivava nella parte alta del 5°: Raul Marval spezzava il perfect game di Howard con un singolo al centro. Dopo l'out di Ermini, Avagnina trovava il corridoio giusto per battere un doppio e portare il compagno in terza. Il doppio di Sgnaolin permetteva al Montepaschi di portarsi sul 2-0. Daniel Howard non si scomponeva e tornava a mietere eliminazioni dalla ripresa successiva, come del resto faceva Mikkelsen dall'altra parte. Nell'ultimo attacco qualche brivido agli sportivi toscani lo faceva provare Ferrari, mandando in base Mertens e portando sul conto pieno Rosiers, poi finito al piatto. Marval raccoglieva poi al volo la battuta di Bell e quella di Knollenburg. I Royal Greys si guadagnavano comunque il meritato applauso dei loro sostenitori e di quelli locali.