Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Ludovico Coveri sul monte per San Marino contro Parma nella IBL 2016. Dal 10 giugno giocherà in Repubblica Dominicana per i Philadelphia Phillies (Duck Foto Press)

Ludovico Coveri si racconta su FIBS Channel

Ludovico Coveri, cresciuto nel settore giovanile del CRAL Mattei Ravenna, ha firmato un contratto da professionista con i Philadelphia Phillies. E' il terzo giocatore cresciuto all'Accademia (dopo Leonardo Colagrossi per i Phillies e Claudio Scotti per i Pirates) a firmare in questo 2016 e il diciassettesimo in totale. Fate click sotto per vedere l'intervista video su FIBS Channel, il nostro canale YouTube.

Nell'intervista Coveri racconta del provino sostenuto in Repubblica Dominicana qualche giorno fa: "E' andato molto bene. Sono arrivato una settimana prima e mi sono allenato 3 giorni. Mi hanno spiegato come lavorano loro e poi ho partecipato al try out con molti altri ragazzi. E' andato molto bene e mi hanno chiamato per una partita contro i Seattle Mariners. Ho lanciato un inning e mi è arrivata la proposta di contratto. Il 10 giugno parto per la Repubblica Dominicana, doveLudovico Coveri ha firmato nel maggio 2016 un contratto da professionista con i Philadelphia Phillies inizia il campionato estivo".

Coveri ritiene questo traguardo più che altro un inizio: "Firmare era tra i miei obiettivi, ma lo considero più che altro un punto di partenza. Vorrei salire, arrivare a giocare negli Stati Uniti".
Sa che la concorrenza non mancherà: "Là tirano molto forte, ma noi italiani siamo ben allenati e sappiamo gestire la zona dello strike con diversi lanci. Penso sia per questo che sono piaciuto".
Ludovico non è comunque spaventato: "Ero più spaventato prima del provino. Non parlo bene lo Spagnolo e conoscevo solo una persona. Però mi sono ambientato e poi ho visto che l'Accademia dei Phillies è il posto ideale dove stare".

L'avventura di Coveri, come dicevamo, è iniziata da un'altra Accademia: quella FIBS di Tirrenia: "Sono entrato lo scorso anno e sono cresciuto molto come velocità. Bill Holmberg mi ha aiutato tantissimo e lavorerò ancora con lui per le settimane che precedono la partenza".