Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

COPPA CAMPIONI: LE FINALISTE DELLA EDIZIONE 2007 DI SAN MARINO VINCONO SOTTO LA PIOGGIA

Sotto la pioggia, nel primo pomeriggio di Coppa Campioni a Grosseto, hanno cantato, martedì, le finaliste della Coppa Campioni 2007.   

Una fase di Kinheim-Marlins (Massimo Carolla)Il Corendon Kinheim Campione d'Europa ha superato i Marlins Puerto Cruz (4-3) allo stadio Roberto Jannella, in una gara che si è fatta tremendamente difficile all'ultimo inning. Gli olandesi, che hanno schierato subito Patrick Beljaards, sono passati in vantaggio al 1° con un doppio di Koolen, a casa sulla valida di Smeets. Al 3°, il Kinheim allungava con un triplo di Cremer, a punto sulla valida di Rombley; una volata di sacrificio di Kooler consentiva a Denny Beljaards (5bv-6so) di segnare il 3-0. Un'altra volata di sacrificio di Van'Klooster  al 7° permetteva poi allo stesso Denny Beljaards di calare il poker. Il Kinheim gestiva bene il vantaggio fino al 9°, in cui i Marlins vedevano bene i lanci del closer Van Kampen, che subiva tre punti e cinque battute valide, prima che Denny Beljiaards effettuasse l'ultimo out.

 I Rouen Huskies hanno avuto ragione, sul diamante Scarpelli (7-5 il finale) dei Mainz Athletics. Per i francesi  I Rouen Huskies (Massimo Carolla)(sull'1-0 al primo con un lancio pazzo) è stata però tutt'altro che una passeggiata contro il nove tedesco, che si è trovato anche in vantaggio per 5-1 dopo il big-inning subito al 2°, proprio da cinque punti (fuoricampo da due di Stockeline). Superata la crisi, però, il lanciatore venezuelano Keino Perez - che ha finito con oltre 150 lanci - ha ridato tranquillità ai compagni che pur battendo appena quattro valide sono riusciti prima ad accorciarre le distanze e poi ripassare in vantaggio con quattro punti, grazie a due lanci pazzi, un errore ed una valida di Scalabrini (3/5) che al sesto portava a casa Piquet per il 7-5 finale.