Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

NETTUNO ESPUGNA PER LA SECONDA VOLTA GROSSETO; LA T&A SI IMPONE A SUON DI FUORICAMPO; SERATA TRANQUILLA PER LA TELEMARKET

Pete Nyari ha lanciato 2 inning perfetti (Ferrini/Fibs)La T&A San Marino mostra i muscoli e completa la tripletta ai danni del De Angelis Godo con una vittoria (11-5) caratterizzata dalle battute lunghe del line-up di Bindi sui pitcher goti. Le cifre parlano chiaro: il San Marino ha infatti battuto 16 valide, tra le quali 4 fuoricampo e 3 doppi. In luce particolarmente si sono messi Buccheri (3 su 5), La Fera (4 su 5), Albanese (3 su 4) ed Imperiali (3 su 5).
Va comunque dato merito al Godo di aver lottato al limite delle sue possibilità. Il San Marino, dopo 3 inning dominati dai partenti Tonellato e Lino Luciani, ha sbloccato la situazione al quarto con un fuoricampo da 2 punti di Imperiali contro Luciani (10 valide e 3 basi in 4 riprese) e ha provato a prendere il largo con l'homer da 3 di La Fera contro Del Bianco (3.1 riprese, 3 valide e 2 basi). Ma il De Angelis ha risposto colpo su colpo contro Tonellato (4 punti guadagnati, 6 valide, 1 base e 2 strike out) e ha pareggiato la partita al settimo contro il rilievo Martignoni, aiutato dall'unico errore difensivo del San Marino. Martignoni ha comunque firmato la vittoria lanciando 2 riprese (2 valide e 2 strike out) e Nyari l'ha salvata con 2 inning perfetti (3 strike out).
Il line up ospite i conti li ha chiusi all'ottavo contro Del Bianco con i fuoricampo in sequenza di Sheldon e Suardi. Con Torri prima e Petrini poi in pedana, il Godo si è disunito in difesa (alla fine gli errori saranno 4) e il divario ha assunto proporzioni vistose.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

 

Da Grosseto, Maurizio Caldarelli

Il Danesi Nettuno si aggiudica il derby del Tirreno e rimane solo soletto in seconda posizione. La formazione diIl bomber della Danesi Peppe Mazzanti (Ferrini/Fibs) Bagialemani s'è imposta sul Montepaschi Grosseto in garatre (7-4 il finale) approfittando di una partenza non felicissima di Andrea Lucati. E stavolta purtroppo ai toscani, che sono stati bloccati a dovere dai lanci di Richetti e Masin (7 valide complessive), non è stato sufficiente il buon rilievo di Luca Panerati, cresciuto di tono con il passare delle riprese. Il Danesi metteva la testa avanti al secondo tentativo, grazie ai doppi consecutivi di Peppe Mazzanti e Camilo. Il partente Lucati subiva poi altri due punti al 3°, a causa delle basi ball ad Ambrosino e Schiavetti, arrivati poi a casa su un lancio pazzo ed su un errore del ricevitore Galli (schierato per dare fiato a Kelly Ramos leggermente infortunato) nel tentativo di evitare la rubata in terza base. Con due out, dopo i quattro ball a Giuseppe Mazzanti e quelli intenzionali a Camilo, Mazzotti chiamava dal bullpen Luca Panerati, il quale, a freddo, si presentava con le basi a Leonardo Mazzanti ed Imperiali che facevano lievitare il punteggio sul 4-0. Mentre Carlos Richetti (2bv in 6 riprese) continua ad effettuare eliminazioni a ripetizione (solo il catcher Alessandro Galli riusciva a toccare in valido nelle prime 5 riprese), il Nettuno allungava il passo alla sesta ripresa, dopo aver sofferto la vitalità di Panerati. Una valida di Ambrosino portava a punto Imperiali, poi lo stesso Ambrosino segnava il 6-0 sul "sacrifice fly" di Ugueto. Al cambio di campo Jairo Ramos Gizzi faceva capitolare Richetti con un fuoricampo da due punti, dopo aver colpito Dallospedale. Ma i giochi erano ormai fatti,  All'ottavo, grazie ad una base a Jairo Ramos ed un singolo di Marval, metteva l'uomo in terza, ma Massimiliano Masin usciva indenne. Il settimo punto nettunese al 9°: valida di Ugueto, doppio di Giuseppe Mazzanti e, a basi cariche, singolo di Imperiali. Il bel fuoricampo da due punti di Andrea de Santis, dopo una valida di Avagnina, faceva uscire dal campo tra gli applausi i campioni d'Italia, apparsi ancora una volta in forte difficoltà in garatre per le solite assenze di Riccardo de Santis (martedì si opererà al gomito) e Ginanneschi.

LA SCHEDA DELLA PARTITA


Non è bastato al Redipuglia il fuoricampo di Baez (Ferrini/Fibs)La Telemarket Rimini completa la tripletta ai danni dei Rangers Redipuglia con la vittoria (12-3) più tranquilla del fine settimana.
I Rangers, come del resto nelle altre 2 gare della serie, erano passati per primi in vantaggio. Merito di Cechet, che al secondo aveva colpito un fuoricampo a basi vuote. Sarà un fuoco di paglia; il partente di casa Sandy Patrone (vincente con 6 strike out in 6.1 riprese) concederà solo altre 2 valide. Incidentalmente, una sarà il quinto homer della giornata per i giuliani. Lo otterrà Baez al quinto, con l'ultimo sussulto del week end (a quel punto Rimini conduceva 3-1) dei Rangers.
All'attacco della Telemarket servono solo un paio di attacchi per aver ragione del partente dei Rangers Cossar (non particolarmente aiutato dalla difesa, 9 valide e 3 basi in 4 riprese). Sotto di un punto, al secondo i Pirati colpiscono 4 valide e segnano 3 volte. Al quinto i doppi in sequenza di Garcia e Chiarini e il singolo di Melo costringono Cossar a lasciare il monte a Zorzenon. Come al pomeriggio, il rilievo dà ai padroni di casa il vantaggio di un paio di basi per ball e alla fine dell'inning il vantaggio della Telemarket è un netto 7-2. Contro Iezzi all'ottavo la Telemarket arrotonda ulteriormente.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

 

 LA CLASSIFICA AGGIORNATA DELLA IBL