Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1

GROSSETO SI AGGIUDICA L'ANTICIPO TELEVISIVO CON NETTUNO (3-1). CON LO STESSO PUNTEGGIO SAN MARINO SUPERA GODO

Da Grosseto, Fabio Ferrini

Il Montepaschi Grosseto mette la firma sul primo derby tirrenico e supera 3-1 la Danesi Nettuno al termine di una partita condotta fin dalla prima ripresa. Il merito dei maremmani è stato quello di giocare aggressivo sulle basi, quattro le rubate riuscite su cinque tentativi, e aver saputo concretizzare le occasioni create. Nettuno invece deve fare il mea culpa perché, anche se Cruz non è stato all’altezza delle ultime partite, alla fine paga due errori difensivi pesanti che avrebbero potuto girare la gara.Lincoln Mikkelsen vincente della gara con Nettuno

Il derby tirrenico vede i due lanciatori partenti iniziare agli antipodi: Mikkelsen sembra tornato quello di inizio stagione, ottimo controllo ed efficacia che lo porta ad affrontare solo nove uomini nelle prime tre riprese, Cruz invece appare scontrollato ed entra subito in difficoltà complice una difesa distratta. Al primo attacco infatti il Montepaschi si porta subito avanti sfruttando un errore di Schiavetti che apre la strada a Nunez. L’esterno maremmano con due rubate si ritrova in terza, sulla seconda è complice Giuseppe Mazzanti che non tiene l’assistenza di Parisi ottima sul tempo, e poi viaggia a casa sulla battuta in diamante di Marval, mentre Jairo Ramos giunge in terza. Il singolo di Ermini spinge il secondo punto dei padroni di casa. Al terzo Cruz riesce a superare un altro momento di crisi, colpito, singolo e base, senza danni e allora Nettuno al cambio campo prova a riaprire la partita: Mikkelsen prende a fila i singoli di Duran e Schiavetti e deve piegarsi sulla battuta di Ugueto che, seppur in doppio gioco, fa il suo dovere spingendo a casa l’1-2. La partita poi trova il suo equilibrio con i due lanciatori che prendono le misure agli attacchi e lasciano poco allo spettacolo. Grosseto però al sesto torna a muovere il punteggio e ancora una volta Cruz, comunque non nella sua serata migliore, paga un errore della sua difesa. Dopo i singoli di Avagnina e Sgnaolin, con due eliminati, Nunez riceve la base e Dallospedale batte su Imperiali che però perde la palla ed il tempo per l’out permettendo ad Avagnina di siglare il 3-1. Un vantaggio che Grosseto gestisce fino alla fine grazie ad un ottimo rilievo di Ferrari che, chiamato sul monte all’ottavo, toglie le castagne dal fuoco dopo la base ball ed il colpito di Mikkelsen per poi chiudere senza problemi l’ultimo attacco ospite e firmare la salvezza.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

Grande prestazione di David Sheldon nel boxNel secondo anticipo di giornata la T&A San Marino si impone 3-1 sul De Angelis Godo in una partita tormentata dal maltempo che sembra non lasciare respiro al batti e corri italiano nonostante si sia ormai a metà giugno. Le due squadre sono state infatti costrette ad aspettare oltre un’ora dopo la sospensione per pioggia nel secondo inning prima di poter tornare sul diamante. Ma prima di andare nei dugout ad aspettare un tempo più clemente il nove del Monte Titano aveva colpito subito duro Baerlocher la cui serata non è stata positiva, al contrario del suo diretto avversario Estrada che ha ben controllato i Goti prima di lasciare la chiusura a Looney. L’inizio del San Marino è devastante perché dopo la base ball a La Fera arrivano in sequenza il doppio di Sheldon, che dopo essere entrato nel club dei 1000 sembra averci preso gusto ed ha chiuso a 3 su 4, e i singoli di Vasquez e De Biase per i primi due punti. Al rientro in campo dopo la pioggia inizia un monologo dei lanciatori partenti che fino al quinto entrano in controllo della gara. San Marino poi incrementa il vantaggio con La Fera grazie a due singoli e alla volata di sacrificio di De Biase. Il Godo dà cenni di risveglio alla settima ripresa quando costringe il manager Bindi a sostituire Estrada con Looney che però, complice una partenza a freddo con due basi ball consecutive, non può evitare il punto ospite (1-3). Rimane però questo l’unico acuto dei Goti che al nono rimediano tre strikeout da Looney alla sua seconda salvezza stagionale.

LA SCHEDA DELLA PARTITA

I risultati

Montepaschi Grosseto-Danesi Nettuno 3-1
T&A San Marino-De Angelis Godo 3-1

Classifica: Bologna 833 (20-4); Montepaschi Grosseto 720 (18-7); Danesi Nettuno 680 (17-8); T&A San Marino 560 (14-11); CariParma 542  (13-11); Telemarket Rimini 500 (12-12); De Angelis Godo 120 (3-22); Redipuglia 042 (1-23).